Chiudi

la Biennale di Venezia
Main Visual Sezione Danza (new)

Danza

Grado Zero

Biennale Danza

30 marzo > 30 giugno 2009

Corso di Teatrodanza della Scuola Paolo Grassi Milano


Martedì 23 giugno ore 20.00
Teatro Piccolo Arsenale
Corso di teatrodanza della Scuola d’arte drammatica Paolo Grassi Milano/ Yasmeen Godder
 
A Study of Sudden Birds
coreografia Yasmeen Godder
assistenti alla coreografia Shahar Brown, Maya Weinberg
con i danzatori del terzo corso di Teatrodanza della Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi di Milano - Mattia Agatiello, Chiara Ameglio, Cesare Benedetti, Noemi Bresciani, Pieradolfo Ciulli, Maria Sole Dell’Aversana, Maura Di Vietri, Gabriele Marra, David Melcarne, Riccardo Olivier, Francesca Penzo, Maria Giulia Serantoni, Wilma Trevisan
responsabile allestimento Fabrizio Palla
luci Paolo Latini
produzione e organizzazione Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi
con il coordinamento didattico di Maurizio Schmidt e Marinella Guatterini
con la collaborazione del Corso tecnici di palcoscenico della Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi
un progetto realizzato da Scuole Civiche di Milano FdP, Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi, La Biennale di Venezia.
 
Al termine di un anno focalizzato sul lavoro con tre artisti internazionali - Lucinda Childs, Jean-Claude Penchenat, Yasmeen Godder - il Terzo Corso di Teatrodanza della Scuola d’Arte Drammatica “Paolo Grassi” di Milano, progettato e diretto da uno dei maggiori critici italiani del settore, Marinella Guatterini, sul modello delle maggiori scuole europee, ha scelto di presentare alla Biennale lo spettacolo che nasce dall’incontro con la trentacinquenne coreografa israeliana Yasmeen Godder. Nata a Gerusalemme ma trasferita all’età di 11 anni a New York, dove ha fatto le sue più importanti esperienze formative, Yasmeen Godder, autrice di una danza dalla cifra fortemente teatrale, è oggi una delle personalità più incisive della coreografia contemporanea, ospitata nei maggiori festival e nei teatri di tutto il mondo - da New York a Berlino, da Londra a Parigi e Montpellier fino a Tokyo.
Per il Corso milanese Godder ha rielaborato uno dei pezzi più enigmatici e stimolanti del suo lavoro, Sudden Birds, un quartetto al femminile esemplare sulla questione dell’identità. Il nuovo pezzo, A Study of Sudden Birds vede coinvolti donne e uomini, in uno scambio di ruoli, come testimonia la stessa artista: “Utilizzando le relazioni, le strutture e configurazioni del lavoro originale, il nuovo Studio torna a interrogarsi sui peculiari aspetti costitutivi della coreografia in un contesto diverso, composto da donne e uomini e scambiandosi i ruoli per scoprirne l’impatto entro un gruppo allargato. Spezzando la continuità psicologica che era il temperamento del lavoro originale, provo a indagare l’eco e la risonanza interiore delle differenti strutture e scene, attraverso la ripetizione e una rinnovata ricerca sulla narrazione” (Yasmeen Godder).
 
Dopo Susanne Linke e Reinhild Hoffmann, Jean Cébron e Beatrice Libonati, dopo Ismael Ivo, la cui comparsa sulle scene italiane e successiva permanenza si deve proprio al successo ottenuto con la produzione di Medeamaterial da Heiner Muller per il Corso di Teatrodanza della “Paolo Grassi”, dopo Enzo Cosimi e Paco Decina, Amanda Miller e il catalano Cesc Gelabert con Lydia Azzopardi e, soprattutto dopo gli incontri folgoranti con la maestra americana del Minimalismo Lucinda Childs e l’italiano residente in Olanda, Emio Greco, l’adesione dell’artista contemporanea israeliana è una conquista per l’intera Scuola D’Arte Drammatica “Paolo Grassi”. Godder è oggi tra le coreografe contemporanee più richieste, e in vista nel mondo della ricerca e soprattutto di una danza che non rinuncia alla composizione rigorosa e alla costruzione di un linguaggio.
Marinella Guatterini