Questo sito usa cookie tecnici e cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di rendere più rapido e migliore il suo utilizzo e per inviarti messaggi pubblicitari in linea con le preferenze da te manifestate durante la navigazione.
Se vuoi saperne di più o modificare le impostazioni del tuo browser relativamente ai cookies, fino ad eventualmente escluderne l’installazione, premi qui.
Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.



la Biennale di Venezia
Main Visual Sezione Cinema STORIA

Cinema


70 Registi per Venezia 70

- BENOÎT JACQUOT
Tutte le sezioni »
 

Biografia
Nasce a Parigi nel 1947. Appena ventenne, inizia la sua carriera come aiuto regista di Marguerite Duras, Marcel Carné, Roger Vadim. Prima di debuttare sul grande schermo dirige alcuni documentary televisivi tra I quali una series su Jacques Lacan e la psicanalisi. Esordisce nel cinema nel 1976 con L’assassin musicien: tra I suoi primi titoli vanno ricordati anche Les enfants du placard (1977, con Lou Castel), Une villa aux environs de New York (1982, che segna anche il suo primo passaggio a Venezia nella sezione Mezzogiorno-Mezzanotte), Corps et bien (1986, interpretato da Dominique Sanda, Lambert Wilson e Jean-Pierre Léaud). Torna alla Mostra nel 1997, questa volta in concorso, con Le septième ciel. Il suo è un cinema sempre più legato all’indagine dei sentimenti quotidiani, alla letteratura e all’universo femminile: non a caso spesso le protagoniste dei suoi film sono donne.  Succede anche con L’ecole de la chair, in programma al Festival di Cannes 1998, e Pas de scandale (1999), col quale torna in corsa per il Leone d’Oro alla Mostra, entrambi interpretati da Isabelle Huppert. È a Venezia anche nel 2000 con Sade, con Daniel Auteuil nei panni del Marchese de Sade, nel 2001 con Tosca, sperimentale adattamento dell’opera di Puccini, e nel 2006 con L’intouchable, storia di una giovane francese che scopre di avere un padre indiano, conosciuto dalla madre durante un viaggio, e decide di partire per trovarlo. Il ultimo film Les adieux à la reine (2012, con Léa Seydoux, Diane Krüger e Virginie Ledoyen), la storia della lettrice prediletta dalla regina Maria Antonietta, partecipa al Festival di Berlino, riceve il premio Louis-Delluc e vince tre Premi César.
FILM PRESENTATI A VENEZIA:
1982 – Une villa aux environs de New York – Mezzogiorno- Mezzanotte (regia)
1997 – Le septième ciel – In concorso (regia, sceneggiatura, soggetto)
1999 – Pas de scandale (Niente scandalo) – In concorso (regia, sceneggiatura, soggetto)
2000 – Sade – Sogni e visioni (regia)
2001 - Tosca – Fuori concorso (regia, sceneggiatura)
2006 – L’intouchable – In concorso (regia, sceneggiatura)

 



70 Registi per Venezia 70