Chiudi

la Biennale di Venezia
header di sezione La Biennale (new)

La Biennale

Bacheca Biennale

Chiesa di Santa Maria della Visitazione

Inserzione n. 123 - data: 13/12/2012

Denominazione istituzione: Chiesa di Santa Maria della Visitazione
Nome e cognome del delegato: Luisa Flora
Ubicazione: Dorsoduro 947 - 30123 Venezia
Mq espositivi disponibili: l’area disponibile all’interno della chiesa è di circa 400 metri quadrati. Il portico del chiostro occupa una superficie di 130 metri quadri; la superficie occupabile del giardino del chiostro (spazio scoperto) misura 224 metri quadri
Riferimenti: Tel. +39 348 101 4893
info@arteeventi.com - Immagini >>


 
 


 
Altre informazioni
• Descrizione ubicazione dello spazio: l’edificio si trova sulle Fondamenta delle Zattere ai Gesuati, all’interno del “chilometro della cultura” di Venezia, che comprende le Gallerie dell’Accademia, la Peggy Guggenheim Collection, Punta della Dogana, la Fondazione Vedova, i Magazzini del Sale, Palazzo Franchetti dell’Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti.

• Raggiungibilità per il pubblico e per i trasporti delle opere: la Chiesa è situata di fronte alla fermata ACTV “Zattere” (linee 2, 5.1 e 5.2, 6) e a 300 metri dalla fermata Accademia (linee 1, 2 e Vaporetto dell’Arte). Sulle fondamenta Zattere si trova anche il pontile d’attracco delle linee “Alilaguna Blu” e “Alilaguna Rossa”, che collegano con l’Aeroporto Internazionale Marco Polo.

• Facilities: questo edificio religioso è il primo esempio di chiesa rinascimentale a Venezia e fu costruito a partire dal 1494: la parte più significativa e pregevole della chiesa è il soffitto, che risale agli inizi del 1500 e che raccoglie 58 tavole recentemente restaurate (esempio rarissimo in Venezia). Dopo lunghe vicissitudini, che videro anche l’allontanamento dei frati da parte di Napoleone, la chiesa ricominciò ad essere usata dal 1919 per il culto religioso da San Luigi Orione, che raccoglieva lì i sui giovani orfani dell’istituto "Artigianelli". Attualmente l'edificio è luogo di culto per i religiosi dell’Opera Don Orione; l’eventuale utilizzo a fini culturali è strettamente legato ad un uso che non sia incompatibile con la sacralità del luogo. Collegato alla Chiesa si trova un chiostro quattrocentesco, con un portico a L, anch’esso fruibile.