fbpx Biennale Cinema 2017 | James Whale - The Old Dark House (Il castello maledetto)
La Biennale di Venezia

Your are here

Cinema

James Whale - The Old Dark House (Il castello maledetto)



Usa (1932) / 72’
lingua Inglese
dal romanzo Benighted

di John Boynton Prestley
cast Boris Karloff, 
Melvyn Douglas, Charles Laughton, Lilian Bond, Ernest Thesiger, Eva Moore, Raymond Massey, Gloria Stuart, Elspeth Dudgeon, Brember Wills
sceneggiatura Benn W. Levy
fotografia Arthur Edeson

montaggio 
Clarence Kolster
scenografia Russell A. Gausman
musica 
David Broekman
Suono William Hedgcock
effetti speciali John P. Fulton
restauro a cura di Cohen Film Collection / Cohen Media Group

in collaborazione con Universal Pictures
laboratorio Roundabout Entertainment

 

SINOSSI

La storia narra di un gruppo di viaggiatori che, smarritisi, si imbattono in una vecchia casa tenebrosa, si ritrovano alla mercé dell’alquanto eccentrica e potenzialmente pericolosa famiglia Femm. Questa raffinata pellicola horror di grande atmosfera vede Boris Karloff interpretare il suo primo ruolo da protagonista nei panni del goffo maggiordomo sfigurato. I dialoghi arguti e le inquietanti atmosfere gotiche, tipica cifra stilistica di Whale, danno vita a una memorabile notte buia e tempestosa, creata da uno dei più colti autori americani di classici del genere horror.

NOTA CRITICA

È una commedia macabra nella quale Karloff ha un ruolo di secondo piano (un personaggio inserito dalla produzione che distrae più che chiarire, forse una falsa pista) in una casa dove non funziona nulla. La coppia che accoglie i malcapitati in fuga dal temporale è indimenticabile. Si tratta di Ernest Thesiger, il cui modo ricco di sottintesi di porgere una patata fa venire i brividi, e di Eva Moore, sua sorella, cristiana fanatica che grida tutto il tempo “No beds, no beds”. Gloria Stuart, deliziosa come sempre; Mervyn Douglas caustica e lesta.

Bertrand Tavernier

Sala Casinò

LUNGOMARE MARCONI
30126 LIDO DI VENEZIA
TEL. 0415218711
info@labiennale.org

Scopri la sede


Condividi su

Biennale Cinema
Biennale Cinema