Questo sito usa cookie tecnici e cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di rendere più rapido e migliore il suo utilizzo e per inviarti messaggi pubblicitari in linea con le preferenze da te manifestate durante la navigazione.
Se vuoi saperne di più o modificare le impostazioni del tuo browser relativamente ai cookies, fino ad eventualmente escluderne l’installazione, premi qui.
Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.



la Biennale di Venezia
Main Visual Sezione Cinema STORIA

Cinema


70 Registi per Venezia 70

- JOHN AKOMFRAH
Tutte le sezioni »
 

Biografia
John Akomfrah, artista, scrittore e cineasta nato ad Accra (Ghana) nel 1957, è una delle figure portanti del movimento del cinema nero in Gran Bretagna negli anni Ottanta. Ex musicista, fotografo, regista di filmati in Super 8 e fondatore di svariati cineclub londinesi, vanta un’ampia produzione di lungometraggi, videodiapositive, installazioni cinematografiche museali, filmati sperimentali e documentari creativi. Seguace dell’etica punk del “Do It Yourself”, realizza progetti a metà strada tra saggio e poesia, che esplorano il mondo della fiction e non-fiction, del cinema e delle gallerie d’arte. Debutta alla regia nel 1986 lasciando subito il segno col controverso documentario Handsworth Songs, sull’esperienza contemporanea della popolazione nera in Inghilterra. Il successivo Testament (1988) è il ritratto di un politico africano forzato all’esilio dopo un colpo di stato, mentre Who Needs a Heart? (1991) e Seven Songs for Malcolm X (1993) sono ispirati dalla crescita del movimento Black Power in Gran Bretagna. Tre sono le sue partecipazioni alla Mostra: nel 1998 con Speak Like a Child, nel 2001 con Digitopia sulle derive, anche esistenziali, della diffusione del digitale e nel 2010 con The Nine Muses, che racconta la storia dell'immigrazione in Gran Bretagna dopo la Seconda Guerra Mondiale filtrandola attraverso la lente dell'Odissea di Omero.
FILM PRESENTATI A VENEZIA:
1998 – Speak Like a Child  Videoclip – Prospettive (regia)
2001 – Digitopia – Nuovi territori (sceneggiatura, regia)
2010 – The Nine Muses – Orizzonti (regia, interprete)

 



70 Registi per Venezia 70