Questo sito usa cookie tecnici e cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di rendere più rapido e migliore il suo utilizzo e per inviarti messaggi pubblicitari in linea con le preferenze da te manifestate durante la navigazione.
Se vuoi saperne di più o modificare le impostazioni del tuo browser relativamente ai cookies, fino ad eventualmente escluderne l’installazione, premi qui.
Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.



la Biennale di Venezia
Main Visual Sezione Cinema STORIA

Cinema

70 Registi per Venezia 70

- SHIRIN NESHAT
Tutte le sezioni »
 

Biografia
Shirin Neshat, la più nota video artista e fotografa iraniana, debutta nella regia cinematografica nel 2009 con Donne senza uomini (Zanan bedoone mardan), premiato alla Mostra col Leone d’Argento per la miglior regia. I lavori di arti visive di Shirin Neshat, come il suo primo film, affrontano i temi delle motivazioni sociali e religiose che forgiano l’identità delle donne musulmane. Nel 1999 è stata premiata con il Leone d’oro alla 48. Biennale Arte di Venezia per le videoinstallazioni Turbulent e Rapture. In precedenza aveva ottenuto numerosi riconoscimenti per la serie Women of Allah, foto di donne i cui volti sono velati da fitte e ossessive trame calligrafiche. Le sue personali sono state esposte alla Tate Gallery di Londra, al Guggenheim Museum di New York, alla Serpentine Gallery di Londra, alla Kunsthalle di Vienna e al Museo d'Arte Contemporanea di Hiroshima. Una sua retrospettiva, con otto video installazioni e due serie di fotografie, si appena conclusa al Detroit Institute of Arts.
FILM PRESENTATI A VENEZIA:
2009 – Zanan bedoone mardan (Donne senza uomini) – Concorso (sceneggiatura, regia)

PREMI:
2009 – Leone d’Argento per la Migliore Regia – Zanan bedoone mardan (Donne senza uomini)

PRESENZE IN GIURIA:
2010 – Orizzonti (Presidente)

 



70 Registi per Venezia 70