la Biennale di Venezia
Main Visual Sezione Danza (new)

Danza


6000 miles away
Sylvie Guillem
Ek / Forsythe / Kylián

22 giugno ore 20.00
Teatro Malibran
SYLVIE GUILLEM (Francia)

6000 miles away
produzione Sadler's Wells London / Sylvie Guillem
coproduzione Les Nuits de Fourvière / Département du Rhône, Athens Festival, Esplanade - Theatres on the Bay
con il supporto di 


Rearray
coreografia, luci, costumi William Forsythe
con Sylvie Guillem, Massimo Murru
musica David Morrow
disegno luci Rachel Shipp

27’52”
coreografia, scene Jirí Kylián
con Aurélie Cayla, Lukas Timulak
musica Dirk P. Haubrich
luci Kees Tjebbes
costumi Joke Visser
luci Kees Tjebbes

Bye
coreografia Mats Ek
con Sylvie Guillem
musica Ludwig van Beethoven (Sonata per pianoforte n.32, Op.111)
scene, costumi Katrin Brännström
luci Erik Berglund
video Elias Benxon
coproduzione Dansens Hus (Stoccolma)

Ballerina dalla perfezione tecnica unica, Sylvie Guillem ha saputo imporsi come una delle più grandi del nostro tempo. La sua fama esplode negli anni ‘80, quando non solo Guillem rivoluziona l’estetica della ballerina classica con un’altezza “fuori misura” e gambe lunghissime che avvita e slancia al limite della disarticolazione, ma ne muta per sempre il cliché, affermando la sua personalità artistica con decisione e indipendenza nelle scelte. Osannata dal pubblico di ballettomani, la Guillem non è soltanto dotata di potenza fisica e tecnica d’acciaio, ma ha anche il carisma della vera diva.

Formatasi alla scuola dell’Opéra di Parigi, dove entra a 12 anni, a 16 è già nel corpo di ballo e a 19 è nominata étoile - la più giovane étoile della storia dell’Opéra di Parigi - da Rudolf Nureyev per la sua interpretazione de Il lago dei cigni. Una serie di importanti ruoli seguono questo riconoscimento, a volte con lo stesso Nureyev come partner. Dall’Opéra di Parigi al Royal Ballet e poi ancora all’Opéra, la Guillem costruisce un repertorio vastissimo, che ha contribuito alla sua longevità artistica sulle scene di tutto il mondo: dai più importanti titoli del repertorio classico - Giselle, Don Chisciotte, Romeo e Giulietta, La Bella addormentata, Cenerentola, Raymonda, La Bayadère, Agon, Apollon musagète – a pezzi coreografati per lei dai maggiori artisti contemporanei, come William Forsythe, Maurice Béjart, Karole Armitage, Mats Ek, cui si aggiungono recentemente Russell Maliphant e Akram Khan.

P
er la prima volta alla Biennale di Venezia, Sylvie Guillem porta l’ultimo spettacolo 6000 Miles Away, composto da un trittico di pezzi che per lei hanno creato i massimi coreografi: il pas de deux Rearray di William Forsythe, su musiche di David Murrow, l’assolo Bye di Mats Ek, sulle note dell’ultima Sonata di Beethoven e  il duetto da 27’52’’ di Jirí Kylián, quest’ultimo interpretato da Aurélie Cayla e Kenta Kojiri, sulle musiche di Dirk Haubrich. Un appuntamento da non perdere.

Quarto palcoscenico
Video e fotogallery
Biennale College - Teatro
Nove laboratori dal 30 luglio al 10 agosto 2014
Biennale Musica 2014
20 > 21 settembre, 3 > 12 ottobre 2014