La Biennale di Venezia

Your are here

Cinema

John Woo - Zhuibu (Manhunt)



Cina, Hong Kong / 106’
lingua Giapponese, Inglese, Cinese
dal romanzo Kimiyo funnu no kawa wo watare di Juko Nishimura
cast Hanyu Zhang, Masaharu Fukuyama, Wei Qi, Ha Jiwon
sceneggiatura Hing Kai Chan, Jame Yuen, Gordon Chan, Itaru Era, Miu Ki Ho, Maria Wong, Sophie Yeh
fotografia Takuro Ishizaka
montaggio Lee Ka Wah
scenografia Youhei Taneda
costumi Kumiko Ogawa
musica Taro Iwashiro
suono Taro Iwashiro
effetti speciali Alex Lim

SINOSSI

Prodotto e distribuito da Media Asia Films, Zhuibu, diretto da John Woo, riunisce i migliori talenti di Cina, Giappone, Corea del Sud, Taiwan e Hong Kong per un film d’azione spettacolare. Prodotto da Gordon Chan e Chan Hing-kai, i principali interpreti sono Masaharu Fukuyama, Zhang Hanyu, Qi Wei, Ha Ji-won e Angeles Woo. Alla sua realizzazione, hanno contribuito il noto scenografo Yohei Tanada, il direttore della fotografia Takuro Ishizaka e l’autore della colonna sonora Taro Iwashiro. È un adattamento del romanzo Kimi yo Fundo no Kawa wo Watare (Devi attraversare il fiume dell’ira) di Yuko Nishimura, pubblicato da Tokuma Shoten, e del film omonimo prodotto da Kadokawa Pictures. Il film è stato girato in varie località del Giappone, tra le quali Osaka. Zhuibu racconta dell’onesto avvocato Du Qiu, che è costretto a seguire un caso di omicidio finché le prove raccolte indicano lui come il responsabile. Sapendo di essere stato incastrato da Luo Zhi, Du Qiu fugge per scoprire la verità. La polizia inizia una gigantesca caccia all’uomo, ma l’esperto detective Yamura si rende conto che questo caso apparentemente già chiuso non è affatto così semplice. Durante questa violenta caccia, si crea un legame tra fuggitivo e inseguitore anche se Yamura sa di non potersi fidare del tutto di Du Qiu. Il vero assassino si sta nascondendo? C’è un complotto nascosto dietro l’omicidio?

COMMENTO DEL REGISTA

La mia infatuazione per il cinema giapponese è cominciata in tenera età. All’epoca in cui iniziavamo a conoscere il cinema, eravamo molto influenzati e ispirati dai film giapponesi. Ho grande stima per molti registi e attori giapponesi, soprattutto Ken Takakura. La sua grazia e il suo carisma mi hanno colpito profondamente, e sono orgoglioso di definirmi un fan delle sue opere. L’occasione di fare un remake di Zhuibu è giunta poco dopo la morte di Takakura. Avevo sempre desiderato girare un film che gli rendesse omaggio, e avere l’opportunità di realizzare un film del genere in Giappone è stato il coronamento di un sogno che avevo accarezzato per molti anni. Questo è il motivo per cui Zhuibu occupa un posto speciale nella mia carriera. Il film è influenzato dai gialli pieni di suspense di Alfred Hitchcock. Parla di un uomo giusto che è stato incastrato per un crimine che non ha commesso. Con l’aiuto di un detective onesto, scopre la verità e sconfigge i cattivi. Il film parla anche di amicizia, un tema trattato da molte delle mie opere. Allo stesso tempo, Zhuibu è il mio tributo ai polizieschi degli anni sessanta e settanta. Ritengo che i migliori film della storia del cinema mondiale appartengano a quell’epoca, un’epoca d’oro per i registi e gli autori. Lo spirito glorioso di quei film si percepisce nella storia, nei personaggi, nella musica e anche nella scenografia del film. Spero sinceramente che Zhuibu piaccia a tutti voi!

Sala Darsena

LUNGOMARE MARCONI,  30126
LIDO DI VENEZIA
TEL  0415218711
info@labiennale.org

Scopri la sede

Vedi su Google Maps

Condividi su

Biennale Cinema
Biennale Cinema