Questo sito usa cookie tecnici e cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di rendere più rapido e migliore il suo utilizzo e per inviarti messaggi pubblicitari in linea con le preferenze da te manifestate durante la navigazione.
Se vuoi saperne di più o modificare le impostazioni del tuo browser relativamente ai cookies, fino ad eventualmente escluderne l’installazione, premi qui.
Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.



la Biennale di Venezia

72. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica

Abbonamenti low cost per i film di Orizzonti: 10 film alle ore 14.30 per 35 euro / 10 film alle ore 17.00 per 35 euro
72. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica

72. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica

Il calendario delle proiezioni alla Mostra di Venezia
Acquista i tuoi biglietti e abbonamenti online
72. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica

Biennale Arte 2015

ALL THE WORLD’S FUTURES   9 maggio > 22 novembre 2015
Biennale Arte 2015

ACQUISTA IL TUO BIGLIETTO ONLINE

ALL THE WORLD’S FUTURES   9 maggio > 22 novembre 2015
ACQUISTA IL TUO BIGLIETTO ONLINE

News

Anne Teresa De Keersmaeker Leone d’Oro alla Carriera

< Indietro
Cerimonia di consegna sabato 27 giugno – Salone Primo Piano di Ca’ Giustinian – ore 11.30
27 | 06 | 2015

Il Leone d’Oro alla Carriera per la Danza del 2015 è stato attribuito alla coreografa belga Anne Teresa De Keersmaeker in quanto, secondo la motivazione, “rappresenta il punto di congiunzione tra creazione e processi di trasmissione. Il suo gesto poetico attraverso il corpo ha reso possibile un travaso significativo tra le culture occidentali nella comprensione del corpo teatrale come medium della ricerca linguistica. Elevando lo spazio a tavola del mondo, vi ha dislocato i corpi di una ricerca che lascia percepire l’apertura dell’uomo a nuovi luoghi. Si è presa cura della misura e della durata del corpo sonoro dell’individuo e del danzatore per porlo sulla soglia del Mondo”.
 
In passato il riconoscimento alla carriera per la Danza era stato attribuito a Merce Cunningham (1995), Carolyn Carlson (2006), Pina Bausch (2007), Jirí Kylián (2008), William Forsythe (2010), Sylvie Guillem (2012), Steve Paxton (2014).
 
 
Anne Teresa de Keersmaeker (Mechelen - Belgio, 1960) - Protagonista cardine della danza belga ed europea dagli anni Ottanta, Anne Teresa De Keersmaeker è un’artista che ha sempre tenuto in forte considerazione il rapporto tra musica e movimento. Formatasi al Mudra di Maurice Béjart a Bruxelles e alla Tisch School of Arts di New York, del 1982 è il suo primo successo internazionale: Fase, Four Movements to the Music of Steve Reich. Nel 1983 fonda a Bruxelles la compagnia Rosas, che debutta con Rosas danst Rosas, seguito nel 1984 da Elena’s Aria (su registrazione di arie cantate da Caruso), in cui impiega per la prima volta testi parlati e sequenze di film, e da Bartók/Aantekeningen (1986). Del 1987 è Verkommenes Ufer/Medeamaterial Landschaft mit Argonauten (una produzione di teatrodanza basata su scritti di Heiner Müller), al quale si sono aggiunti, anno dopo anno, molti altri lavori, fra cui Drumming (1998), Quartett e I said I (1999), In Real Time (2000), Rain (2001), Bartók/Beethoven/Schönberg Repertory Evening II (2006), Keeping Still (2007), The Song (2009) e il recentissimo Partita 2, che l’ha vista in scena insieme a Boris Charmatz.
Nel 1992 Rosas è divenuta compagnia residente al teatro La Monnaie di Bruxelles, dove resterà fino al 2007; da allora de Keersmaeker ha lavorato alla realizzazione di un repertorio e alla fondazione di una nuova scuola di danza contemporanea, P.A.R.T.S. (Performing Arts Research & Training Studios), divenuta attiva nel 1995 e premiata nel 2010 dalla Biennale di Venezia con il Leone d’argento.
Nel 1992 il cortometraggio in bianco e nero Rosa – coreografia di de Keersmaeker su musiche di Bartók – del regista Peter Greenaway ha partecipato alla 49. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.
Nella sua carriera de Keersmaeker annovera anche tre regie di teatro musicale: Il castello di Barbablù di Béla Bartók (1998), I due Foscari di Giuseppe Verdi) (2003), Hanjo di Toshio Hosokawa (2004).