Chiudi

la Biennale di Venezia
Main Visual Sezione Danza (new)

Danza

Balé Teatro Castro Alves

15 / 16 / 17 giugno ore 20.00
Teatro alle Tese - Arsenale
BALÉ TEATRO CASTRO ALVES (Brasile)
A quem possa interessar  (prima italiana)

coreografia Henrique Rodovalho
con Adriana Bamberg, Agnaldo Fonseca, Ajáx Vianna, Alice Becker, Ângela Bandeira, Anna Paula Drehmer, Dina Tourinho, Evandro Macedo, Fátima Berenguer, Gilberto Baía, José Antônio Sampaio, Konstanze Mello, Lila Martins, Lilian Pereira, Luis Molina, Maria Ângela Tochilovsky, Mônica Nascimento, Paullo Fonseca, Renivaldo Nascimento (Flexa II), Rita Brandi, Rosa Barreto, Solange Lucatelli, Sônia Gonçalves, Ticiana Garrido
assistente alla coreografia Anna Paula Drehmer
musiche eseguite dal vivo da Badi Assad
scene, suono Henrique Rodovalho
luci Irma Vidal, Henrique Rodovalho
costumi Márcia Ganem
produzione Teatro Castro Alves

Da un Paese in forte accelerazione in tutti i campi - economico, sociale, intellettuale – come il Brasile, ricco di un meticciato culturale che nella danza ha trovato una delle sue espressioni più genuine, anche grazie a un patrimonio quotidiano fatto di riti tramandati nei secoli, arriva il Balé Teatro Castro Alves di Salvador di Bahia. La compagnia di 36 elementi, fondata nel 1981, fa parte delle compagnie statali impegnate principalmente nella valorizzazione delle danze tradizionali – samba, capoeira, axé, candomblè, danze afro-americane – tutte legate alle radici afro e rivisitate alla luce della coreografia brasiliana contemporanea. Dopo aver girato tra America ed Europa, a 31 anni di distanza dalla sua fondazione, il Balé do Teatro Castro Alves raccoglie oggi danzatori di generazioni diverse e per i “veterani” del gruppo, la nuova direzione di Jorge Vermelho, ha cercato un repertorio calibrato, sull’esempio di Jirí Kylián con il Nederlands Dans Theater III, dedicato a performer-interpreti che hanno superato i 40 anni.

Nei nuovi lavori, 1Por1Praum  di Jorge Vermelho e A quem possa interessar  di Henrique Rodovalho, presentati alla Biennale in prima nazionale, i danzatori del Balé Teatro Castro Alves costruiscono una partitura di gesti attingendo ai contenuti della memoria del corpo che è anche memoria della vita. 1Por1Praum, come recita il titolo, è un vis à vis tra spettatori e ballerini, ognuno dei quali ha a disposizione uno spazio dedicato, raccolto, segreto, in cui rivelare la propria anima danzante. Dieci “abitacoli” per dieci danzatori, autori di altrettante brevi performance, piccole schegge di un vissuto personale, di cui si fa testimone uno spettatore per volta.

A quem possa interessar ritorna al tema autobiografico mettendo questa volta a confronto la ricerca di un’identità individuale all’interno della collettività. I ballerini si raccontano attraverso la parola e attraverso il gesto, guidati dal coreografo Henrique Rodavalho, direttore della compagnia di danza di Quasar e coreografo anche per il Nederlands Dans Theater. In scena con i danzatori, la chitarrista e cantante di fama internazionale Badi Assad, che con la voce e il corpo ha esplorato il mondo dei suoni creando un personalissimo linguaggio musicale. Ben nota anche in ambito jazz, Badi Assad, ha al suo attivo collaborazioni con artisti del calibro di Pat Metheny e John Abercrombie.