la Biennale di Venezia
Main Visual Sezione Danza (new)

Danza


The Forsythe Company

15 / 16 / 17 e 22 / 23 / 24 giugno ore 19.00 > 23.00
Artiglierie dell’Arsenale
THE FORSYTHE COMPANY (Germania)
Nowhere and everywhere at the same time (prima italiana)

oggetto coreografico di William Forsythe
con Brock Labrenz
realizzazione tecnica Max Schubert
produzione The Forsythe Company
The Forsythe Company è sostenuta dalla città di Dresda e dalla regione Sassonia, dalla città di Francoforte e dalla regione Assia, è compagnia in residenza al Centro Europeo per le Arti HELLERAU di Dresda e al Bockenheimer Depot di Francoforte.

Leone d’oro alla carriera all’ultimo Festival Internazionale di Danza Contemporanea della Biennale di Venezia nel 2010, William Forsythe è un artista in costante evoluzione che non cessa di interrogarsi sui processi della danza, la sua struttura e la sua dinamica. Anche gli ormai celebri “oggetti coreografici”, creati da Forsythe ed esposti nelle gallerie e nei musei di tutto il mondo, sono uno degli strumenti di questa indagine. A Venezia, l’artista newyorchese, porterà, in prima per l’Italia, l’installazione coreografica Nowhere and everywhere at the Same Time.

Dal momento che danza e coreografia sono due pratiche differenti, è possibile per la coreografia - si chiede Forsythe - esprimere i suoi principi e i suoi concetti in assenza del corpo?”  È per rispondere a questo interrogativo che sono nati i suoi molteplici oggetti coreografici, oggetti che comunque non sostituiscono il corpo, semmai rappresentano “un luogo alternativo per capire dove risiedono la creazione e l’organizzazione del movimento”, un altro modo di esprimere il pensiero coreografico. Nowhere and everywhere at the Same Time, presentato per la prima volta a New York nel 2005, quindi a Dresda e a Francoforte nel 2007, alla Tate Modern di Londra nel 2009 e all’Arts Festival di Taipei lo scorso anno, arriva ora alla Biennale di Venezia. Invaderà gli spazi delle Artiglierie dell’Arsenale con le sue centinaia di pendoli appesi a sottili fili metallici, oscillanti sotto la spinta dei movimenti del danzatore Brock Labrenz, teso all’esplorazione della forza di gravità e delle potenzialità cinetiche di questo ambiente.

F
orsythe era stato per la prima volta alla Biennale di Venezia con You Made Me a Monster, con cui aveva inaugurato il 3. Festival Internazionale di Danza Contemporanea nel 2005; alla Biennale è poi tornato quattro anni dopo con The Fact of Matter/Choreographic Object, questa volta invitato alla 53. Esposizione Internazionale d’Arte dal Direttore Daniel Birnbaum, prima di ritirare il premio alla carriera, occasione per la quale ha presentato la coreografia N.N.N.N.
Quarto palcoscenico
Video e fotogallery
Biennale College - Teatro
Nove laboratori dal 30 luglio al 10 agosto 2014
Biennale Musica 2014
20 > 21 settembre, 3 > 12 ottobre 2014