Questo sito usa cookie tecnici e cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di rendere più rapido e migliore il suo utilizzo e per inviarti messaggi pubblicitari in linea con le preferenze da te manifestate durante la navigazione.
Se vuoi saperne di più o modificare le impostazioni del tuo browser relativamente ai cookies, fino ad eventualmente escluderne l’installazione, premi qui.
Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.



la Biennale di Venezia
Visual Top Arte (new)

Arte


Direttore

Christine Macel
Dopo gli studi nel campo della storia dell’arte, Christine Macel (nata a Parigi, 1969) è stata conservatrice del patrimonio e ispettore della creazione artistica nella “Délégation aux Arts Plastiques” del Ministero della Cultura francese (dal 1995). Dal 2000 ricopre l’incarico di Curatore capo del Musée national d’art moderne – Centre Pompidou di Parigi, dove è responsabile del Dipartimento della “Création contemporaine et prospective” che ha creato e sviluppato. È stata curatrice del Padiglione Francese alla Biennale Arte 2013 (Anri Sala) e del Padiglione Belga alla Biennale Arte 2007 (Eric Duyckaerts).
Per il Centre Pompidou ha curato e co-curato numerose mostre collettive, tra cui Danser sa vie, art et danse aux XX e XXIème siècles (2011); Les Promesses du passé. Une histoire discontinue de l’art à l’Est de l’Europe depuis 1956 (50 artistes) (2010); Airs de Paris, mutations dans la ville et la vie urbaine (2007); Dionysiac (2005). Ha curato anche le personali di artisti come Anri Sala (2012), Gabriel Orozco (2010), Philippe Parreno (2009), Sophie Calle (2003), Nan Goldin (2002) e Raymond Hains (2001).
Sempre al Pompidou ha ideato e realizzato “Espace 315”, una galleria dedicata ai giovani artisti della scena internazionale, per la quale ha curato otto esposizioni tra il 2004 e il 2013: Koo Jeong-A, Magnus Von Plessen, Xavier Veilhan, Jeppe Hein, Pawel Althamer, Damian Ortega, Tobias Putrih, L’Image dans la sculpture (Navid Nuur, Nina Beier, Simon Denny, Yorgos Sapountzis). Ha inoltre concepito nel 2002 la realizzazione e programmazione di “Prospectif Cinéma”, per mettere in luce la produzione cinematografica di giovani artisti francesi e internazionali.
Ha anche fatto la direzione artistica del Festival du Printemps de Cahors per due anni (ExtraetOrdinaire, 1999; Sensitive, 2000), e curato la mostra di Jeppe Hein al Moore Space Miami (2005), di John Bock al FRAC di Marsiglia (2006) e di Ziad Antar alla Sharjah Foundation (2012).
Nel 2015 ha curato Nel Mezzo del Mezzo. Arte contemporanea nel Mediterraneo, Museo Riso di Palermo; What We Call Love, from Surrealism to Now, Irish Museum of Modern Art di Dublino; Une histoire, art, architecture, design, des années 80 à nos jours, Centre Pompidou, che inaugurerà all’Haus der Kunst di Monaco nel mese di marzo 2016. È curatrice di Collected by Thea Westreich Wagner and Ethan Wagner con Elisabeth Sussman, inaugurata al Whitney Museum di New York lo scorso novembre 2015 e prevista al Centre Pompidou il prossimo 10 giugno 2016.
Attualmente sta lavorando a due esposizioni per il Centre Pompidou: Dear Friends, donations of the last 5 years (marzo 2016); Melik Ohanian, Marcel Duchamp Prize (maggio 2016).
Ha collaborato con le riviste Artforum e Parachute (dal 1995 con articoli su Rebecca Horn, Pier Paolo Calzolari, etc.), Flash Art (intervista a Koo Jeong A nel 2005, Giovani artisti francesi nel 2006, Gyan Panchal nel 2008 etc.), Art Press (articoli e resoconti di mostre), Beaux-Arts Magazine, Parkett (con saggio recente su John Waters) e Cahiers du Musée national d’art moderne.
È autrice di numerosi saggi, libri e cataloghi, tra cui il saggio Le Temps pris/Time Taken (francese, inglese, Monografik/Centre Pompidou 2008) sul tema dell’arte contemporanea e del concetto di tempo nell’opera d’arte. Ha recentemente pubblicato un saggio su Lygia Clark nel catalogo del MoMa del 2015 e uno su Anri Sala nel catalogo del New Museum di New York (Phaïdon, febbraio 2016).
Ha insegnato arte contemporanea all’Ecole du Louvre di Parigi dal 1997 a 2002, e creato o partecipato alla creazione di diverse associazioni dedicate all’arte contemporanea (Espace Blank, Parigi), all’arte e alle neuroscienze (AoN, Berlin), all’arte e alla musica techno (Faste, Paris).