Questo sito usa cookie tecnici e cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di rendere più rapido e migliore il suo utilizzo e per inviarti messaggi pubblicitari in linea con le preferenze da te manifestate durante la navigazione.
Se vuoi saperne di più o modificare le impostazioni del tuo browser relativamente ai cookies, fino ad eventualmente escluderne l’installazione, premi qui.
Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.



la Biennale di Venezia
Main Visual Sezione Cinema (new)

Cinema


69. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica

Direttore: Alberto Barbera

29 agosto > 8 settembre 2012

Venezia Classici

HIMALA (1982) - ISHMAEL BERNAL
Tutte le sezioni »
 
Sinossi
Durante un’eclissi totale in cui tutti credono che stia per arrivare la fine del mondo, a Elsa, una ragazza insignificante, appare la Madonna, sulla collina dove da neonata era stata trovata e adottata da Saling. All’inizio la gente del villaggio non le crede finché Elsa non si rivela una guaritrice. Ricchi e poveri arrivano in massa in questo isolato villaggio e qualche abitante intraprendente inizia a fare affari affittando le misere case agli stranieri. Un regista indipendente documenta l’attività di Elsa e la signora Alba imbottiglia e vende l’acqua benedetta da Elsa. Mentre pregano sulla collina, Elsa e la sua assistente Chayong sono assalite e violentate da alcune persone sotto l’effetto di droghe. Elsa è incinta e smette di guarire la gente. I devoti credono in una immacolata concezione. Cosa succederà quando Elsa rivelerà che non c’è stato alcun miracolo e le guarigioni erano dovute solo alla fede di tutti?
5 settembre 19:15 - Sala Volpi 6 settembre 17:15 - Sala Pasinetti VENEZIA CLASSICI Himala (1982) di Ishmael Bernal - Filippine, 124'
v.o. filippino - s/t inglese, italiano
Nora Aunor, Veronica Palileo, Spanky Manikan
 
Commento del regista
Il film non è solo la storia di qualche personaggio, ma anche quella di una società. Questo è Himala. In Himala mostro il ritratto di una società malata. Una società che non ha altro a cui aggrapparsi se non apparizioni e miracoli. Non è importante se ci sia stato o meno un miracolo, ma è importante il bisogno della gente di credere.*
* Tradotto dal tagalog dallo sceneggiatore Ricardo Lee.