Questo sito usa cookie tecnici e cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di rendere più rapido e migliore il suo utilizzo e per inviarti messaggi pubblicitari in linea con le preferenze da te manifestate durante la navigazione.
Se vuoi saperne di più o modificare le impostazioni del tuo browser relativamente ai cookies, fino ad eventualmente escluderne l’installazione, premi qui.
Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.



la Biennale di Venezia
Main Visual Sezione Cinema (new)

Cinema


69. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica

Direttore: Alberto Barbera

29 agosto > 8 settembre 2012

Venezia 69

LA CINQUIÈME SAISON - PETER BROSENS, JESSICA WOODWORTH
Tutte le sezioni »
 
Sinossi
Su un villaggio nel cuore delle Ardenne si abbatte una misteriosa calamità: non arriva la primavera. Il ciclo della natura si è capovolto. INVERNO – In cui Alice, figlia di un contadino, e Thomas, un adolescente solitario, sono innamorati. In cui l’annuale falò che celebra la fine dell’inverno non riesce ad accendersi. PRIMAVERA – In cui le api scompaiono, i semi non germogliano, le mucche si rifiutano di produrre latte. In cui si ha la prima vittima. ESTATE – In cui un venditore ambulante di fiori porta al suo passaggio una gioia effimera. In cui abbondano gli insetti, sale il panico, esplode la violenza. AUTUNNO – In cui ogni cortesia è svanita. In cui gli angeli prendono la fuga.

VIDEO (conferenza stampa e photocall) >>
VIDEO (red carpet) >>
6 settembre 22:00 - Sala Grande 6 settembre 21:45 - PalaBiennale VENEZIA 69 La cinquième saison di Peter Brosens, Jessica Woodworth - Belgio, Paesi Bassi, Francia, 93'
v.o. francese - s/t inglese, italiano
Aurélia Poirier, Django Schrevens, Sam Louwyck, Gill Vancompernolle
 
Commento dei registi
Che cosa accadrebbe se non giungesse la primavera? Dopo aver girato Khadak in Mongolia e Altiplano in Perù, era imperativo concludere la nostra trilogia in Belgio, luogo in cui viviamo. In La cinquième saison la natura prende il sopravvento nella protesta contro l’arroganza umana: non fa niente, non dà niente, nega fertilità alla terra e in questo modo provoca la rapida implosione di un’intera comunità. Al disastro si sottraggono soltanto poche anime che se ne fuggono. Il loro destino è ignoto.