La Biennale di Venezia

Your are here

Cinema

Hafsteinn Gunnar Sigurðsson - Undir trénu (Sotto l’albero)



Islanda, Danimarca, Polonia, Germania / 89’
lingua Islandese
cast Steinþór Hróar Steinþórsson, Edda Björgvinsdóttir, Sigurður Sigurjónsson, Lára Jóhanna Jónsdóttir, Þorsteinn Bachmann, Selma Björnsdóttir, Dóra Jóhannsdóttir, Sigríður Sigurpálsdóttir Scheving
sceneggiatura Hafsteinn Gunnar Sigurðsson, Huldar Breiðfjörð
fotografia Monika Lenczewska
montaggio Kristján Loðmfjörð
scenografia Snorri Freyr Hilmarsson
costumi Margrét Einarsdóttir
musica Daníel Bjarnason
suono Björn Viktorsson, Frank Mølgaard Knudsen, Sylvester Holm

Sinossi

Agnes caccia di casa Atli e non vuole che lui veda più la loro figlia Ása. L’uomo si trasferisce dai genitori, coinvolti in un’amara disputa riguardante il loro grande e magnifico albero, che fa ombra al giardino dei vicini. Mentre Atli lotta per ottenere il diritto di vedere la figlia, la lite con i vicini si intensifica: la proprietà subisce danni, animali scompaiono nel nulla, vengono installate telecamere di sicurezza e gira voce che il vicino sia stato visto con una motosega in mano.

Commento del regista

Ognuno di noi vive, se non insieme, per lo meno accanto ad altre persone. Ma fare parte di una comunità è un compromesso che può diventare fonte di grossi problemi. I litigi tra vicini sono un fenomeno orribile e al tempo stesso affascinante: tendono a diventare piuttosto brutali, ma sono anche divertenti nella loro assurdità. Di solito riguardano rispettabili cittadini mai coinvolti prima in attività illegali che, a causa della rabbia e dell’odio verso i vicini, cominciano a manifestare comportamenti aggressivi e violenti. In altre parole, tali controversie tirano fuori il peggio delle persone: potrebbero persino trasformare vostra nonna in una feroce assassina. Dopotutto cos’è la guerra, se non una disputa tra vicini, ma su scala molto più grande?

Sala Casinò

LUNGOMARE MARCONI 1861, 30126
LIDO DI VENEZIA
TEL  0415218711
info@labiennale.org

Scopri la sede


Condividi su

Biennale Cinema
Biennale Cinema