Questo sito usa cookie tecnici e cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di rendere più rapido e migliore il suo utilizzo e per inviarti messaggi pubblicitari in linea con le preferenze da te manifestate durante la navigazione.
Se vuoi saperne di più o modificare le impostazioni del tuo browser relativamente ai cookies, fino ad eventualmente escluderne l’installazione, premi qui.
Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.



la Biennale di Venezia
Biennale College - Musica 2015 2016

Musica


Biennale College – Musica 2016

A seguito della call internazionale lanciata il 25 novembre 2015, con adesioni ricevute da sei Paesi (Italia, Gran Bretagna, Germania, Russia, Svezia, Repubblica Ceca), sono stati selezionati i quattro progetti per la realizzazione di brevi opere da camera a micro budget su tema comico, parodistico, o surreale, da realizzarsi nell'ambito del programma Biennale College - Musica 2016.

I progetti, secondo le regole del College, sono stati presentati ciascuno da un team - compositore, librettista, regista, scenografo - i quali parteciperanno alle varie fasi di programma di Biennale College, a partire dal 7 marzo 2016 a Venezia. I quattro lavori una volta compiuti verranno presentati in due serate, il 9 e il 16 ottobre 2016 al Teatro Piccolo Arsenale, nell’ambito del 60. Festival Internazionale di Musica Contemporanea (7 > 16 ottobre 2016) diretto da Ivan Fedele e organizzato dalla Biennale di Venezia presieduta da Paolo Baratta.

I quattro progetti, selezionati al termine della call internazionale, sono:
Funeral Play – Caterina Di Cecca (musica), Sara Cavosi (libretto), Valentina Rosati (regia e scenografia): Aika è una ragazza giapponese di vent'anni che decide di organizzare e partecipare al suo stesso funerale. La giovane però non sta morendo, anzi, vuole solo godersi la festa. Ispirato a una storia vera.

Il flauto tragico - Roberto Vetrano (musica), Stefano Simone Pintor (libretto e regia), Gregorio Zurla (scenografia): la storia della messinscena del Flauto magico mozartiano - in un teatro mal ridotto, fra risse dei musicisti in buca, boicottaggi dei cantanti rivali, tempi ed entrate sbagliate, scenografie che crollano - diventa una sorta di farsa tragica, quasi una slapstick opera.

Troposfera - Francesco Ciurlo (musica), Tobia Rossi (libretto), Maria Concetta Gravagno (regia), Andrea Colombo (scenografia): è una favola famigliare, allo stesso tempo nera e celestiale, che racconta di un addio al mondo. Un giorno la piccola protagonista Isi, apparentemente senza una ragione precisa, perde peso e si mette a volare, lascia il suolo, sfidando la gravità.

Trascrizione di un errore - Alexander Chernyshkov (musica), Isabelle Kranabetter (libretto), Wolfgang Nägele (regia e scenografia): è un progetto meta-teatrale, dove il libretto è la descrizione dell'opera e cantanti e musicisti sono attori nel ruolo di se stessi. L'opera si presenta come “la trascrizione musicale della realtà, che è un'altra trascrizione della realtà... Nel teatro la realtà è un errore. La trascrizione di un errore” (A. Chernyshkov).

I quattro team selezionati saranno accompagnati nell’articolazione, messa a punto e realizzazione dei loro progetti attraverso fasi formative, di tutoraggio e di produzione che si svolgeranno a Venezia secondo il seguente programma:
1a fase - dal 7 al 12 marzo 2016 si svolgeranno workshop con artisti e maestri intorno alle tematiche generali del teatro musicale tradizionale e contemporaneo soprattutto in relazione al rapporto tra testo e musica;
2a fase - dal 2 al 7 maggio 2016 dovranno essere consegnati metà della partitura, il progetto scenico, il libretto. In questa fase si svolgeranno i workshop sul lavoro eseguito;
3a fase - dal 4 al 9 luglio 2016 è prevista una terza sessione di lavoro con l’equipe di tutor. In quest’occasione dovrà essere consegnata la partitura completa e i team dovranno programmare la produzione delle opere, che prevede: scelta dei cantanti, verifica e stesura definitiva del budget, un piano di produzione comprendente le prove sceniche e musicali;
4a fase - dal 2 ottobre si svolgeranno le prove sceniche e musicali che porteranno alla realizzazione finale delle opere in scena al Teatro Piccolo Arsenale il 9 e il 16 ottobre.
I tutor che accompagneranno il lavoro dei 4 team selezionati sono: i registi Nicholas Hunt e Franco Ripa di Meana, i drammaturghi Sergio Casesi e Giuliano Corti, i compositori Luca Mosca e Salvatore Sciarrino.

Biennale College è un’esperienza innovativa, condivisa da tutti i Settori della Biennale di Venezia, che promuove i giovani talenti offrendo loro di operare a contatto di maestri per la messa a punto di creazioni.
La terza edizione torna a focalizzarsi sul teatro musicale, tema cruciale per la musica contemporanea, con 4 opere da camera di tema comico, parodistico o surreale, che verranno presentate nell'ambito del 60. Festival Internazionale di Musica Contemporanea 2016.
Le attività nel settore Musica della Biennale hanno il sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Direzione Generale dello Spettacolo - e della Regione del Veneto.