Questo sito usa cookie tecnici e cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di rendere più rapido e migliore il suo utilizzo e per inviarti messaggi pubblicitari in linea con le preferenze da te manifestate durante la navigazione.
Se vuoi saperne di più o modificare le impostazioni del tuo browser relativamente ai cookies, fino ad eventualmente escluderne l’installazione, premi qui.
Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.



RSS YouTube Flickr Twitter Facebook Instagram
la Biennale di Venezia
Main Visual Sezione Danza (new)

Danza

Biennale College Danza nel programma dell’11. Festival

< Indietro
06 | 04 | 2017

Nato per promuovere i talenti offrendo loro di operare a contatto di maestri per la messa a punto di creazioni, Biennale College – Danza presenta quest’anno, all’interno del Festival, l’esito di due percorsi intensivi e strutturati dedicati uno all’arte della danza e per la prima volta uno dedicato all’arte della coreografia; quest’ultimo offre a 3 nuovi coreografi l’occasione unica di realizzare una creazione originale della durata minima di 12 minuti. I 3 nuovi coreografi lavoreranno con danzatori professionisti di elevata esperienza, per la durata di un periodo di 6 settimane, che si concluderà con la presentazione al pubblico delle 3 creazioni originali in un’unica serata, nell’ambito dell’11. Festival di Danza Contemporanea della Biennale di Venezia.
 
Il 28 giugno al Teatro Piccolo Arsenale (ore 21.30) saranno presentate 3 brevi coreografie originali realizzate dall’italiana Irina Baldini, 29 anni; l’australiana Chloe Chignell, 24 anni;lo spagnolo Joaquín Collado Parreño, 26 anni.
I tre coreografi saranno a Venezia dal 16 maggio al 27 giugno e dopo una fase propedeutica sul processo creativo di William Forsythe, per 6 settimane lavoreranno ognuno alla propria creazione con 7 danzatori professionisti. Nelle diverse fasi di ricerca, elaborazione, realizzazione delle 3 creazioni Irina Baldini, Chloe Chignell, Joaquín Collado Parreñopotranno confrontarsi con esperti come Elizabeth Waterhouse, formata all’American Ballet e per 9 anni attiva con il Ballet Frankfurt/The Forsythe Company; Hildegard de Vuyst, dramaturg per les ballets C de la B di Platel e poi per il Teatro Reale Fiammingo; Chaterine Schaub Abkarian, attrice, regista, danzatrice, a lungo attiva con il Théâtre du Soleil di Ariane Mnouchkine.
 
Il 26 giugno nelle Sale d’Armi (ore 19.30) debuttano i 15 danzatori selezionati, protagonisti di un estratto sul lavoro su Sider di William Forsythe e una nuova creazione che Benoît Lachambre haideato appositamente per Biennale College.
 
I danzatori selezionati (11 italiani, 2 statunitensi, 1 francese, 1 australiana) sono a Venezia dal 4 aprile al 26 giugno per seguire un percorso integrato di training e interpretazione. Il training è focalizzato sulla consapevolezza del corpo o approccio somatico, con Judith Koltai (Authentic Movement), Tom Koch (Tecnica Alexander), Nora Benian (Yin Yoga), Maria Raffaella Dalla Valle (Feldenkrais). Sul fronte del training si praticano tecniche di danza contemporanea, privilegiando il metodo Forsythe, e si sviluppa la ricerca del movimento con Katja Cheraneva, Frances Chiaverini, Josh Johnson, Roberta Mosca, David Kern, tutti ex danzatori di William Forsythe, garanzia della trasmissione da maestro ad allievo.  Sul fronte dell’interpretazione i danzatori lavoreranno con Benoît Lachambre a un nuovo lavoro e con gli ex danzatori di Forsythe all’interpretazione di un lavoro di repertorio.