Questo sito usa cookie tecnici e cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di rendere più rapido e migliore il suo utilizzo e per inviarti messaggi pubblicitari in linea con le preferenze da te manifestate durante la navigazione.
Se vuoi saperne di più o modificare le impostazioni del tuo browser relativamente ai cookies, fino ad eventualmente escluderne l’installazione, premi qui.
Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.



la Biennale di Venezia
Main Visual Musica (new)

Musica


More Voices in Venice



Sono numerosi i concerti del 57. Festival di Musica dove voce e canto sono diversamente manipolati, ma alcuni
fanno di questo strumento, unico nel suo genere, il protagonista, offrendo performance vocali acrobatiche. È il caso di David Moss, uno dei più originali vocalist del mondo, nonché percussionista, che a Venezia è autore di un one-man-show mercoledì 9 ottobre nella Sala delle Colonne di Ca’ Giustinian (ore 15.00), accompagnato dai maghi del suono di Tempo Reale, Francesco Canavese e Francesco Giomi).

I vocalizzi estremi di Moss hanno conquistato i maggiori teatri e festival internazionali come Salisburgo, dove memorabile è stata la sua interpretazione del Principe Orlovsky in Die Fledermaus diretto da Hans Neuenfels (2001) e altrettanto lo è stata la sua performance solista in Cronaca del luogo di Luciano Berio (1999). Attento alla musica d’avanguardia come al rock e al funk, le sue collaborazioni riflettono questo eclettismo: Moss è al fianco di Heiner Goebbels, Ensemble Modern Arto Lindsay, Fred Frith, John Zorn, per citarne alcuni.

More voices in Venice è l’allusivo titolo della performance pensata per la Biennale, dove la voce di Moss interagisce con un universo elettro-acustico senza confini, dai riferimenti alla musica di consumo alla sperimentazione sonora più profonda, in un quadro tecnologico d’avanguardia che impiega, grazie a Tempo Reale, nuove tecniche di trasformazione dal vivo dei suoni insieme a processi inusuali di gestione del rapporto tra struttura e improvvisazione, così come nell’invenzione dei testi e delle sezioni musicali.

<<