Questo sito usa cookie tecnici e cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di rendere più rapido e migliore il suo utilizzo e per inviarti messaggi pubblicitari in linea con le preferenze da te manifestate durante la navigazione.
Se vuoi saperne di più o modificare le impostazioni del tuo browser relativamente ai cookies, fino ad eventualmente escluderne l’installazione, premi qui.
Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.



la Biennale di Venezia
Main Visual Musica (new)

Musica


Trio Arbós



Segue al Teatro Piccolo Arsenale (ore 17.15) un trio dalla storia illustre, lo spagnolo Arbós, fondato nel 1996 e con un repertorio vastissimo che dal classico e romantico arriva ai giorni nostri.

Nel concerto spicca la nuova versione per pianoforte, violino, violoncello ed elettronica di Tierkreis, le dodici melodie più popolari di Stockhausen, ispirate ai segni zodiacali e fonte di innumerevoli versioni. A quelle di Stockhausen si aggiungono infatti quelle degli ensemble, gruppi rock compresi. La prima esecuzione avveniva a Royan nel marzo del 1975 a opera delle Percussions de Strasbourg, e oggi a Colonia, in omaggio al compositore, il carillon di 48 campane restaurato nel Municipio della città, ogni giorno alle 12.00 esegue tutte le melodie grazie alla programmazione di un computer.

Novità assoluta è poi il brano che la Biennale ha commisssionato al trentacinquenne Franco Venturini, Dàimones, mentre in prima italiana viene presentato Trio del compositore giapponese Toshio Hosokawa.


<<