La Biennale di Venezia

Your are here

Intervento di

Marie Chouinard

Direttore Settore Danza

 

Il programma del 12. Festival Internazionale di Danza Contemporanea della Biennale di Venezia porterà in scena, negli spazi dell’Arsenale a Venezia, gli artisti che per me, a oggi, rappresentano al meglio l’essenza della danza come nutrimento per la psiche e per l’intelletto più che come puro oggetto estetico.

I due fili conduttori di questa seconda edizione sono: “respirazione come sovversione e strategia” e “creazione coreografica e interpretazione: due poli indivisibili che si nutrono a vicenda”.

I coreografi invitati creano i loro lavori senza utilizzare un linguaggio precedentemente codificato: il loro linguaggio si sviluppa, infatti, con l’avanzamento del processo creativo generando nuove relazioni con lo spazio nel quale si muovono i danzatori, accompagnando gli spettatori alla scoperta di luoghi sconosciuti e di nuovi paesaggi mentali ed emotivi.

Un esempio fra tutti, quello di Meg Stuart, alla quale è stato attribuito il Leone d’Oro: artista che ha saputo sviluppare un nuovo linguaggio e un nuovo metodo a ogni creazione, esplorando stati fisici ed emotivi, nuovi contesti e nuovi territori attraverso l’improvvisazione e la collaborazione con artisti appartenenti a differenti discipline.
L’edizione di questo anno della Biennale Danza presenta vari artisti che lavorano con la musica dal vivo, come la coreografa capoverdiana Marlene Monteiro Freitas, alla quale è stato attribuito il Leone d’Argento, che con il suo Bacchae/Prelude to a Purge mette in scena danzatori e musicisti interpreti di una stessa coreografia a testimonianza del forte legame fra danza e musica. Legame che ritroveremo esaltato anche in altri lavori come Some Hope for the Bastards di Frédérick Gravel e FLA.CO.MEN di Israel Galván.


Il Festival propone cinque prime mondiali: Quite Now di Irina Baldini, giovane coreografa italiana che ha partecipato lo scorso anno a Biennale College, Le Sacre du printemps di Xavier Le Roy in una nuova versione per tre danzatrici, Animale di Francesca Foscarini, Radical Vitality, Solos and Duets della Compagnie Marie Chouinard e la Nuova creazione di Daina Ashbee per i danzatori di Biennale College 2018.
Il Festival sarà arricchito inoltre da incontri con i coreografi, proiezioni di film e documentari.

Biennale College - Danza continua l’apertura ai giovani coreografi e ai danzatori e ripropone il percorso sperimentato nella precedente edizione.

I giovani danzatori, selezionati tramite bando internazionale, saranno 15 (di cui 8 italiani).
Nei tre mesi di percorso formativo studieranno con gli insegnanti il repertorio contemporaneo e si esibiranno, nel corso del 12. Festival Internazionale di Danza Contemporanea, nei 24 Préludes de Chopin di Marie Chouinard e in una nuova creazione di Daina Ashbee.

I tre giovani coreografi selezionati lavoreranno invece per un periodo di 6/7 settimane, nel corso delle quali daranno vita a nuove creazioni che saranno interpretate da sette danzatori professionisti selezionati ad hoc. Al termine del percorso è prevista la presentazione al pubblico nell’ambito di Biennale Danza 2018.

Entrambi i College, quello dei danzatori e dei coreografi, apriranno al pubblico le porte del loro spazio di lavoro in tre giornate, prima dell’inizio del Festival.

Biennale Danza
Biennale Danza