La Biennale di Venezia

Your are here

Cinema

Gilles Bourdos - Espèces menacées

Orizzonti – Competition



France, Belgium / 105’
language French
cast Alice Isaaz, Vincent Rottiers, Grégory Gadebois, Suzanne Clement, Eric Elmosnino, Alice De Lencquesaing, Carlo Brandt, Agathe Dronne, Damien Chapelle, Brigitte Catillon, Pauline Etienne, Frédéric Pierrot
screenplay Michel Spinosa, Gilles Bourdos
cinematographer Mark Lee Ping-Ping
editor Yannick Kergoat
production designer Guillaume Deviercy
costume designer Virginie Montel
music Alexandre Desplat, John Cage, Willis Earl Beal, Juventino Rosas
sound François Waledisch, Valérie Deloof, Thomas Gauder

Sinossi

Le storie intrecciate di tre famiglie. Josephine e Tomas sono una coppia felice di neosposi, ma i genitori di Josephine scoprono ben presto che dietro la fulgida felicità matrimoniale della coppia si cela un’oscura verità. Nel frattempo, Melanie annuncia ai genitori di essere incinta. E il padre del bambino è ben lontano dall’essere il genero ideale! Infine Anthony, la testa tra le nuvole e sfortunato in amore, si ritrova a doversi fare carico di una madre che ha improvvisamente perso il controllo.

Commento del regista

Il film è concepito come il gioco delle sette famiglie, in cui le carte vengono continuamente chiamate sul tavolo. Espèces menacées si basa sul concetto del confronto, dello scontro, del conflitto tra padre e figlia, tra figlio e madre, tra marito e moglie, dove i padri sono messi alla prova dalle scelte sentimentali delle figlie, dove un figlio si confronta con la disastrosa vita coniugale dei genitori... Le situazioni riverberano una sull’altra, entrano in una cassa di risonanza, creando effetti amplificati. Nel corso della realizzazione di questo film ho provato un’emozione particolare nel comporre un racconto sfaccettato in cui il tragico rasenta il comico. Costruire un “film mosaico”, ovvero un “tutto composto di singole tessere”, equivale anche a comporre un oggetto a più facce che sfugge a qualsiasi conclusione totalizzante in termini di senso. I nostri tre racconti familiari sono guidati da dinamiche diametralmente opposte: un padre sprofonda nella follia, un altro si riconcilia con la figlia, una moglie si sbarazza delle sue nevrosi per ritrovare il ruolo di madre. È esattamente in seno alla famiglia che alcuni trovano rifugio, mentre altri affondano. Per questo motivo ho anche voluto che la fine del film fosse suscettibile di molteplici interpretazioni. Nell’ultima sequenza, mentre alcuni troveranno una tangibile ragione di speranza nell’espressione radiosa del viso di Alice Isaaz, altri saranno invece portati a pensare al titolo stesso del film e avranno la sensazione di una fine cupa. Entrambi avranno ragione.

Sala Darsena

LUNGOMARE MARCONI,  30126
LIDO DI VENEZIA
TEL  0415218711
info@labiennale.org

Discover the venue

See on Google Maps

Share this page on

Biennale Cinema
Biennale Cinema