la Biennale di Venezia
Main Visual Sezione Cinema (new)

Cinema


69. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica

Direttore: Alberto Barbera

29 agosto > 8 settembre 2012

Venezia 69

APRÈS MAI (SOMETHING IN THE AIR) - OLIVIER ASSAYAS
Tutte le sezioni »
 
Sinossi
Parigi, inizio anni Settanta. Gilles è un giovane liceale preso dall’effervescenza politica e creatrice del suo tempo. Come i suoi compagni, esita tra un impegno radicale e delle aspirazioni più personali. Passando da relazioni amorose a rivelazioni artistiche, in un viaggio che attraverserà l’Italia e finirà a Londra, Gilles e i suoi amici dovranno fare scelte decisive per trovare se stessi in un’epoca tumultuosa.

VIDEO (conferenza stampa e photocall) >>
VIDEO (red carpet) >>
3 settembre 19:00 - Sala Grande 3 settembre 20:00 - PalaBiennale VENEZIA 69 Après Mai (Something in the Air) di Olivier Assayas - Francia, 122'
v.o. francese - s/t inglese, italiano
Clément Métayer, Lola Créton, Félix Armand
 
Commento del regista
Credo poco all’autobiografia al cinema. Si scrive sempre con i ricordi, vicini, lontani, più o meno deformati, più o meno idealizzati. A maggior ragione quando si tratta dell’adolescenza, l’età in cui le immagini più forti si iscrivono quasi a nostra insaputa. Credo invece moltissimo alla gioventù, come fonte di ispirazione, come verità intima alla quale bisogna costantemente confrontarsi. Sono cresciuto durante gli anni Settanta, non li ho scelti ed è verso di loro che torno. Questo periodo violento, confuso, contraddittorio, sovrastato dall’ombra del maggio 1968, continua a essere oggetto di malintesi. Io l’ho vissuto, ne sono il peggiore testimone, il viso sull’asfalto, tributario di una prospettiva irrimediabilmente falsata. Ma forse non è il punto di vista più sbagliato per cogliere il caos di quegli anni...

 
71. Mostra
Tutte le informazioni sull'edizione 2014, dal 27 agosto al 6 settembre
Biennale College - Cinema
I 3 lungometraggi dell’edizione 2013/2014 presentati alla 71. Mostra
Lido in Mostra
Servizi e agevolazioni per il pubblico, i giovani e gli accreditati