la Biennale di Venezia
Main Visual Musica (new)

Musica


Biografie

NOTE BIOGRAFICHE SUI COMPOSITORI
Sono presentate le biografie dei compositori nati dopo il 1960
 
Andrea Agostini (Bologna – Italia, 1975)
Ha studiato pianoforte, composizione e musica elettronica a Bologna; in seguito si è perfezionato con Brian Ferneyhough, Michael Jarrell, Ivan Fedele e altri, e ha seguito il corso biennale in composizione e informatica musicale all'Ircam di Parigi. Ha composto opere di musica strumentale, elettroacustica e mista. È risultato vincitore o finalista in svariati concorsi internazionali, tra cui Musica Viva, Prix Noroit, 3rd Seoul Competition for Composers, Nuova Consonanza e ha ricevuto commissioni da diversi ensemble e istituzioni, tra cui il Ministero francese della Cultura e la Cineteca del Museo del Louvre. Sue opere sono regolarmente eseguite in importanti festival in Europa e Nord America, come MiTo, Sincronie, REC, IMEB, MIA, Agora e Spark. La sua curiosità per la totalità dei linguaggi musicali contemporanei l'ha portato a lavorare in ambiti diversi, come il rock e le musiche improvvisate, e a studiare tradizioni musicali non occidentali. Ha composto musiche per la radio, il cinema e il teatro. Nello stesso tempo, è attivo nel campo dell'informatica musicale e ha sviluppato, insieme al compositore Daniele Ghisi, una libreria di strumenti informatici per la composizione assistita da computer. Collabora, inoltre, con numerosi artisti in progetti sperimentali legati alle nuove tecnologie ed è attualmente compositeur en recherche all'Ircam.
 
Stefano Alessandretti (Assisi – Italia, 1980)
Musicista informatico e compositore, studia percussioni, musica elettronica e composizione. Si diploma in musica e nuove tecnologiepresso il Conservatorio di Firenze e in Regia del Suono & Live Electronics al Conservatorio di Venezia, dove studia con A. Vidolin e P. Zavagna. Partecipa a seminari di composizione e musica elettronica tenuti da: Ircam, G. M. Koenig, A. Di Scipio, T. Wishart, S. Sciarrino, T. Coduys, G. Jacquemin, D. Zicarelli, Y. Maresz, M. Lanza. Svolge una regolare attività concertistica e partecipa a importanti rassegne e festival, tra i quali: World Venice Forum, Premio Nazionale delle Arti, Biennale Musica di Venezia, EMU Fest, La Terra Fertile, Laptop Meets Musicians Festival, Unerhòrte Musik, Sound & Music Computing. Dal 2008 collabora con la Fondazione Archivio Luigi Nono nell’opera di conservazione dei materiali sonori del compositore veneziano. E` membro dell'Arazzi Laptop Ensemble, membro fondatore del SON Ensemble e coordinatore dei laboratori estivi di composizione e live electronics dell’associazione culturale Ischia Musica.
 
Franck Bedrossian (Parigi – Francia, 1971)
Dopo studi di scrittura, orchestrazione e analisi al CNR di Parigi, studia composizione con Alain Gaussin ed entra al Conservatoire National Supérieur di Parigi (classe di Gérard Grisey, poi di Marco Stroppa) dove ottiene un primo premio in analisi e il diploma di Formation supérieure de composition all'unanimità. Nel 2002/03, segue il Corso di composizione e informatica musicale all'Ircam con Philippe Leroux e Philippe Manoury. Parallelamente completa la sua formazione con Helmut Lachenmann (Centre Acanthes 1999, Internationale Ensemble Modern Akademie 2004). Le sue opere sono eseguite in Francia e all'estero da ensemble quali l'Itinéraire, 2e2m, Ictus, Court-Circuit, Cairn, Ensemble Modern, Alternance, Ensemble Intercontemporain, Orchestra Nazionale di Lione, nell'ambito dei festival Agora, Résonances, Manca, RTE Living, Music Festival, l'Itinéraire de nuit, Ars Musica. Nel 2001 ha ottenuto una borsa dalla Fondation Meyer, dalla Fondation Bleustein-Blanchet e, nel 2004, il premio Hervé Dugardin della SACEM. L'istituto di Francia (Accademia di Belle Arti) gli ha conferito il premio Pierre Cardin di Composizione musicale nel 2005. E’ borsista a Villa Medici a Roma dal 2006 al 2008. Dal settembre 2008 insegna composizione all'Università di Berkley in California.
 
Giovanni Bertelli (Verona – Italia, 1980)
Si diploma in pianoforte e composizione nella sua città, laureandosi contemporaneamente in filosofia. Di fondamentale importanza l'incontro con Stefano Gervasoni, con il quale studia al Conservatoire National Supérieur di Parigi, diplomandosi nel 2010. Successivamente, viene selezionato per i Cursus 1 e 2 all'Ircam. Durante il suo soggiorno in Francia entra in contatto con diverse personalità che avranno un forte impatto sulla sua estetica: in particolare Francesco Filidei, Daniele Ghisi, Heinz Holliger, Mauro Lanza e Yan Maresz. Riceve commissioni da Radio France, la Biennale di Venezia, Musik der Jahrhunderte, Divertimento Ensemble, Ascolta.  La sua musica è eseguita da formazioni come il quartetto Arditti, i Neue Vocalsolisten, Court-Circuit, Linea, Bit20.
 
Christophe Bertrand (Wissembourg- Francia, 1981 – Strasbourg - Francia, 2010)
Dopo il diploma in pianoforte e in musica da camera al Conservatoire National de Région di Strasburgo, si esibisce con l'Ensemble Accroche Note e l'Ensemble In Extremis, di cui è co-fondatore. Collabora con compositori quali Pascal Dusapin, Michael Jarrell, Mark André, Wolfgang Rihm. Nel 2000 ottiene il diploma di composizione al C.N.R. di Strasburgo. Partecipa al Cursus Annuel de composition et d'informatique musicale (2000-2001) all'Ircam, dove incontra Philippe Hurel, Tristan Murail, Brian Ferneyhough e Jonathan Harvey. Le sue composizioni, dirette tra gli altri da Pierre Boulez, Jonathan Nott, Hannu Lintu, Marc Albrecht, Pascal Rophé, Guillaume Bourgogne sono eseguite da prestigiosi ensemble e solisti: Ensemble Intercontemporain, Orchestre Philharmonique de Radio France, Quatuor Arditti, Accroche Note, Ensemble Court-Circuit, Orchestre Philharmonique de Strasbourg, Ensemble Aleph, Lucerne Festival Academy Orchestra, Irvine Arditti. Ha ricevuto commissioni dall'Ensemble Intercontemporain, il Festival di Lucerna, il Festival di Aix-en-Provence, l'Orchestre National d'Île de France, l'Orchestre Philharmonique de Strasbourg, il Festival Musica, Les Percussions de Strasbourg, l'Auditorium del Louvre, la Fondation André Boucourechliev, Les Musicales de Colmar, la Radio di Berlino, lo Stato francese, l'Ensemble Accroche Note e l'Ensemble Musicatreize, come pure da diversi mecenati privati.  Nel 2001 è stato insignito del Premio della Musica dall'Académie des Marches de l'Est, della Menzione d'Onore del Festival Gaudeamus, e della Earplay 2002 Donald Aird Memorial Composers Competition per la composizione Treis.  Nel giugno 2007 ottiene il Prix Hervé Dugardin della SACEM e il Premio André Caplet dall'Académie des Beaux-Arts (Institut de France).  E' stato compositore in residenza presso Villa Medici a Roma negli anni 2008/2009.
 
Oscar Bianchi (Milano – Italia, 1975)
Vincitore del premio Gaudeamus 2005, la musica di Oscar Bianchi è parte del repertorio di famosi ensemble come Ictus, Les Percussions de Strasbourg, Nieuw Ensemble, Neue Vocalsolisten Stuttgart e Ensemble l’Itinéraire ed è stata eseguita in istituzioni importanti come Muziekgebouw, Ircam Centre-Pompidou, Abbaye du Royaumont, Ars Musica, World New Music Days, Tages Fur Neue Musik-Zurich, Merkin Hall di New York. Le sue opere vengono trasmesse anche su canali radiofonici nazionali in Svizzera, Belgio, Francia, Olanda, Svezia, Italia e Grecia. Fra i suoi ultimi lavori, alcuni ancora in fase di elaborazione: Teso ma non Nervoso commissionato da Gaudeamus Foundation ed eseguito in prima assoluta dal Nieuw Ensemble; un pezzo per percussioni commissionato da Porto’s Drumming Grupo de Percussãoper il tributo a Frank Zappa; una cantata commissionata da Ictus Ensemble (che sarà eseguito con i Neue Vocalsolisten di Stoccarda). Nel 2005/2007 l’Ictus Ensemble gli conferisce una borsa di studio e al momento Bianchi lavora alla Columbia University di New York ad una tesi di dottorato in composizione. Durante i suoi studi di composizione, musica corale, direzione d’orchestra, e musica elettronica al Conservatorio Verdi di Milano, sua città natale, si è esibito regolarmente anche come pianista in gruppi di musica jazz etnica e ha composto musica per la RAI. In seguito si trasferisce a Parigi per partecipare ad un corso annuale di composizione dell’Ircam. Ha partecipato a masterclass in composizione contemporanea organizzati da Abbaye du Royaumont, Internationalen Ferienkurse für Neue Musik Darmstadt, Città di Castello, Stockholm International Composition Course e Atlantic Center for the Arts.  
 
Raphael Cendo (Nice - Francia, 1975)
Ha studiato pianoforte e composizione all’École Normale de Musique di Parigi, dove ottiene il diploma nel 2000. Si iscrive al corso di composizione del Conservatoire National Supérieur di Parigi nel 2003 e poi segue il corso annuale di composizione e informatica musicale all’Ircam, che conclude nel 2006. Ha seguito gli insegnamenti di Alain Gaussin, Brian Ferneyhough, Fausto Romitelli e Philippe Manoury. Scrive opere per ensemble internazionalmente noti, come Itinéraire, Ensemble Intercontemporain, Orchestre Nationale de l’Ile-de-France, Ictus, Nouvel Ensemble Moderne, Orchestre Symphonique di Montréal. La sua musica è stata eseguita nell’ambito di importanti manifestazioni come Lille Capitale Européenne de la culture all’Opéra di Lille, Centre Georges Pompidou, Mito a Milano, Radio France a Montpellier, Ars Musica a Bruxelles, Voix Nouvelles Royaumont, Présences di Radio France e Musica a Strasburgo. Raphaël Cendo ha ricevuto vari premi: nel 2007 il premio Espoir, dalla Fondazione Francis e Mica Salabert, per il concorso internazionale di composizione dell’Orchestre Symphonique de Montréal; nel 2009 il Prix Pierre Cardin dell’Académie des Beaux Arts e nel 2011 il Prix Hervé Dugardin de la SACEM. Ha insegnato composizione al Conservatorio di Nanterre e nel 2012 sarà professore invitato ai corsi estivi di Darmstadt e di Voix nouvelles a Royaumont. Raphaël Cendo è stato borsista presso l’Accademia di Francia a Roma dal 2009 al 2011.
 
Michele Del Prete (Novara – Italia, 1974),
Michele Del Prete ha studiato filosofia a Torino, Utrecht e Leiden conseguendo il dottorato di ricerca nel 2005 presso la Freie Universität di Berlino. Ha insegnato Teoria della percezione e psicologia della forma presso le Accademie di Belle Arti di Palermo e Torino. Si diploma in composizione e nuove tecnologie presso il Conservatorio di Venezia con Corrado Pasquotti e Alvise Vidolin; seguendo poi dei corsi di perfezionamento in composizione con Giacomo Manzoni (Scuola di Musica di Fiesole, 2009 e 2010). Approfondisce gli studi di composizione con Beat Furrer presso la Kunstuniversität di Graz e di musica elettronica con Alvise Vidolin e Paolo Zavagna al Conservatorio di Venezia. Segue in seguito masterclass con Claudio Ambrosini, Agostino Di Scipio, Pierluigi Billone, Chaya Czernowin e Dániel Péter Biró (matrix11, SWR Experimentalstudio Freiburg), e l’Atelier Ircam (Biennale Musica 2011). Sue musiche sono state eseguite a Berlino (Unerhörte Musik BKA), Venezia (Conservatorio di Venezia, Biennale Musica, Ateneo Veneto), Graz (Open Cube IEM, Minoritensaal, Impuls 2011-Signale Graz), Roma (EMUFest), Fiesole (Estate Fiesolana), Helsinki (Theater Academy), Barcellona (Zeppelin Festival), Milano, Hannover, Karlsruhe.
 
Agostino Di Scipio (Napoli – Italia, 1962)
E’ un compositore, artista sonoro e studioso. Si è avvicinato alla musica come autodidatta, poi ha completato la propria formazione diplomandosi al Conservatorio de L'Aquila in composizione (G. Bizzi, M. Cardi) ed in musica elettronica (M. Lupone). Esplora tecniche non convenzionali di esecuzione strumentale e di generazione elettroacustica e informatica del suono, con attenzione a fenomeni di rumore e turbolenza. Alcuni suoi brani sono concepiti come reti di interazioni sonore ricorsive "uomo-macchina-ambiente", per esempio i brani del progetto Ecosistemico Udibile e varie installazioni sonore operanti mediante scambio energetico con l'acustica dell'ambiente circostante. Ha ricevuto varie commissioni, tra cui Milano Musica (2011), Galerie Mario Mazzoli, Berlino (2011 e 2005), DAAD, Berlino (2008 e 2005), ZKM Karlsruhe (2006). Dal 2001 è docente di musica elettronica al Conservatorio di Napoli. Ha insegnato in varie istituzioni internazionali, tra cui CCMIX (Centre Creation Musicale Iannis Xenakis, 2001-2007), University of Illinois (2004), J.Gutenberg Universität (2005). E’ stato artista residente DAAD (Berlino 2004-05), IMEB (Bourges 2003 e 2007), compositore ospite alla Sibelius Academy (Helsinki 1995) e alla Simon Fraser University (Burnaby/Vancouver, 1992). Sue musiche sono incise su compact disc monografici (RZ, Berlino; Chrisopeé Electronique, Parigi/Bourges), e antologici (Wergo, Neuma Records, Limen, Capston Records e altre). Lavora in duo col pianista Ciro Longobardi, insieme al quale ha inciso una nuova realizzazione integrale di Electronic Music for Piano di John Cage (Stradivarius). Insieme a Mario Gabola ha formato il duo di improvvisazione elettroacustica radicale Upset (Viande Records).
 
Mario Diaz de Leon (St. Paul - Stati Uniti, 1979)
Mario Diaz de Leon è un compositore e polistrumentista che vive a New York. Ha studiato composizione presso l’Oberlin Conservatory e la Columbia University. La sua musica subisce sia l’influenza di compositori moderni come Scelsi, Dumitrescu e Ligeti, sia quella del metal underground e del noise electronics. Attualmente lavora da solo con il nome di Oneirogen, mentre in passato ha suonato in varie band tra cui Symbol, Disembodied e Mirrorgate. La sua discografia include incisioni con l’etichetta Shinkoyo, un CD di musica da camera con l’etichetta Tzadik di John Zorn e una prossima uscita con l’etichetta Denovali. Elogiato dal New York Times per l’ “intensità allucinatoria”, i suoi lavori per strumenti classici ed elettronici sono stati eseguiti negli Stati Uniti e in Europa da Ensemble come ICE, Telea, JACK Quartet, San Francisco Contemporary Music Players, Eighth Blackbird e il rumeno Hyperion Ensemble.
 
Sean Friar (Los Angeles, Stati Uniti, 1985)
Fa le sue prime esperienze nel rock e nell’improvvisazione blues con il pianoforte. Nonostante il suo interesse si sia ben presto indirizzato verso la musica classica, la sua maniera di comporre è rimasta in contatto con queste radici musicali. Le sue recenti commissioni vanno da quartetti d’archi e quintetti di fiati a un concerto per automobile rottamata e musica per laptop orchestra. La sua musica è stata eseguita da ensemble come Berlin Philharmonic Scharoun Ensemble (Germania), Crash Ensemble (Irlanda), Ensemble Klang (Paesi Bassi), New York Youth Symphony, Orkest de Ereprijs (Paesi Bassi), Psappha (Gran Bretagna), Darmstadt Staatsorchester (Germania), Alter Ego (Italia). La sua musica è stata presentata in vari festival tra cui Aspen, Bang on a Can, Bowdoin, Gaudeamus Muziekweek. Nel 2011 Clunker Concerto per automobile rottamata e orchestra è stato eseguito in prima assoluta al Carnegie Hall. Oltre ad essere il più giovane vincitore del Premio Roma, ha ricevuto vari riconoscimenti, tra cui Aaron Copland Award, Charles Ives Scholarship, quattro ASCAP Morton Gould Young Composer Awards, Renee B. Fisher Award. Attualmente Friar frequenta il dottorato presso Princeton, dove studia con Steve Mackey, Paul Lansky, David Lang e Dmitri Tymoczko. Si è laureato in musica e psicologia presso la UCLA nel 2007, dove aveva lavorato con Paul Chihara, Roger Bourland e Ian Krouse.

Davide Gagliardi (Reggio Emilia – Italia, 1988)
Studia chitarra classica con F. R. d’Ettorre. Ha lavorato in teatro con la compagnia di F. Tatulli per essere successivamente ammesso all'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica S. d'Amico. Studia percussioni con M. Carrano per specializzarsi nella tecnica del tamburello italiano con Massimo Laguardia, Alfio Antico e Fabio Tricomi tra i più importanti. Attualmente frequenta il corso di composizione e nuove tecnologie del Conservatorio di Venezia con Corrado Pasquotti e Paolo Zavagna. Nel suo percorso ha seguito masterclass con B. B. Damario, con A. Trudu, con A. di Scipio e Pierluigi Billone. Frequenta inoltre gli Internationalen Ferienkurse für Neue Musik Darmstadt. Alcuni dei suoi brani sono stati eseguiti durante il 55. Festival Internazionale di Musica Contemporanea della Biennale di Venezia, per l'opera Privo Sarò del Cielo e de l'Inferno, e all'Auditorium S. Cecilia di Roma. È uno dei fondatori di Pas-E (Production of Art and Sound Ensemble) con il quale svolge attività concertistiche (Ateneo Veneto, Fondazione Querini Stampalia di Venezia) e didattiche in ambito musicale di ricerca.
 
Bernhard Gander (Lienz – Austria, 1969)
Studia pianoforte, direzione e composizione al Conservatorio di Innsbruck e presso l’Università di musica e di arti drammatiche di Graz. Segue i corsi in composizione di Beat Furrer dal 2000 al 2004. Inoltre, si forma alla musica elettroacustica presso lo Studio UPIC di Parigi con Julio Estrada e Curtis Roads dal 1994 al 1995 e presso Swiss Zentrum für Computermusic di Zurigo nel 1997.  Riceve il premio in composizione Musikförderungspreis della città di Vienna nel 2004, così come un premio in forma di commissione dalla Erste Bank nel 2006, da cui ha origine Bunny Games, un brano che trova ispirazioni sia ludiche (BBugs Bunny) sia storiche (Scarlatti). Nel 2007, l’etichetta Kairos e l’ensemble Klangforum Wien gli dedicano un CD monografico. Sue composizioni sono state eseguite a Zurigo, Parigi, Darmstadt, New York, Seattle, Grecia, Giappone e Corea da, tra gli altri, l’Orchestra Sinfonica di Berlino eil Quatuor Arditti. Bernhard Gander ha ricevuto numerose commissioni: dalla Konzerthaus di Vienna (Der Melonenbaum, 2000), dall’ensemble Klangforum Wien (Leim, 2004), dall’Ensemble Modern, dai festival Musikprotokoll, da Wiener Modern, dal festival Klangspuren Schwaz (Horribile dictu, 2007), dal festival Donaueschinger Musiktage (Beine und Strümpfe, 2007; nuova creazione, 2012), dall’Ensemble Intercontemporain (2012).
 
Marco Gasperini (Belluno - Italia, 1980)
Si diploma in chitarra con Florindo Baldissera e in musica elettronica con Alvise Vidolin. Segue poi masterclass con Agostino Di Scipio, Gottfried Michael Koenig, James Dashow e André Richard. Ha lavorato, tra gli altri, con Carlo De Pirro, Agostino Di Scipio, Gottfried Michael  Koenig e Richard Teitelbaum. Ha fondato con Federico Costanza e Alessio Rossato il trio Meccanica Azione Sonora, dedito alla ricerca nell'ambito della composizione e della performance per e con strumenti acustici ed elettronici con il quale ha svolto attività concertistica (World Venice Forum, EMUfest, CIM) e didattica (Biennale Educational). Per la Fondazione Cini di Venezia ha curato l'esecuzione di musiche di Agostino Di Scipio, Gottfried Michael Koenig e contribuito all'allestimento del primo laptop ensemble in Italia (S. Giorgio Laptop Ensemble, Venezia, 2009). Sue composizioni sono state eseguite a Venezia (Palazzo Pisani, Sale Apollinee del Teatro La Fenice, Biennale Musica, Ateneo Veneto), Theater Academy Helsinki (CARPA 2009), Palazzo Reale di Milano, Roma (Festival Atlante Sonoro XXI, EMUfest 2010/2011, Festival FREON), Torino (XVIII CIM), Graz (Signale Graz, 2011), New York (Merkin Concert Hall, 2008). Ha svolto un periodo di tirocinio presso l’Ircam di Parigi, lavorando, tra gli altri, con Luca Francesconi (Teatro La Scala, 2011) e Philippe Manoury.
 
Rune Glerup (Aalborg - Danimarca, 1981)
Ha studiato con numerosi compositori in Danimarca e all’estero: con Walter Zimmermann a Berlino, e con Niels Rosing-Schow, Bent Sørensen e Hans Peter Stubbe Teglbjærg alla Royal Danish Academy of Music di Copenaghen, dove ha concluso gli studi in composizione e elettroacustica nel 2010. Ha approfondito gli studi presso l’Ircam dal 2010 al 2012. Ha frequentato masterclass con Phillippe Leroux, Phillippe Manoury, Hans Peter Kyburz, Dennis Smalley, Ivan Fedele, Rolf Wallin e Adriana Hölszky. Il suo lavoro è stato premiato con numerose borse di studio, tra cui la borsa per giovani musicisti della Fondazione Léonie Sonning Music e due borse dalla Danish Arts Foundation, la prima quando era solo diciannovenne e la seconda cinque anni dopo. La sua musica è stata eseguita da ensemble quali London Sinfonietta, Ensemble Alternance, Ensemble Tm+, Athelas Sinfonietta Copenhagen, Uusinta Ensemble, Curious Chamberplayers, Esbjerg Ensemble, Contemporánea e Trio Gáman. Inoltre è stata eseguita a festival come il Festival Printemps des Arts a Monte-Carlo, Nordic Musc Days, Young Nordic Music e Pulsar. Oltre agli studi in composizione, ha studiato direzione d’orchestra con Pierre-André Valade a Parigi. Nel 2009 è diventato direttore dell’Ensemble Contemporána, un ensemble danese specializzato nel suonare musica elettronica. Dal 2012 è direttore artistico di Athelas Sinfonietta Copenhagen e Athelas New Music Festival.
 
Raffaele Grimaldi (Siano – Salerno, 1980)
Compositore, pianista e direttore d’orchestra. Si è diplomato in pianoforte e in composizione a Salerno, perfezionamento in composizione presso l'Accademia di Santa Cecilia. Fra i concorsi vinti: Valentino Bucchi, International competition (Roma, 2005), Progetto giovani compositori (Forlì – Milano, 2007), International composition competition Toru Takemitsu (Tokyo, 2009), Forum 2010 – musique et vidéo d'art (10th International Forum for Young Composers - NEM, Nouvel Ensemble Moderne), Reading Session 2010 - Die 45 Internationalen Ferienkurse für Neue Musik Darmstadt, Gaudeamus Music Week 2011(Amsterdam), Wiener Konzerthaus's International composing competition 2012 - Towards the Next 100 Years (Vienna). Sue composizioni sono state eseguite in Europa, negli Stati Uniti, in Giappone e in Russia da orchestre come la Tokyo Philarmonica Orchestra, l’Orchestre Nationale de Lorraine, da insiemi cameristici come i Neue Vocalsolisten, Ensemble Studio for New Music Moscow, l’Ensemble Algoritmo, il Quartetto Prometeo, Amsterdam Collage Ensemble, Ensemble Transmission. E' stato selezionato dall’Ircam per il Cursus 1 in composizione e musica elettronica (2008/09). Negli anni 2008 e 2009 è stato ricercatore presso la Mèdiathéque Mahler di Parigi. E’ stato compositore in residenza con l'ensemble Aleph - L'Arbresle (Francia) nel 2008, l'Ensemble N.E.M. Nouvel Ensemble Moderne - Montreal (Canada) nel 2010, presso la Schloss Solitude Akademie in Stuttgart nel 2010/2011, alla Fondazione Spinola-Banna per l'arte di Torino nel 2011.
 
Yotam Haber (Leiden - Olanda, 1977)
Yotam Haber è cresciuto tra Israele, Nigeria e Stati Uniti. Ha ricevuto il Premio Roma Frederic A. Juilliard/Walter Damrosch del 2007-2008 e la borsa di studio John Simon Guggenheim Memorial Foundation nel 2005. Commissioni recenti includono due lavori per l’architetto Peter Zumthor, vincitore del premio Pritzker, nuove creazioni per Contemporaneous, per Gabriel Kahane, per Alarm Will Sound, per il Festival Bang on a Can Summer 2012, per Neuvocalsolisten Stuttgart, per ensemble l’Arsenale, per Flux Quartet, per Jack Quartet, per Cantori New York e per Quartet New Generation. Attualmente collabora con Anna Schuleit, vincitrice della borsa di ricerca MacArthur Prize Fellow, ad un progetto su larga scala di 104 brani per pianoforte ispirati da altrettanti dipinti sulle storie dello scrittore austriaco Thomas Bernhard. Inoltre lavora a una composizione che sarà eseguita nel 2013 dall’Alabama Symphony Orchestra per commemorare l’attentato alla Chiesa Battista del 1963. Haber è il direttore artistico del MATA, organizzazione non-profit fondata da Philip Glass, che dal 1996 si dedica a commissionare e a presentare lavori inediti di giovani compositori provenienti da tutto il mondo.
 
Alexander Khubeev (Perm – Russia, 1986)
Si diploma nel 2011 presso il Conservatorio di Mosca in composizione con Yuri Kasparov e in composizione elettronica con Igor Kefalidis. Attualmente frequenta corsi di specializzazione presso lo stesso Conservatorio. Ha frequentato masterclass tenute da Ivan Fedele, Helmut Zapf, Martijn Padding, Simon Steen-Andersen, Tapio Tuomela. Nel 2011 ha partecipato alla International Academy of Moscow Contemporary Music Ensemble in Cajkovskij city con Pierluigi Billone e Franck Bedrossian. La sua musica è stata eseguita in concerti e festival di vari paesi, tra cui Italia, Francia, Germania, Cipro, Russia e Ucraina (Diaghilev Festival, Youth Music Forum, From the Avant-garde to the Present Day, Time of music: Fin de Siècle, Other Space, Contrasts, Moscow Autumn, Le Notti Ritrovate, Pharos International Contemporary Music Festival, Moscow Forum). Sue composizioni sono eseguite da Guido Arbonelli, Ensemble Aleph, Moscow Contemporary Music Ensemble, Studio for New Music Ensemble, Percussion Ensemble di Mark Pekarsky, GAM-ensemble, eNsemble, Ensemble Nostri Temporis. E’ stato compositore in residenza nel 2011 del GAM-ensemble. E’ membro dell’Unione Russa dei Compositori.
 
Yannis Kyriakides (Limisso – Cipro, 1969)
Studia musicologia all’Università di York, per approfondire poi gli studi musicali con Louis Andriessen al Conservatorio dell’Aia. Nello stesso periodo collabora anche con Dick Raaijmaakers, artista del suono. Nella maggior parte dei suoi lavori cerca di combinare forme tradizionali e mezzi digitali. Per Kyriakides è molto importante lo spazio sensoriale nel quale la musica si trova, per questo cerca un modo per oltrepassare le strutture convenzionali in cui la musica è presentata. E’ interessato dalla relazione tra musica e linguaggio; per questo molti dei suoi lavori utilizzano insieme testi video e musica. Ha scritto oltre novanta composizioni tra cui recenti lavori su larga scala: Memoryscape per video e ensemble (musikfabrik - WDR, 2010), Satellites per ensemble e elettronica (Seattle Chamber Players, 2010), Disco Debris (installazione interattiva - Amiens Maison de la Culture, 2010), Ocean of Rain (Aldeburgh Music Festival, 2008). Inoltre ha creato due installazioni sonore per il padiglione Olandese della Biennale di Venezia nel 2011. Ha partecipato a vari festival come Huddersfield Contemporary Music Festival (2007), November Music Festival (2011). Ha vinto numerosi premi, tra cui il premio per musica elettronica French Qwartz per il CD Antichamber e il premio Gaudeamus per conSPIracy cantata (2000). Ha fondato con Andy Moor e Isabelle Vigier l’etichetta UNSOUNDS che si occupa di musica elettronica. E’ direttore artistico dell’Ensemble MAE e attualmente insegna composizione al Conservatorio dell’Aia.
 
Marcello Liverani (Cagliari - Italia, 1976)
Dopo aver conseguito il diploma in composizione, musica corale e direzione di coro sotto la guida di G. Cartocci, ha proseguito la sua formazione frequentando diversi workshop e masterclass ed è stato selezionato per corsi avanzati in composizione come i corsi presso l'Accademia Musicale Chigiana (2005-2006) e l'Atelier de composition 2009 presso il Centre Acanthes (Metz). Sue musiche sono state eseguite in Italia ed in Europa ed ha ricevuto riconoscimenti nell'ambito di concorsi internazionali: tra questi è risultato unico premiato per l'edizione 2007 del concorso di composizione Guido d'Arezzo International Composition Competition. Studia presso l'Accademia Nazionale di S. Cecilia, sotto la guida di Ivan Fedele, dove conseguirà il diploma nel giugno del 2012.  E’ co-fondatore del gruppo di ricerca MOA all'interno del quale vengono sviluppati progetti inerenti all'interazione tra diverse forme artistiche nella ricerca di nuove modalità di organizzazione dell'evento musicale. Il suo pensiero si rivolge verso l'approfondimento espressivo di alcuni aspetti come la ricerca di sinestesie suggerite dalla natura del suono ed il legame tra la natura più intima del suono, il movimento e la forma nel comporre.
 
Marco Momi (Perugia – Italia, 1978)
Studia pianoforte, direzione d'orchestra e composizione a Perugia, Strasburgo, L'Aja, Roma, Darmstadt e Parigi; in ambito compositivo si è formato con Fabio Cifariello Ciardi e Ivan Fedele. Nel periodo 2007-2010 studia e lavora presso l'IRCAM di Parigi. I suoi lavori risultano premiati in numerosi concorsi internazionali come Gaudeamus Music Prize, Seoul International Competition, Reading Panel IRCAM-EIC. Nel 2008 riceve il Kranichsteiner Music Prize dalla Città di Darmstadt e per tre volte è stato candidato al Prix Prince Pierre di Monaco. Nel 2010-11 stato compositore in residenza presso l'Akademie der Künste Berlin e nel 2012 presso la Fondazione Banna Spinola per l’Arte. I suoi lavori risultano eseguiti da Ensemble Intercontemporain, Neue Vocalsolisten Stuttgart, Accroche Note, Ensemble Modern Akademie, Ensemble Nikel, Asko, Nieuw Ensemble, Itinéraire, Slagwerkgroep Den Haag, MDI, Algoritmo, Divertimento Ensemble, Marco Angius, Bas Wiegers, Marino Formenti, Robert HP Platz, Andrea Pestalozza e altri, in festival come Musica Strasbourg, Agora Paris, Warsaw Autumn, Culturscapes Basel, Music Today Seoul, IMD Darmstadt, Akademie der Künste Berlin, Bang on a Can New York, ManiFeste, AudioArtCircus Osaka, Tzlill Meudcan Tel Aviv, Gaudeamus Music Week, ZKM Karlsruhe. Ha ricevuto commissioni da istituzioni come il Ministero della Cultura Francese, Radio France, Ernst von Siemens Foundation, e ADK Berlin. È co-fondatore del blog www.nuthing.eu su cui scrive. Dal 2008 è docente presso Conservatori italiani e attualmente insegna Composizione presso il Conservatorio di Sassari.
 
Vittorio Montalti (Roma – Italia, 1984)
Diplomato in pianoforte con Aldo Tramma al Conservatorio Santa Cecilia e in composizione con Alessandro Solbiati al Conservatorio di Milano, ha frequentato inoltre il Conservatoire national supérieur de musique di Parigi, dove ha studiato composizione con Frédéric Durieux. Attualmente è iscritto al biennio specialistico di composizione con Alessandro Solbiati al Conservatorio di Milano e all’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. È stato selezionato per il Cursus 1 dell’Ircam di Parigi per l’anno 2011-2012. Ha seguito masterclass e corsi tenuti da Luca Francesconi, Azio Corghi, Mauro Bonifacio, Luca Antignani, Stefano Gervasoni, Toshio Hosokawa, Gabriele Manca, Luís de Pablo. Nel 2010 gli è stato conferito il Leone d’argento alla Biennale di Venezia. È stato selezionato per il Premio San Fedele Giovani Artisti (2010 – 2013). Nel 2009 è stato selezionato per il sesto forum per giovani compositori dell’Ensemble Aleph. La sua musica è stata eseguita in diversi festival e stagioni concertistiche: La Biennale di Venezia, Festival Pontino, Rondò, Auditorium Parco della Musica, Dunois Theater - Parigi, CNSMDP - Parigi, Concerti della Villa Reale di Milano, GAMO – Gruppo Aperto Musica Oggi, Festival URTIcanti; da esecutori quali Irvine Arditti, Dario Savron, Francesco Dillon, Emanuele Torquati, Francesco Gesualdi, Maria Grazia Bellocchio, Annamaria Morini, Roberto Prosseda, Ljuba Bergamelli ed ensemble come Ensemble Multilatérale, Aleph Ensemble, Divertimento Ensemble.

Victor Nebbiolo di Castri (Parigi, Francia - 1989)
Si avvicina al mondo della musica nel 1995 studiando violino con Dimitri Galoustov al Conservatorio russo di Parigi e pianoforte con Valeri Sigalevitch al Conservatorio della città di Parigi A. Mozart. Dal 2004 segue la formazione di violino a Venezia con Maurizio Valmarana. A partire dal 2009 si dedica alla composizione e alla musica elettronica, è attualmente iscritto alla classe di composizione e nuove tecnologie di Corrado Pasquotti e Paolo Zavagna al Conservatorio di Venezia. Ha partecipato ai seminari di Siena Jazz con Stefano Battaglia e Paolo Birro e ad alcune masterclass con Agostino Di Scipio e Fabrizio Fanticini. Ha seguito inoltre gli Internationalen Ferienkurse für Neue Musik Darmstadt nel 2012. Tra le sue composizioni alcune sono state eseguite durante il 55. Festival Internazionale di Musica Contemporanea della Biennale di Venezia per l'opera Privo sarò del cielo e de l’inferno, all’Auditorium Santa Cecilia a Roma e trasmesse da Rai 3. Fondatore e presidente di Productions of Art and Sound Ensemble (PAS-E), vivaio culturale per musicisti e compositori, architetti e professionisti delle arti visive è coautore dell'evento-concerto #TEST01 con la partecipazione di Claudio Ambrosini e Piero Bittolo Bon all'Ateneo Veneto (2012) e organizza il ciclo di masterclass NOTES, curato da PAS-E, la cui prima edizione ha ospitato Pierluigi Billone (2012). Diplomato al liceo artistico di Venezia ha lavorato come grafico e curatore del padiglione PLANET K alla 53. Esposizione Internazionale d'Arte della Biennale di Venezia (2009). Attualmente è responsabile del design grafico per le edizioni PAS-E, tra cui PUNTOVE!MAGAZINE in collaborazione con diverse istituzioni, fondazioni e università di Venezia.
 
Tristan Perich (New York – Stati Uniti, 1982)
Il suo lavoro è ispirato dalla semplicità estetica della matematica e della fisica. Ha composto una serie di pezzi e realizzato installazioni artistiche con un unico bit, musica che non ha mai più di un bit di informazione. È membro del gruppo di musica elettronica Loud Objects insieme a Kunal Gupta e Katie Shima. La rivista Wire ha descritto le sue composizioni come “un incontro preciso tra elettronica e organica”. Il suo album 1-Bit Music (2004) è stato il primo a uscire in forma di microchip. Il suo ultimo album, 1-Bit Symphony (Cantaloupe, 2010) è stato elogiato dalla critica e definito “sublime” dal New York Press, mentre il Wall Street Journal ha scritto che “le sue oscillazioni hanno una forza intensa ed ipnotica e una carica emotiva sorprendente”. I suoi lavori, che uniscono 1 bit con forme tradizionali di musica (Active Field, Observations) e arte visuale (Machine Drawings, Interval Studies), sono stati presentati in giro per il mondo, dal Sónar (Barcellona 2010) e Ars Electronica (2009) al Whitney Museum e alla bitforms gallery.Sue composizioni sono state eseguite da Bang on a Can-ensemble, Calder Quartet e Meehan/Perkins. Attualmente è artista in residenza presso la Phillips Academy di Andover (Massachusetts) nel ruolo di compositore, musicista e artista visuale.
 
Nikolai Popov (Belebei – Russia, 1986)
Si diploma presso l’Ufa Musical College in bayan con N. Makhnei e in composizione con I.Khisamutdinov; poi presso il Conservatorio di Mosca in composizione con V. Agafonnikov e in composizione elettronica con I. Kefalidis (2011). Attualmente frequenta presso lo stesso conservatorio corsi di specializzazione con V. Zaderatsky. Ha ricevuto premi in Russia e all’estero, tra cui il primo premio al I National Schnittke composition competition (Russia); il primo premio al II National Schostakovich composition competition (Russia); il primo premio alla International Dvorak composition competition (Praga). Ha frequentato masteclass di Ivan Fedele, Allen Gossen, Franck Bedrossian, Rodion Shchedrin, Boris Tishchenko, Michel Fourgon. La sua musica è stata eseguita in concerti e festival di vari paesi, tra cui Spagna, Italia Portogallo, Repubblica Ceca, Stati Uniti, Russia e Ucraina (New music - New reality, Moscow Autumn, Percussion days of Mark Pekarsky, Exposition XXI, Creative Youth of Moscow Conservatory, Europe - Asia). Nikolai Popov ha inoltre composto musica per film e spettacoli teatrali. Sue composizioni sono state eseguite da orchestre e ensemble come Orchestra Filarmonica di Praga, Orchestra Sinfonica New opera, Orchestra Sinfonica Filarmonica russa, Orchestra Sinfonica Urals Academic, Studio for New Music Ensemble, Percussion Ensemble di Mark Pekarsky, GAM-ensemble. E’ membro dell’Unione Russa dei Compositori, oltre ad essere membro dell’Unione Russa dei Compositori.
 
Luca Richelli (Verona - Italia, 1963)
Studia pianoforte con Edoardo Strabbioli e composizione con Renato Dionisi e Francesco Valdambrini diplomandosi in pianoforte al Conservatorio di Trento e in Composizione in quello di Verona. Inizia poi lo studio della musica elettronica presso il Conservatorio di Venezia con Alvise Vidolin conseguendo il diploma accademico di II livello in composizione e nuove tecnologie (2005), il diploma di musica elettronica (2006), il diploma di II livello in live electronics (2009). Ha seguito vari workshop e masterclass inerenti alle nuove tecnologie musicali con Marco Stroppa, André Richard, James Dashow e Agostino di Scipio. Sue composizioni sono state eseguite in importanti festival tra cui: Variazioni di Pressione III a Verona, ExNovo Musica07 a Venezia, Saturazioni a Roma, 52. Festival Internazionale di Musica Contemporanea della Biennale di Venezia, Mondi Sonori 2009 a Trento, II EMUfest, III EMUfest e IV EMUfest a Roma, XVIII Colloquio di Informatica Musicale a Torino e 8th Sound and Music Computing Conference a Padova. La sua composizione InterplaYflute per flauti e live electronics ha ricevuto la Menzione Speciale Musica Elettronica e Nuove Tecnologie al Premio Nazionale delle Arti 2008. Ha insegnato sound design all'Accademia di Belle Arti di Milano e informatica musicale all’Accademia S. Martinelli a Verona. Inoltre è esecutore di live electronics e membro dell'Arazzi Laptop Ensemble di Venezia.
 
Cesare Saldicco (Roma – Italia, 1976)
Si diploma al Conservatorio di Perugia nel 1999. Nello stesso anno s’iscrive al corso superiore di composizione presso lo stesso Conservatorio e al corso di musica elettronica diplomandosi, rispettivamente, nel 2007 e nel 2004. Successivamente segue lezioni con Helmut Lachenmann, Gavin Bryars, Salvatore Sciarrino e Ivan Fedele, con il quale si sta diplomando presso l’Accademia Nazionale di S. Cecilia a Roma. Dal 2000 al 2003 segue corsi di perfezionamento e numerose masterclass con il pianista jazz Stefano Bollani. Nel 2001 vince il 2° premio al VII Concorso Internazionale di Composizione Città di Casarza Ligure. Nel 2003 è finalista al 2nd International Competition for Composers in Grecia. Nel 2004 trascorre il secondo semestre accademico presso la Göteborg University School of Music in Svezia, studiando con Carl Axell-Hall, Ole Lützow-Holm e Anders Hultqvist. Nel 2006 Centro Tempo Reale fondato da Luciano Berio lo seleziona per costituire l’équipe Soundex presso la sede RAI di Firenze; all’interno di questo progetto viene realizzata e curata la progettazione sonora per la mostra itinerante Radio FM 1976-2006 Trent’anni di libertà di antenna. Sempre nel 2006 vince il 2° premio al Concorso Internazionale di Composizione Sassi Vivaci indetto dal Museo d’Arte Contemporanea di Barge. Nel 2007 vince il 2° premio al Concorso Internazionale di Composizione Musici Mojanesi consistente nella pubblicazione della partitura e sempre nello stesso anno viene selezionato dalla CECh – Comunidad Electroacústica de Chile – per il VII Festival Internacional de Música Electroacústica. Musiche di sua creazione sono state eseguite in festival quali Nuova Musica in Europa (2003 Italia), Mediterranean Music Centre (2003 Grecia), XXXIII Clusone Jazz Festival (2003), Une Saison Acousmatique – Musiques & Recherches (2004 Bruxelles, Belgio Cello+Elektronik (2006 Germania), Holger Fransman in memoriam (2009 Helsinki, Finlandia).
 
Luigi Sammarchi (Bologna – Italia, 1962)
Ha iniziato gli studi di musica nel 1984 al Conservatorio di Bologna dove si è diplomato in pianoforte con Lidia Proietti nel 1994 e in composizione nel 2004 con Adriano Guarnieri. Nel 2008 ha conseguito la specializzazione in musica elettronica presso il Conservatorio di Venezia sotto la guida di Alvise Vidolin. Ha seguito numerosi corsi di specializzazione in composizione tra i quali: 900 e oltre con Adriano Guarnieri, Pietro Borgonovo e Enzo Porta a Modena; il corso biennale di specializzazione in Composizione con live electronics con Alvise Vidolin e Adriano Guarnieri a Bologna; il corso di interpretazione sulle opere di Luigi Nono con Live electronics e nastro magnetico a Venezia presso La Fondazione Cini; la masterclass di composizione tenuta da Helmut Lachenmann a Parma. Nel 2004 ha vinto il concorso internazionale di composizione Valentino Bucchi, con la composizione per quattro gruppi orchestrali Polyphonia IV. Dal 2004 è attivo come compositore, le sue opere vengono proposte nei più importanti festival di musica contemporanea.
 
Johannes Schöllhorn (Murnau - Germania, 1962)
Studia composizione con Emmanuel Nunes, Mathias Spahlinger e Klaus Huber alla Musikhochschule di Friburgo, direzione d’orchestra con Peter Eötvös e teoria musicale con Peter Förtig. Segue inoltre i corsi estivi di Darmstadt. Il suo repertorio raggruppa composizioni per voci, musica da camera, opere per orchestra e per teatro. Dirige numerosi ensemble tra cui l'Ensemble Recherche e l'Ensemble für Neue Musik della Musikhochschule di Friburgo fino al 2004. Nel 1998, partecipa al progetto into a Hong-Kong, progetto musicale dell’Ensemble Modern e del Siemens Arts Program, in collaborazione con il Goethe Institut. Collabora con numerosi solisti, ensemble e orchestre, tra cui Ensemble Modern, Ensemble Intercontemporain, Ensemble Instant donné, Ensemble Recherche, Neue Vocalsolisten, Ensemble MusikFabrik, Neue Ensemble, Seoul Philharmonic orchestra, Philharmonia Orchestra London, orchestra WDR di Colonia e SWR di Stoccarda. Ha ricevuto vari premi tra cui, Comitée de lecture dell’Ensemble Intercontemporain (1997) e il premio Praetorius nel 2009.  E’ professore di composizione alla Musikhochschule di Hannover dal 2001 al 2009. Dal 2009 insegna composizione e direzione presso Institut fu¨r Neue Musik alla Hochschule fu¨r Musik di Colonia.
 
Julian Scordato (Pordenone - Italia, 1985)
Julian Scordato compie studi di composizione e nuove tecnologie presso il Conservatorio di Venezia, sotto la guida di Corrado Pasquotti e Alvise Vidolin. Sue opere strumentali ed elettroacustiche hanno ottenuto riconoscimenti in concorsi internazionali e sono state presentate in festival in Italia, Stati Uniti, Danimarca, Lituania, Olanda, Svezia, Canada. In qualità di compositore e musicista informatico partecipa a convegni scientifici tra cui il XVII Colloquio di Informatica Musicale e 8th Sound and Music Computing Conference. Compone musiche per il video, per il teatro e per installazioni. E' stato curatore musicale della Rassegna dell'Arte e del Teatro indipendente di Pordenone e ha collaborato con la Fondazione Giorgio Cini di Venezia. E' membro di Arazzi Laptop Ensemble, gruppo di esecutori e compositori di musica elettro-acustica.
 
Kirill Shirokov (Nizhny Novgorod - Russia, 1990)
Attualmente studia con Vladimir Tarnapolski presso il conservatorio di Mosca. Nel 2011 ha partecipato alla International Academy of Moscow Contemporary Music Ensemble in Cajkovskij City con Franck Bedrossian e Pierluigi Billone e ha partecipato a una masterclass tenuta da Ivan Fedele a Mosca. La sua musica è stata eseguita da MCME, dall’Ensemble Nostri Temporis (Kiev), dal NoName Ensemble (Nizhny Novgorod), dalla percussionista Alexandra Gorskaya, e dal Moscow Composers-Improvisers Ensemble.
 
Bettina Skrzypczak (Poznan - Polonia, 1962)
Bettina Skrzypczak studia pianoforte a Bydgoszcz e musica all’Accademia di Musica di Poznan. Nel 1985 si diploma in teoria musicale e nel 1988 in composizione con Andrzej Koszewski. Dal 1984 al 1988 ha studiato con Witold Lutoslawski, Luigi Nono, Henri Pousseur e Iannis Xenakis in corsi di composizione organizzati a Kazimierz dalla sezione polacca dell’ISCM. Si è poi perfezionata a Basilea, dove ha studiato musica elettronica con Thomas Kessler e composizione con Rudolf Kelterborn (1988). Ha studiato inoltre musicologia con Jürg Stenzl a Friburgo e computer music con Klarenz Barlow a Colonia (1990). Nel 1999 consegue il dottorato all’Accademia di Musica di Cracovia. Nel 2002 è nominata professoressa di storia, teoria ed estetica della musica presso l’Università di Musica di Lucerna. E’ fondatrice dell’Ensemble svizzero Boswil, di cui è stata anche direttrice artistica, che si occupa della promozione di giovani artisti. Ha ricevuto numerosi premi e borse di studio per le sue composizioni, tra cui il premio della Biennale Musica di Zagabria per giovani compositori (1989), il premio Tadeusz Baird a Varsavia (1990), la menzione d’onore all’ International Rostrum of Composers a Parigi (1992) e la borsa di studio per la composizione della città e del cantone di Lucerna (2001, 2008).
 
Ivàn Solano (Madrid- Spagna, 1973)
Ivàn Solano è clarinettista e compositore. Dopo aver iniziato gli studi musicali a Madrid, frequenta l’Academia Franz Liszt a Budapest, dove nel 1997 ottiene il diploma superiore di interprete e professore di clarinetto (con Béla Kovacs y Ferenc Meizl) e realizza un master in analisi musicale. Prosegue poi la sua formazione frequentando numerosi corsi e masterclass in musica da camera con Sándor Devich, Ferenc Rados e György Kurtág, e in clarinetto con Peter Handswoth, Frankel Cohen e Colin Bradbury. Prosegue gli studi presso l’Université Paris VIII con Horacio Vaggione e José Manuel López López, presso l’École Nationale de Musique de Pantin con Christine Groult e al Conservatorio di Strasburgo con Ivan Fedele, dove si diploma in composizione nel 2007. E’ ammesso al ciclo superiore di perfezionamento in composizione all’Accademia di Santa Cecilia a Roma nel 2009. Ha ricevuto vari premi per i suoi lavori, tra cui il Prix SACEM per Trois Jardin d’été (2010), il premio di interpretazione INAEM-Colegio de España (2000), il premio Bartók e il premio Janácek nel Festival di Prague-Wien-Budapest (2000), il secondo e quinto premio al concorso internazionale di musica elettro-acustica SGAE (2003, 2004). Tra il 2010 e il 2011 Solano è compositore in residenza presso Orchestre Lyrique d’Avignon dalla quale riceve la commissione di una composizione, Omaggio a Xenakis, con il sostegno dei Fondi d’azione SACEM .
 
Giovanni Sparano (Feltre – Italia, 1978)
Intraprende gli studi musicali con Cristina Costan Zovi (pianoforte) e Marino Baldissera (armonia e composizione). Studia successivamente composizione con Corrado Pasquotti e musica elettronica con Paolo Zavagna presso il Conservatorio di Venezia. Partecipata a numerosi seminari e masterclass tenuti, tra gli altri, da Ivan Fedele, Mauro Lanza, Lorenzo Pagliei, Trevor Wishart, Alvin Lucier, Ircam. Sue composizioni sono state eseguite in eventi quali la Biennale Musica, La terra fertile, EMUfest 2010 e 2011, Stagione 2010 A.Gi.Mus. Come esecutore elettronico ha partecipato ad EXIT 03 della 54. Festival Internazionale di Musica Contemporanea della Biennale Musica, Art Night Venezia 2011, SMC Conference 2011. È membro fondatore di SON Ensemble. È tra i soci fondatori di happytobehappywith™, società che si occupa di visual e sound design. È membro dell'Arazzi Laptop Ensemble, attivo presso la Fondazione Cini.
 
Karen Tanaka (Tokyo – Giappone, 1961)
Karen Tanaka inizia lo studio del pianoforte a quattro anni e composizione a dieci con Akira Miyoshi presso la Toho Gakuen School of Music. Nel 1986 si trasferisce a Parigi per studiare composizione con Tristan Murail e per lavorare all’Ircam. Dal 1990 al 1991 studia con Luciano Berio a Firenze. Già negli anni di studio riceve vari premi, tra cui il premio Viotti e il Japan Symphony Foundation Award per le sue composizioni, il Gaudeamus Prize alla Settimana Internazionale della Musica con il concerto per pianoforte Anamorphose (Amsterdam, 1987). Una serie di commissioni importanti dal Giappone (Initium,1993; Wave Mechanics,1994; Echo Canyon,1995) hanno confermato il ruolo autorevole che riveste nel suo paese. Durante lo stesso periodo la sua presenza a livello internazionale è andata crescendo, le sue composizioni sono state eseguite in Gran Bretagna, Stati Uniti, Francia, Scandinavia e a cinque ISCM festival. I suoi lavori più recenti, come The Song of Songs, Night Bird e Metal Strings, sviluppano nuove direzioni del suo linguaggio artistico, usando le più recenti tecnologie. Negli ultimi anni, l’amore per la natura e l’interesse per l’ambiente hanno influenzato molti dei suoi lavori, tra cui Frozen Horizon, Water and Stone e Questions of Nature. Dal 2000 ha ricevuto importanti commissioni da Radio France (Water and Stone), dall’Arts Council of England (At the Grave of Beethoven), dalla BBC Symphony Orchestra (Departure), da Joan Jeanrenaud e dalla Berkeley Symphony Orchestra (Urban Prayer).
 
Silvia Tarozzi (Bologna – Italia, 1975)
Silvia Tarozzi è violinista, interprete e improvvisatrice. Si diploma in violino al Conservatorio di Bologna, si perfeziona col Maestro E. Porta e consegue un Diploma di II livello in musica da camera del '900 al Conservatorio di Rovigo. Prosegue gli studi a Parigi sotto la guida di J. M. Conquer (Ensemble Intercontemporain) e Patrick Bismuth (violino barocco). Ha suonato in solo e in formazioni cameristiche in numerosi Festival in Europa. Tra le collaborazioni più recenti: Scrap per violino ed elettronica interattiva, della compositrice coreana Hyun-Wa Cho, commissionata ed eseguita all'istituto Ircam di Parigi; musiche originali per lo spettacolo di danza contemporanea DONC, per una violinista e 4 danzatori, della Compagnia di Sylvain Groud; musiche originali su testi poetici di Alda Merini per la lettura-concerto 21 A PRIMAVERA con l'attrice Margherita Zanardi. Nel 2009 ha inciso con l'Ensemble Dedalus le Rational Melodies del compositore americano Tom Johnson per la New World Records. Nel 2010 i Festival Act'Oral (Marsiglia) e Sonorités (Montpellier) le hanno commissionato la musica per il video Supermamie di Thomas Mailaender. Nel 2012 collabora con la compositrice Eliane Radigue ed esegue in prima assoluta Occam II per violino solo e Occam Delta I per quartetto. Sempre del 2012 la prima esecuzione di Circle Process per violino accordato in 16esimi di tono della compositrice Pascale Criton, al Festival Musique Action di Nancy.
 
Stefano Trevisi (Mantova – Italia, 1974)
Diplomato in composizione con Mario Garuti e in musica elettronica con Francesco Giomi, ha frequentato masterclass con Gérard Grisey, Helmut Lachenmann, Salvatore Sciarrino, Marco Stroppa. Le sue opere sono state eseguite in rassegne quali International Gaudeamus Music Week ad Amsterdam, Zeppelin a Barcellona, BIMESP a São Paulo, Rai Nuova Musica a Torino, Synthèse a Bourges, Licenses a Parigi, E-Nacht a Stoccarda, Daegu International Art Festival (Corea), Traiettorie a Parma, Biennale Musica di Venezia, REC a Reggio Emilia, Ferienkurse für Neue Musik Darmstadt, MATA Festival (New York), 8th SMC Conference, Alte Schmiede a Vienna, e sono state trasmesse da RAI Radio3 (Italia), SWR2 (Germania), VPRO (Olanda). È stato compositore in residenza presso Tempo Reale (Firenze) per gli anni 2006-07. I suoi lavori sono stati selezionati in vari concorsi, tra cui 29th, 33rd (menzione) e 36th International Competition of Electroacoustic Music (Bourges), Gaudeamus Music Prize 2002, Franco Evangelisti 2003 e 2006. Le sue composizioni sono pubblicate da RAI Trade (Roma). Con l’artista Paolo Cavinato ha formato il gruppo Spazio Visivo, prodotto dalla Galerie Mario Mazzoli di Berlino, realizzando installazioni presentate al Festival della creatività (Firenze), Palazzo Libera a Rovereto, Art in the city (Bruxelles), ArteFiera a Bologna, The road to contemporary Art (Roma), Art Amsterdam, PAN di Napoli, Rosenfeld-Porcini Gallery e Royal British Society of Sculptors a Londra. Laureato in Scienze Ambientali presso l’Università di Parma, è docente di matematica e scienze presso la Scuola Secondaria.
 
Giovanni Verrando (Sanremo - Italia, 1965) 
Ha studiato composizione al Conservatorio di Milano con Giacomo Manzoni, Niccolò Castiglioni e Giuliano Zosi. Ha proseguito la propria formazione all’Accademia Chigiana di Siena con Franco Donatoni ricevendo nel 1990 il premio Siae e il Diploma di merito. Nel 1993 si è trasferito a Parigi dove ha frequentato il Cursus annuel d'informatique musicale dell'Ircam. Negli anni ‘90 e 2000 è stato premiato in molti prestigiosi concorsi internazionali, tra cui Ircam/Ensemble Intercontemporain Comité de lecture, Gaudeamus MusicWeek di Amsterdam, ISCM World Music Days. Ha ricevuto commissioni da varie istituzioni europee (Ministero della Cultura francese, Biennale di Venezia, Ircam di Parigi, MaerzMusik di Berlino), e le sue opere sono state eseguite da orchestre, ensemble e solisti di fama internazionale (Arditti String Quartet, Ensemble Intercontemporain, Les Percussions de Strasbourg, Orchestra Sinfonica della Rai). In questi anni, la sua musica è stata presentata nei festival e nelle stagioni di tutto il mondo, tra cui Wien Modern, Centre Pompidou di Parigi, Berliner Festspiele, Festival Musica di Strasbourg, Opera Bastille di Parigi, Biennale di Venezia, Tonhalle di Zurigo, Milano Musica, Stockholm New Music, Roma Europa, Huddersfield Contemporary Music Festival, Festival Ultima di Oslo. Nella prima fase della sua produzione musicale, le opere si sviluppano attraverso campi armonici (Alex Brücke Langer, Sottile, Il ruvido dettaglio celebrato da Aby Warburg). A partire dal 2005 la sua ricerca musicale si è concentrata sulla parte inarmonica dello spettro, sul rumore e le micro-proprietà dei suoni (Triptych, Memorial Art Show, Dulle Griet). Nell’aprile 2003 è andato in scena Alex Brücke Langer, ritratto commissionatogli dal Festival International d’Art Lyrique di Aix-En-Provence e dalla Fondazione Nuovo Teatro Comunale di Bolzano (regia di Yoshi Oida). È ideatore di RepertorioZero che ha ricevuto il Leone d’argento del 55. Festival Internazionale di Musica Contemporanea della Biennale di Venezia.

Francesca Verunelli (Pietrasanta - Italia, 1979)
Studia composizione con Rosario Mirigliano e pianoforte presso il Conservatorio di Firenze. Segue i corsi estivi all'Accademia Chigiana (2004/05), dove viene eseguita la sua musica e ottiene la borsa di studio Emma Conestabile. Nel 2005 entra nella classe di perfezionamento di Azio Corghi all'Accademia Santa Cecilia a Roma, dove ottiene il diploma (2007). Nel novembre dello stesso anno l'ensemble Freon esegue all'Auditorium di Roma il suo lavoro Luminal. Partecipa all'edizione 2007 del Centre Acanthes di Metz; il suo lavoro En Mouvement (Espace Double) è eseguito dall'Orchestra Nazionale della Lorena sotto la direzione di Jacques Mercier. Nel 2008 è selezionata per partecipare al Forum internazionale dell'ensemble Aleph e crea RSVP. Nello stesso anno segue il Cursus de composition et d'informatique musicale all’Ircam che si conclude con la creazione di Interno rosso con figure per fisarmonica e elettronica e le viene commissionata una composizione per orchestra di violoncelli scritta per l'ensemble Nomos che lo esegue nel marzo 2010. Nel 2009 viene scelta per seguire il secondo anno di Cursus alll’Ircam, dove scrive un lavoro per l'Ensemble Intercontemporain, eseguito nell'ottobre 2010 al Centre Pompidou a Parigi. Ha ricevuto commissioni degli ensemble KDM e Accroche Note. Nel 2010, il suo lavoro per orchestra En Mouvement (Espace Double) è eseguito dalla Mitteleuropa Orchestra alla Biennale di Venezia dove viene premiata con il Leone d'Argento. Nel 2011 riceve varie commissioni, dall’Ircam per quartetto d'archi con elettronica, (Biennale Musiques en scène, Lione), da Neue Vocalsolisten e Biennale di Venezia per un lavoro di teatro musicale e da RepertorioZero per ensemble elettrificato (#3897 Magic Mauve).
 
Tao Yu (Pechino – Cina, 1981)
È la co-direttrice artistica del CREA (Francia) ed è membro del consiglio direttivo del IAWM (Stati Uniti). Ha studiato composizione e musica elettro-acustica presso il Conservatorio di Pechino e presso il Conservatorio di Ginevra, quindi presso l’Ircam. È stata compositrice in residenza presso la Fondazione Hartung e Bergman (Francia), la Fondazione Buziol (Italia), Ragazze Kwartet Ensemble (Olanda), Pcl Ensemble e Art zoyd (Francia). Tra il 2008 e il 2010 è stata compositrice in residenza presso il Grame, dove ha scritto Ah Q, su commissione del Grame stesso e del Ministero della Cultura francese. Suoi lavori sono stati eseguiti in vari paesi, tra cui Cina, Giappone, Corea del Sud, Polonia, Svizzera, Germania, Italia, Francia, Olanda e Stati Uniti. Ha ricevuto commissioni, tra gli altri, ddall'Ensemble Phoenix-Bâledal, dal regista Filippo Filliger, dall'Ensemble Ilôrkestra-Genève, dall'Ensemble Milles-cordes-Zürich, dal museo Rath di Ginevra, dall'Ensemble 3D-paris, dall'Ensemble Ums'n Jip-Zurich, da Davos Festival, dall'Ensemble Laboratorium-Suisse. La sua musica è stata eseguita in numerosi Festival, tra cui il Festival Internazionale di Musica Contemporanea di Miami, il Festival di Cracovia, il Festival del Film di Tel-Aviv, il Festival Americano delle arti in Ohio, alla Settimana Contemporanea Cina–Svizzera, al Musicacustica di Pechino, al Festival Archipel di Ginevra, alle Giornate europee del Patrimonio di Parigi e alle giornate Grame 2011 a Lione.
Quarto palcoscenico
Video e fotogallery
Biennale College - Teatro
Nove laboratori dal 30 luglio al 10 agosto 2014
Biennale Architettura
Fundamentals. 7 giugno > 23 novembre 2014