Questo sito usa cookie tecnici e cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di rendere più rapido e migliore il suo utilizzo e per inviarti messaggi pubblicitari in linea con le preferenze da te manifestate durante la navigazione.
Se vuoi saperne di più o modificare le impostazioni del tuo browser relativamente ai cookies, fino ad eventualmente escluderne l’installazione, premi qui.
Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.



la Biennale di Venezia
Main Visual Sezione Teatro (new)

Teatro


Jan Fabre

GANGSTER E STILITI
 
Padiglione Centrale ai Giardini della Biennale
21 > 25 marzo  2011
dalle ore 12.00 alle 18.00
 
Venerdì 25 marzo 2011
Ca’ Giustinian - Sala delle Colonne ore 18.00: incontro con il pubblico
 
I gangster mi hanno sempre affascinato. La vita dei gangster è pericolosamente in bilico tra estasi e abisso. Il gangster è un performer che impersona le proibizioni della società a teatro. Le sue trasgressioni risvegliano la nostra immaginazione mentre la sua punizione è la nostra catarsi.
È il gangster un Santo? Lui è al di sopra di tutti noi, è una calamita per qualsiasi cosa che gli gira intorno attratto dalla sua ‘aura’.
La sua condizione di illegalità lo espone ad ogni sorta di pericolo.
Il mio teatro è una specie di laboratorio in cui si testano i sensi e gli istinti.
Le reazioni, la determinazione, l’esperienza e la personalità dei performer influenzano la direzione delle mie riflessioni. È questa ‘interazione’ che mi affascina.
Per molti versi, è questione di essere servo o maestri l’uno verso l’altro, per il verso giusto.
 
 - I partecipanti possono essere danzatori, attori m/f
 - Il workshop sarà in lingua inglese
 - I partecipanti devono portarsi vestiti comodi da lavoro e inoltre un completo e scarpe da uomo (sia i maschi che le femmine)
 - Letteratura che i partecipanti possono consultare: tutta quella che riguarda l’argomento Gangsters & Pillarists (Gangster e Stiliti)
 
 
<<