la Biennale di Venezia
Main Visual Sezione Cinema (new)

Cinema


70. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica

Direttore: Alberto Barbera

28 agosto > 7 settembre 2013

Orizzonti

IL TERZO TEMPO - ENRICO MARIA ARTALE
Tutte le sezioni »
 
Sinossi
Samuel è un ragazzo nato e cresciuto in condizioni difficili e violente che ha trascorso già diversi anni entrando e uscendo dal carcere. Il magistrato di sorveglianza, finito l’ennesimo periodo di reclusione, lo inserisce in un programma di riabilitazione presso un’azienda agricola. Il suo supervisore è l’assistente sociale Vincenzo, il quale, dopo la morte della moglie, fatica a ristabilire un certo equilibrio nella sua esistenza: si divide tra il lavoro, una figlia adolescente e l’incarico di allenatore della squadra locale di rugby. Samuel si adatta difficilmente alle regole dell’azienda agricola e il rapporto con Vincenzo si rivela da subito problematico. Ex campione di rugby, Vincenzo intuisce le potenzialità sportive del ragazzo e lo convince a provare a cimentarsi in mischie, calci piazzati e mete. I primi allenamenti sono un fallimento, Samuel non lega con i compagni e la mentalità del “gioco di squadra” non gli appartiene. Le tensioni e le incomprensioni tra Vincenzo e Samuel non diminuiscono e il legame che il ragazzo crea con Flavia, figlia dell’allenatore, peggiora il tutto. Giorno dopo giorno, però, Samuel capisce di aver trovato nello sport nuovi e sani stimoli, una possibilità di riscatto grazie alla palla ovale e una nuova vita nell’affiatamento con i compagni di squadra e nell’amore di Flavia.
31 agosto 14:30 - Sala Grande 1 settembre 15:15 - PalaBiennale ORIZZONTI Il terzo tempo di Enrico Maria Artale - Italia, 96'
v.o. italiano - s/t inglese
Stefania Rocca, Stefano Cassetti, Lorenzo Richelmy, Edoardo Pesce, Margherita Laterza
 
Commento del regista
Il terzo tempo è un film che riunisce diversi generi attorno a un’emozione: il film sportivo o il film sociale di derivazione carceraria, la commedia sentimentale o il dramma familiare si intrecciano in un racconto dove ogni personaggio è segnato da un conflitto interiore. La macchina da presa segue il protagonista con radicale prossimità, aderendo al suo punto di vista emotivo e al suo corpo affaticato. Il film è innanzitutto la sfida fisica e intimamente epica di chi è tenuto sempre a rilanciare la posta in gioco, a stancarsi sempre più nel tentativo di canalizzare un’energia, potenzialmente violenta e distruttiva, in qualcosa che possa nobilitarla e valorizzarla: lo sport, il rugby.

 
71. Mostra
Tutte le informazioni sull'edizione 2014, dal 27 agosto al 6 settembre
Biennale College - Cinema
I 3 lungometraggi dell’edizione 2013/2014 presentati alla 71. Mostra
Lido in Mostra
Servizi e agevolazioni per il pubblico, i giovani e gli accreditati