fbpx Biennale Cinema 2017 | Raoul Walsh - The Revolt of Mamie Stover (Femmina ribelle)
La Biennale di Venezia

Your are here

Cinema

Raoul Walsh - The Revolt of Mamie Stover (Femmina ribelle)



Usa (1956) / 93’
lingua Inglese
dal romanzo omonimo di 
William Bradford Huie
cast Jane Russell
, Richard Egan
, Joan Leslie, Agnes Moorhead, Giorgia Curtright, Michael Pate, Richard Coogan, Alan Reed , Leon Lontoc, John Halloran, Cark Harbaugh
sceneggiatura Sidney Boehm
fotografia Leo Tover
montaggio 
Louis R. Loeffler
scenografia
 
Lyle R. Wheeler
Mark-Lee Kirk

costumi Travila
musica Hugo Friedhofer
suono 
W. D. Flick
, Harry M. Leonard
effetti speciali Ray Kellogg
restauro a cura di 20th Century Fox Film
laboratorio Cineric
Audio Mechanics

 

SINOSSI

Nel 1941 la prostituta Mamie Stover è costretta dalla polizia ad abbandonare San Francisco. Pensando alle Hawaii come a un posto perfetto per cominciare una nuova vita, Stover si imbarca su una nave per Honolulu. Qui conosce lo scrittore Jim Blair, che si sente subito attratto da lei. Arrivati a destinazione, però, ben presto Stover ritorna alla vita di prima e comincia a lavorare in un locale dei bassifondi, lasciando Blair nello sconforto.

NOTA CRITICA

La storia di questa “femmina ribelle” è “esplosiva”. Con le sue spalle larghe da lottatrice, Jane Russell impersona al meglio un personaggio femminile davvero inedito. È il corrispettivo femminile degli implacabili e dei conquistatori, di quelli che vogliono prendere il mondo nelle loro braccia. [...] The Revolt of Mamie Stover è un film anticonformista, tipico dell’ultimo periodo di attività di Walsh, sempre più insofferente delle pastoie, sempre più esplicito nei suoi discorsi, sempre più diretto nel suo filmare, oltre che dedito allo smontaggio dei meccanismi interni del più tipico e più standardizzato cinema hollywoodiano, e quindi anche del proprio cinema.

Ermanno Comuzio, Walsh, La Nuova Italia, 1982.

Sala Casinò

LUNGOMARE MARCONI
30126 LIDO DI VENEZIA
TEL. 0415218711
info@labiennale.org

Scopri la sede


Condividi su

Biennale Cinema
Biennale Cinema