la Biennale di Venezia
Main Visual Sezione Cinema STORIA

Cinema


70 Registi per Venezia 70

- DAVIDE FERRARIO
Tutte le sezioni »
 

Biografia
Nasce nel 1956 a Casalmaggiore, in provincia di Cremona. Si laurea in Letteratura americana all’Università di Milano. Vive a Torino. Inizia a lavorare nel campo del cinema negli anni ‘70 come critico cinematografico e saggista, avviando al contempo una piccola società di distribuzione a cui si deve la circuitazione in Italia di Fassbinder, Wenders, Wajda e di altri registi. Lavora, in seguito, in qualità di agente italiano per alcuni registi americani indipendenti come Spike Lee, John Sayles e Jim Jarmusch. Il suo debutto alla regia è del 1989 con La fine della notte, giudicato “miglior film indipendente della stagione”. Dirige poi sia opere di finzione che documentari, che gli procurano una grande considerazione in Italia e che sono stati presentati in numerosi festival internazionali, da Berlino al Sundance, da Toronto a Locarno. Partecipa diverse volte alla Mostra: nel 1994 con il lungometraggio Anime fiammeggianti, nel 1997 con Sul quarantacinquesimo parallelo, racconto di un doppio viaggio, quello fisico del gruppo musicale CSI dall’Emilia alla Mongolia e quello mentale del regista lungo il percorso del Po, nel 1998 nel film collettivo Alfabeto italiano. L’anno successivo torna con Guardami (1998), il racconto della quotidianità di un’attrice pornografica sconvolta dalla scoperta di avere un tumore, e nel 2011 è nella sezione Controcampo italiano col docuementario Piazza Garibaldi, viaggio tra passato e presente sulle orme della spedizione dei Mille. Nella sua filmografia vanno ricordati anche Tutti giù per terra (1997), tratto dal romanzo di Giuseppe Culicchia, Figli di Annibale (1998), Se devo essere sincera (2004). Rigorosamente indipendente, non è solo regista ma guida al contempo la propria casa di produzione. Dopo mezzanotte, realizzato con un budget molto ridotto, ha ottenuto un grande successo in Italia, è stato presentato al Festival di Berlino e venduto in tutto il mondo. Il suo ultimo film di finzione è Tutta colpa di Giuda (2009), girato nel carcere delle Vallette di Torino. È anche autore di romanzi: Dissolvenza al nero, tradotto in molte lingue ed adattato per lo schermo da Oliver Parker, e Sangue mio. È collaboratore di testate giornalistiche e radiofoniche, e, recentemente, fotografo.
FILM PRESENTATI A VENEZIA:
1994 – Anime fiammeggianti – Panorama italiano (regia)
1997 – Sul quarantacinquesimo parallelo – Eventi speciali – Immagini e musica (regia, soggetto)
1998 – Loro (in Alfabeto italiano) – Prospettive video (regia)
1999 – Guardami – Sogni e visioni (regia, sceneggiatura, soggetto)
2011 – Piazza Garibaldi – Controcampo italiano (regia, sceneggiatura)


 



70 Registi per Venezia 70

71. Mostra
Tutte le informazioni sull'edizione 2014, dal 27 agosto al 6 settembre
Biennale College - Cinema
I 3 lungometraggi dell’edizione 2013/2014 presentati alla 71. Mostra
Lido in Mostra
Servizi e agevolazioni per il pubblico, i giovani e gli accreditati