fbpx Biennale Cinema 2022 | All the Beauty and the Bloodshed
La Biennale di Venezia

Your are here

Cinema

All the Beauty and the Bloodshed

Venezia 79 Concorso

Regia:
Laura Poitras
Produzione:
Participant, Howard Gertler, John Lyons, Nan Goldin, Yoni Golijov, Laura Poitras
Durata:
117’
Lingua:
Inglese
Paesi:
Usa
Montaggio:
Amy Foote, Joe Bini, Brian A. Kates, A.C.E.
Musica:
Soundwalk Collective

Sinossi

All the Beauty and the Bloodshed è la storia epica ed emozionante dell’artista e attivista di fama internazionale Nan Goldin, raccontata attraverso diapositive, dialoghi intimi, fotografie rivoluzionarie e rari filmati, della sua battaglia per ottenere il riconoscimento della responsabilità della famiglia Sackler per le morti di overdose da farmaco. Il film intreccia il passato e il presente di Goldin, l’aspetto profondamente personale e quello politico, dalle azioni del P.A.I.N. presso rinomate istituzioni artistiche alle immagini di amici e colleghi catturate da Goldin, passando per la devastante Ballad of Sexual Dependency e la leggendaria mostra sull’AIDS Witnesses: Against Our Vanishing del 1989, censurata dal National Endowment for the Arts.
La storia inizia con P.A.I.N., un gruppo da lei fondato per indurre i musei a rifiutare i fondi Sackler, togliere lo stigma alla dipendenza e promuovere strategie di riduzione del danno. Ispirato da Act Up, il gruppo ha orchestrato una serie di proteste atte a denunciare i Sackler e i crimini della Purdue Pharma, produttrice dell’ossicodone. Al centro del film campeggiano le opere d’arte di Goldin The Ballad of Sexual Dependency, The Other Side, Sisters, Saints and Sibyls e Memory Lost. In queste opere, Goldin ritrae gli amici rappresentandoli con bellezza e cruda tenerezza.
Queste amicizie e l’eredità della sorella Barbara sono alla base di tutta l’arte di Nan Goldin.

Commento della regista

Ho iniziato a lavorare a questo film con Nan nel 2019, due anni dopo che aveva deciso di sfruttare la sua influenza come artista per denunciare la responsabilità penale della ricchissima famiglia Sackler nell’alimentare la crisi da overdose. Il processo di realizzazione di questo film è stato profondamente intimo. Nan e io ci incontravamo a casa sua nei fine settimana e parlavamo. All’inizio sono stata attratta dalla storia terrificante di una famiglia miliardaria che ha consapevolmente creato un’epidemia e ha successivamente versato denaro ai musei, ottenendo in cambio detrazioni fiscali e la possibilità di dare il proprio nome a qualche galleria. Ma mentre parlavamo, ho capito che questa era solo una parte della storia che volevo raccontare, e che il nucleo del film è costituito dall’arte, dalla fotografia di Nan e dall’eredità dei suoi amici e della sorella Barbara. Un’eredità di persone in fuga dall’America.

Produzione/Distribuzione

PRODUZIONE 1: Jeff Skoll, Diane Weyermann – Participant
3520 Wesley Street
CA 90232 – Culver City, United States of America
Tel. +1 2132802273
lkim@participant.com
Facebook: @Participant
Instagram: @participant
Twitter: @Participant

PRODUZIONE 2: Alex Kwartler, Hayley Theisen, Howard Gertler, John Lyons, Nan Goldin, Yoni Golijov, Laura Poitras

DISTRIBUZIONE INTERNAZIONALE: Mike Runagall – Altitude Film Sales
10, Orange Street
WC2H 7DE – London, United Kingdom
Tel. +44 7795847594
mikerunagall@altitudefilmsales.com

UFFICIO STAMPA: Claudia Tomassini – International Film Publicity
Saarbrücker Str 24
10405 Berlin
press@claudiatomassini.com
www.claudiatomassini.com

UFFICIO STAMPA ITALIANA: Claudia Tomassini – International Film Publicity
Saarbrücker Str 24
10405 Berlin
press@claudiatomassini.com
www.claudiatomassini.com


Condividi su

Biennale Cinema
Biennale Cinema