la Biennale di Venezia
Main Visual Sezione Teatro (new)

Teatro


Laboratori

8 > 13 ottobre ore 9.00 > 15.00
Ca’ Giustinian – Laboratorio delle Arti
Video Walking Venice
laboratorio con Stefan Kaegi
 
settembre > ottobre
Laboratorio Alias
laboratorio didattico per la realizzazione delle scenografie di El Box di Ricardo Bartís
in collaborazione con Università Iuav di Venezia - Facoltà di Design e Arti - Laurea Magistrale in Scienze e Tecniche del Teatro, Laboratorio Alias
 
10 > 13 ottobre ore 9.00 > 15.00
Sala prove Tocnadanza - Giudecca
Duetti veneziani
laboratorio sul movimento per attori con Virgilio Sieni
 
13 > 16 ottobre ore 9.00 > 15.00
Sala prove Tocnadanza - Giudecca
Movement and dance for actors
laboratorio sul movimento per attori con Josef Nadj
 
11>15 ottobre ore 9.00 > 15.00
Teatro di Ca’ Foscari a Santa Marta “Giovanni Poli”
Aproximación a una práctica escénica entre las luces y las sombras
laboratorio di disegno e drammaturgia della luce con Carlos Marquerie
 
11 > 15 ottobre ore 9.00 > 15.00
Centro culturale Cz95 - Giudecca
Imagen y escena
laboratorio di live video per registi con Àlex Serrano
 
11 > 15 ottobre ore 9.00 > 15.00
Sala del Camino - Giudecca
laboratorio sulla recitazione del verso in Shakespeare con Will Keen e María Fernández Ache
 
10 > 16 ottobre
Ca’ Giustinian e luoghi del festival
laboratorio teorico-pratico di critica teatrale a cura di Andrea Porcheddu
 
 
Incontri, conferenze, tavole rotonde, spettacoli, ma soprattutto i laboratori sono il cuore pulsante del 41. Festival Internazionale del Teatro, in linea di continuità e di sviluppo con il Laboratorio Internazionale di Arti Sceniche, il prologo che si è svolto a Venezia dall’autunno del 2010 alla primavera del 2011. Sono tutte attività che accendono i riflettori sui diversi elementi costitutivi dello spettacolo, nello sforzo di abbracciare la complessità della scena, portando a Venezia alcuni dei protagonisti del teatro contemporaneo: il lavoro con l’attore, lo spazio scenografico, la drammaturgia della luce, la video-scrittura e la manipolazione tecnologica, gesto e movimento, fino al momento finale del confronto con la scrittura critica. Venezia e il Festival diventeranno punto di incontro, di scambio e di maturazione coinvolgendo pubblico e professionisti da tutto il mondo per un’approfondita riflessione sul fare teatro oggi.
 
Il workshop condotto da Stefan Kaegi con Rimini Protokoll, intitolato Video Walking Venice, ruota attorno alle nuove tecnologie digitali dell’iPod touch, occasione per una riflessione pratica sulla complessità e le contraddizioni dell’utilizzo degli strumenti tecnologici, e prende come soggetto dell’intervento la città. Il laboratorio avrà il suo esito pubblico in forma itinerante a partire da Ca’ Giustinian.
 
Come si costruisce una scenografia? Alcuni allievi del corso in Scienze e Tecniche del Teatro dell’Università Iuav lavoreranno alla costruzione delle scene originali per l’allestimento di uno degli spettacoli in programmazione. El Box di Ricardo Bartís sarà l’occasione per il confronto con il palcoscenico professionale.
 
Due sono i workshop tenuti da artisti della coreografia contemporanea, Josef Nadj e Virgilio Sieni. Il loro personalissimo “teatro del movimento”, che sfugge alle definizioni incrociando le diverse discipline, sarà terreno ideale di incontro per gli attori.
 
A Carlos Marquerie, artista delle luci che ha contribuito a tanti spettacoli di Rodrigo García, ma anche regista, autore e promotore di festival e compagnie teatrali (fondatore de La Tartana e della compagnia Lucas Cranach, direttore dell’Encuentro Internacional de Teatro e poi degli Encuentros de Teatro Contemporáneo), è affidato un laboratorio dedicato ai segreti dell’illuminotecnica nell’era della tecnologia digitale.
 
Àlex Serrano, invece, autore di tanti progetti multimediali d’avanguardia - con Tangent Audiovisual, Areatangent e infine con Agrupación Señor Serrano – e con collaborazioni sul fronte teatrale, musicale e coreografico, terrà un settimana di workshop per registi teatrali su modalità, tecnica e creatività nell’impiego del video in tempo reale.
 
Al teatro necessario, quello costitutivo della civiltà teatrale europea, con cui è indispensabile confrontarsi, all’autore di Amleto e di Romeo e Giulietta è dedicato un laboratorio, focalizzato sulla recitazione del verso shakespeariano, quale modello di ogni forma di recitazione come il balletto classico lo è per il danzatore contemporaneo.
 
L’opera teatrale vive con il pubblico, e quindi con il pensiero critico, un momento imprescindibile: il 41. Festival Internazionale del Teatro sarà anche occasione di confronto con il miglior teatro europeo per la giovane critica italiana, che vive un momento di vitalità, testimoniata dal moltiplicarsi di blog, siti specializzati, fanzine. Il laboratorio di critica teatrale, condotto da Andrea Porcheddu, prosegue ed amplia il “Progetto OctoberTest”, realizzato in concomitanza con il Laboratorio Internazionale di Arti Sceniche, divenendo momento di formazione e riflessione teorica. Ai sette giovani critici selezionati che hanno seguito la prima fase se ne aggiungeranno altri cinque: insieme seguiranno tutte le attività del Festival e formeranno una redazione che lavorerà sia su web che su carta, fornendo un “foglio” quotidiano di informazione e approfondimento sul Festival.

[ Scarica il depliant del Festival in formato PDF ]
 
Quarto palcoscenico
Video e fotogallery
Biennale Musica 2014
20 > 21 settembre, 3 > 12 ottobre 2014
Biennale Architettura
Fundamentals. 7 giugno > 23 novembre 2014