Questo sito usa cookie tecnici e cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di rendere più rapido e migliore il suo utilizzo e per inviarti messaggi pubblicitari in linea con le preferenze da te manifestate durante la navigazione.
Se vuoi saperne di più o modificare le impostazioni del tuo browser relativamente ai cookies, fino ad eventualmente escluderne l’installazione, premi qui.
Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.



la Biennale di Venezia
Main Visual Sezione Cinema STORIA

Cinema


70 Registi per Venezia 70

- KARIM AÏNOUZ
Tutte le sezioni »
 

Biografia
Regista e video artista, nasce a Fortaleza, in Brasile, nel 1966. Dopo aver realizzato numerosi cortometraggi e documentari in formato video e 16 millimetri, come O Preso (1992), Paixão Nacional (1994) e Les Ballons de Barrios (1998), esordisce nel lungometraggio con Madame Satã (2002) presentato al Festival di Cannes nella sezione Un Certain Regard. Il suo nome si affaccia alla Mostra nel 2001 come sceneggiatore del film Abril despedaçado di Walter Salles, poi partecipa da regista altre due volte alla sezione Orizzonti: nel 2006 con O céu de Suely e nel 2009 con Viajo porque preciso, volte porque te amo, ambientato nella steppa del Sertão, un’isolata regione del Brasile nordorientale. Aïnouz è anche autore di serie TV (Alice, realizzata per la HBO America Latina). Le sue installazioni sono state esposte alla Biennale del Whitney Museum of American Art (1997) e alla Biennale di San Paolo (2004). Il suo ultimo film è O Abismo Prateado.
FILM PRESENTATI A VENEZIA:
2001 – Abril despedaçado (Aprile spezzato) – In concorso (sceneggiatura)
2006 - O céu de Suely (Suely in cielo) – Orizzonti (regia, sceneggiatura)
2009 – Viajo porque preciso, volte porque te amo – Orizzonti (regia, sceneggiatura)

 



70 Registi per Venezia 70