Questo sito usa cookie tecnici e cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di rendere più rapido e migliore il suo utilizzo e per inviarti messaggi pubblicitari in linea con le preferenze da te manifestate durante la navigazione.
Se vuoi saperne di più o modificare le impostazioni del tuo browser relativamente ai cookies, fino ad eventualmente escluderne l’installazione, premi qui.
Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.



la Biennale di Venezia
Main Visual Musica (new)

Musica


Les Percussions de Strasbourg



La sera al Teatro alle Tese (ore 20.00) e in diretta su Radio 3, tornano in scena Les Percussions de Strasbourg con il loro campionario di strumenti, oggi a quota 400.

È per loro che Iannis Xenakis aveva concepito il famoso “sixxen”, strumento a lamine che cataloga 109 diversi suoni metallici. Ed è per loro che, sempre Xenakis, ha composto uno dei suoi pezzi di maggior impatto drammatico, Persephassa, con una distribuzione spaziale che vede i 6 percussionisti “accerchiare” il pubblico mentre suonano gli strumenti più incredibili: sirene, ciottoli e tutto un intero arsenale di tamburi, woodblock, simantra, cimbali e gong.

All’esecuzione di un classico come Persephassa, l’ensemble di Strasburgo accosta un trittico di autori italiani: Franco Donatoni con Darkness, Francesco Filidei con I funerali dell’anarchico Serantini e Alessandro Solbiati con Thai Song.

<<