la Biennale di Venezia
Main Visual Sezione Cinema STORIA

Cinema


70 Registi per Venezia 70

- WALTER SALLES
Tutte le sezioni »
 

Biografia
Nato a Rio de Janeiro nel 1956, è uno dei registi di spicco del cinema brasiliano contemporaneo. Dopo aver frequentato la University of Southern California School of Cinematic Arts, nel 1986 inizia a girare una serie di documentari per la televisione brasiliana.Nel 1991 debutta nel lungometraggio con Arte mortale, ma il successo arriva nel 1996 con Terra Estrangeira e soprattutto, due anni dopo, con il film Central do Brasil, vincitore dell’Orso d’Oro al Festival di Berlino, dell’Orso d’Argento per la miglior attrice protagonista a Fernanda Montenegro e del Golden Globe come miglior film straniero. La Mostra di Venezia lo vede in concorso nel 2001 con Abril despedaçado (Aprile spezzato), la storia, ambientata nelle praterie brasiliane, di un ragazzo che per ordine del padre deve vendicare la morte del fratello, ma sa che questo gesto cambierà radicalmente la sua vita. Nel 2004 conferma il suo amore per i “road movie” dirigendo uno dei suoi titoli più famosi, I diari della motocicletta, con Gael Garcia Bernal nei panni del giovane Ernesto Guevara: il film vince il Premio della Giuria al 57° Festival di Cannes. Partecipano al festival francese anche Linha de passe (2008), che si aggiudica il Premio per la miglior interpretazione femminile alla protagonista Sandra Corveloni, e On the Road (Sulla strada, 2012), primo adattamento cinematografico del celebre romanzo beat di Jack Kerouac, coprodotto da Francis Ford Coppola, con Garrett Hedlund nel ruolo di Dean Moriarty e Sam Riley in quello di Sal Paradise.
FILM PRESENTATI A VENEZIA:
2001 – Abril despedaçado (Aprile spezzato) – In concorso (regia, sceneggiatura)

 



70 Registi per Venezia 70