la Biennale di Venezia

15. Mostra Internazionale di Architettura

La Mostra è aperta nelle sedi dei Giardini e Arsenale (ore 10-18, chiuso lunedì)
15. Mostra Internazionale di Architettura

BIENNALE MUSICA 2016

8 ottobre: Ryo Murakami Leone d’Argento / Salvatore Sciarrino Leone d’Oro alla carriera
BIENNALE MUSICA 2016

News

Il regista Sam Mendes Presidente della Giuria internazionale Venezia 73

< Indietro
tra i suoi film American Beauty, Era mio padre, Skyfall, Spectre
27 | 04 | 2016

la 73. Mostra dal 31 agosto al 10 settembre 2016

Sarà il regista britannico Sam Mendes (American Beauty, Era mio padre, Skyfall, Spectre) a presiedere la Giuria internazionale del Concorso della 73. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia (31 agosto – 10 settembre 2016), che assegnerà il Leone d’oro per il miglior film e gli altri premi ufficiali. La decisione è stata presa dal Cda della Biennale di Venezia presieduto da Paolo Baratta, su proposta del Direttore della Mostra Alberto Barbera.
 
Sam Mendes (photo © Rankin), che ha esordito nel 1988 come regista di teatro, si è imposto sin dal suo debutto come una delle figure di maggior spicco nel panorama teatrale anglosassone, vincendo numerosi premi. In seguito si è affermato come regista cinematografico tra i più apprezzati degli ultimi anni. Il suo esordio dietro la macchina da presa è stato folgorante: nel 2000 American Beauty vinse cinque Oscar, tra cui quelli per la miglior regia e il miglior film. Ha poi diretto Era mio padre, presentato in Concorso alla Mostra di Venezia nel 2002. Da allora, Sam Mendes ha continuato a frequentare alternativamente i palcoscenici londinesi e i set di film hollywoodiani, sino allo straordinario successo mondiale del 23° titolo della serie di James Bond, Skyfall, confermato dal successivo Spectre.
 
“La sua vocazione per un teatro e un cinema personali – ha dichiarato il direttore della Mostra Alberto Barbera – unita alla ricerca di modalità di comunicazione con porzioni sempre più ampie di spettatori, trova in Sam Mendes una sintesi particolarmente efficace e convincente. Le sue messe in scena, che siano destinate alle tavole dei teatri o al buio delle sale cinematografiche, hanno il merito di saper conciliare le aspettative dei critici più esigenti con i gusti di un pubblico vastissimo, che sembra non conoscere confini geografici e  culturali”.
 
È un onore essere stato chiamato da Alberto a guidare la Giuria internazionale di Venezia 73 – ha dichiarato Sam Mendes – Ho sempre avuto un forte legame con Venezia. Da studente ho lavorato per tre mesi alla Peggy Guggenheim Collection nel lontano 1984, e il mio più bel ricordo di un festival è il lancio di Era mio padre a Venezia nel 2002. Sono felicissimo di tornare al Lido quest’anno per dare il benvenuto a tanti talenti del cinema internazionale”.
 
Nella serata conclusiva della prossima 73. Mostra (10 settembre 2016), la Giuria internazionale di Venezia 73, presieduta da Sam Mendes e complessivamente composta da 9 personalità del cinema e della cultura di diversi Paesi, assegnerà ai lungometraggi in Concorso i seguenti premi ufficiali:
 − Leone d'Oro per il miglior film
 − Gran Premio della Giuria
 − Premio per la migliore regia
 − Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile
 − Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile
 − Premio per la migliore sceneggiatura
 − Premio Speciale della Giuria
 − Premio Marcello Mastroianni a un giovane attore o attrice emergente
 
 
Sam Mendes (Reading, Inghilterra, 1965) ha diretto nel 1999 il suo primo film, American Beauty, che nel 2000 ha vinto cinque Oscar (tra cui miglior regia e miglior film), nonché il Golden Globe e il Directors’ Guild Award. Ha quindi diretto: Era mio padre (2002) con Tom Hanks, Paul Newman e Jude Law, che ha debuttato alla Mostra di Venezia e ha vinto l’Oscar per la migliore fotografia; Jarhead (2005) con Jake Gyllenhaal e Jamie Foxx; Revolutionary Road (2008) con Leonardo DiCaprio e Kate Winslet; American Life (2009); Skyfall (2012), vincitore di due Oscar e due BAFTA; e Spectre (2015) con Daniel Craig. 
 
L’attività di Sam Mendes nella regia teatrale copre 25 anni. All’età di 24 anni è diventato il primo direttore artistico del Minerva Theatre a Chichester in Inghilterra. A 27 anni ha fondato il Donmar Warehouse a Londra, che ha guidato per dieci anni, e dove ha messo in scena molti spettacoli, tra cui Assassins, Translations, Glengarry Glen Ross, Company, The Glass Menagerie, Habeas Corpus, Zio Vania e La dodicesima notte. Oggi il Donmar Warehouse è uno dei principali teatri al mondo.
 
Mendes ha quindi diretto: per la Royal Shakespeare Company, Troilo e Cressida con Ralph Fiennes, Riccardo III, La tempesta e The Alchemist; per il National Theatre, The Sea con Judi Dench, The Birthday Party, The Rise and Fall of Little Voice, Otello e Re Lear; nel West End, The Cherry Orchard, London Assurance, Kean, e Charlie e la fabbrica del cioccolato; a Broadway, Cabaret con Natasha Richardson e Alan Cumming, The Blue Room con Nicole Kidman, Gypsy, e The Vertical Hour con Julianne Moore.
 
Nel 2009 Mendes ha fondato il Bridge Project, una compagnia teatrale fra Europa e America, per la quale ha messo in scena Il racconto d’inverno con Ethan Hawke, The Cherry Orchard, La tempesta, Come vi piace e Riccardo III con Kevin Spacey.
 
Fra i suoi numerosi premi ottenuti, si possono ricordare: tre Olivier Awards, tre Tony Awards, l’Evening Standard Award, tre Critics’ Choice Awards, cinque Empire Awards, il BAFTA John Schlesinger Award e l’Hamburg Shakespeare Prize.
 
Nel 2003 ha fondato la Neal Street Productions, che ha prodotto tre serie televisive vincitrici del BAFTA - Penny Dreadful, Call the Midwife e The Hollow Crown – insieme a molti altri film e spettacoli.
 
Ha vinto inoltre un CBE (Commander of the Most Excellent Order of the British Empire) nel 2000 e il premio alla carriera della Directors’ Guild nel 2005.