la Biennale di Venezia
Main Visual Sezione Cinema (new)

Cinema


70. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica

Direttore: Alberto Barbera

28 agosto > 7 settembre 2013

Venezia Classici

SORCERER (IL SALARIO DELLA PAURA, 1977) - WILLIAM FRIEDKIN
Tutte le sezioni »
 
Sinossi
Da Vera Cruz, Gerusalemme, Parigi ed Elizabeth, New Jersey: Nilo, Kassem, Victor e Jackie – quattro uomini in fuga dal loro passato – si trovano a Porvenir, un decrepito villaggio nella giungla sudamericana la cui vacillante economia fa capo a una compagnia petrolifera statunitense. Quando un pozzo esplode a 200 miglia di distanza, l’unico modo di fermare l’incendio è farlo saltare. Malamente custodita a Porvenir, la nitroglicerina è però diventata instabile e quindi si esclude la possibilità di un trasporto aereo. Viene promessa una grossa cifra a chi si offre volontario come autista per portare la nitroglicerina via terra. Nilo, Kassem, Victor e Jackie accettano la missione impossibile, a bordo di due camion di fortuna.
29 agosto 16:45 - Sala Grande 30 agosto 16:30 - PalaBiennale 6 settembre 22:00 - Sala Casinò VENEZIA CLASSICI Sorcerer (Il salario della paura, 1977) di William Friedkin - Usa, 121'
v.o. inglese, spagnolo, francese, tedesco - s/t italiano
Roy Scheider, Bruno Cremer, Francisco Rabal
 
Commento del regista
The Exorcist era un racconto sul Mistero della FEDE. Il suo impatto ha avuto un effetto profondo e inatteso su di me. Dopo tre anni di lavoro su tutte le versioni straniere del film, mi sentivo di dover realizzare un film sul Mistero del FATO, su uomini senza fede intrappolati in un paesaggio senza morale. Lo scenario ideale stava nel romanzo di George Arnaud e nel film di H.G. Clouzot, Vite vendute. Lavorai al film considerandolo una versione del tutto nuova e non un remake, come una nuova produzione di un classico come Amleto o Rigoletto non è un remake. I protagonisti sono uomini pieni di difetti, condannati a una vita d’inferno sulla terra, anche se restano attaccati alle loro esistenze. Il loro fato non dipende da loro stessi, ma è nella mani di un invisibile mago malvagio, lo Stregone del titolo. Se potessi scegliere uno solo dei miei film da ricordare, sceglierei Sorcerer.