Chiudi

la Biennale di Venezia
Main Visual Musica (new)

Musica

Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai

domenica 27 settembre ore 20.00
Teatro alle Tese – Arsenale
OMAGGIO A GYORGY KURTÁG
- György Kurtág, Hipartita op. 43, per violino solo (2000-2004, revisione 2007, 25’)
- György Kurtág, Grabstein für Stephan op. 15c, per chitarra e gruppi sparsi di strumenti (1989, 8’)
consegna del Leone d’oro alla carriera
a seguire:
- György Kurtág, …concertante… op. 42, per violino, viola e orchestra (2002-2003 rev.2007, 25’)

violino Hiromi Kikuchi
viola Ken Hakii
chitarra Elena Casoli
direttore Zoltán Peskó
Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai

L’omaggio a György Kurtág, preceduto dall’incontro con l’autore ottantatreenne e dall’esecuzione del Quartetto n.1 e dei Six Moments Musicaux, culmina nella serata di domenica 27 settembre con la cerimonia di consegna del Leone d’oro alla carriera al Maestro ungherese e con l’esecuzione dei suoi pezzi di maggior respiro, aperti alle grandi forme fino ad abbracciare la grande orchestra, ma in modo mai convenzionale e sempre rispettando la “poetica del frammento” a lui tanto cara. Introdotto da un ampio pezzo per violino solo, Hipartita, il concerto presenta due caposaldi della biografia artistica di Kurtág, Grabstein für Stephan e …concertante…, nell’esecuzione dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai diretta da Zoltán Peskó, compatriota e allievo dello stesso Kurtág, oltre che grande direttore.
 
Autore schivo e appartato, Kurtág dissemina le sue opere - attraverso omaggi, titoli e dediche - di tracce e appunti sulla propria biografia umana, ma è soprattutto alle note scarne che compongono queste opere che affida davvero “le sue pagine di diario”, come ha scritto András Wilheim, “un messaggio personale che tutti potranno capire”.
In occasione dell'attribuzione del Leone d'oro alla carriera, Kurtág ha donato al Festival un testo in ricordo di amici italiani.
 
Dedicato alla memoria dell’amico scomparso Stephan Stein, cantante e marito della psicologa Marianne Stein a cui Kurtág attribuisce un ruolo importante nella soluzione della sua crisi compositiva alla fine degli anni Cinquanta, Grabstein für Stephan è iniziato tra il 1978 e il 79 e concluso dieci anni dopo. Come scrive il critico Paolo Petazzi il pezzo si svolge “in una sola sezione di ampio respiro (come una lapide tagliata in un solo blocco); il tempo è quasi sempre ‘larghissimo’, la dinamica prevalentemente ‘pianissimo’ (con quattro p), con effetto ‘lontano’… finché il pianissimo prevalente e la quasi immobilità si lacerano con la più dolorosa violenza, come in un grido, che cede poi il posto al ritorno della funebre calma, e ai suoni ‘lontani’”.
 
Il momento conclusivo del concerto è affidato all’interpretazione di Concertante, in cui l’Orchestra è affiancata dai solisti per i quali Kurtág ha concepito questa ampia e complessa partitura: la violinista Hiromi Kikuchi e il violista Ken Hakii, che devono la grande sintonia alla lunga consuetudine di vita e di lavoro con il compositore ungherese. Commissionato dalla Leonie Sonning Foundation di Copenaghen ed eseguito per la prima volta dall’Orchestra della Radio Danese, Concertante – per “l’ampia gamma di mutamenti che attraversa nel tono, nel tempo e nella tessitura” – ha vinto la ventesima edizione del Grawemeyer Music Prize 2006. E sempre a Hiromi Kikuchi e alla sua sensibilità interpretativa è dedicato l’ampio pezzo “introduttivo” del concerto, Hipartita, che si distende in otto movimenti.

Sabato 26 settembre alle Sale Apollinee del Teatro La Fenice, ore 11.00, il compositore ungherese - Leone d’oro alla carriera del 53. Festival - sarà protagonista di un incontro con il pubblico e la critica.
Secondo la motivazione del premio, “L'antinomia poetica di Kurtág riassume bene il carattere struggente della sensibilità ungherese, la profonda malinconia di un essere sempre ‘altrove’, eppure così radicati nel gesto espressivo. L'utopia di Kurtág è esprimere tutto il mondo in un solo gesto. Ma quel gesto, quel suono è un concentrato di poesia, di saggezza, di dolore e di tenerezza. Questo sogno di totalità è continuamente spezzato con cambi di umore e di temperie, di colore e scrittura. Il tutto in poche battute, spesso in pochi secondi. Un'espressività densa e leggera a un tempo, che chiede attenzione, silenzio, sensibilità: attitudini rarissime, oggi. Come Bartók, e più tardi Ligeti, anche Kurtág esplora con grande libertà il pensiero e il colore delle avanguardie del '900, cercando una via profondamente indipendente dalle maggiori correnti linguistiche del suo tempo e inaugurando un rapporto con il mondo che è visionario e rigoroso, libero e critico”.