fbpx Biennale Cinema 2022 | Stella Dallas
La Biennale di Venezia

Your are here

Cinema

Stella Dallas

Venezia Classici
Regia:
Henry King
Produzione:
Samuel Goldwyn Productions
Durata:
110’
Lingua:
Inglese
Paesi:
USA
Anno:
1925
Interpreti:
Ronald Colman, Belle Bennett, Alice Joyce, Lois Moran, Douglas Fairbanks Jr., Jean Hersholt
Sceneggiatura:
Frances Marion
Fotografia:
Arthur Edeson
Montaggio:
Stuart Heisler
Costumi:
Sophie Wachner
Musica:
Herman Rosen
Restauro:
The Museum of Modern Art (MoMA), The Film Foundation
Dal romanzo omonimo di :Olive Higgins Prouty
Laboratori:Cineric Colorlab

Sinossi

Stella Dallas, la madre appartenente alla classe operaia che compie un estremo sacrificio per le ambizioni sociali della figlia, è una delle figure più intense della cultura americana, fin da quando, nel 1923, apparve l’omonimo romanzo di Olive Higgins Prouty. Seguirono presto un adattamento teatrale e, nel 1925, questa versione cinematografica (la prima di tre). Prodotta da Samuel Goldwyn e diretta da Henry King, la pellicola è un potente atto d’accusa contro le rigide barriere di classe allora emergenti nella prospera America postbellica degli anni Venti. Il centro emotivo del film è Stella (una brillante interpretazione di Belle Bennett, scelta per il ruolo tra settantatré attrici), che si sposa ‘al di sopra del suo status’ (con il figlio di un banchiere a tratti imbarazzato), ma non è capace di adattare il suo abbigliamento e il suo comportamento agli standard borghesi del marito. Quando la figlia si fidanza con un elegante giovane appartenente all’alta società, il dilemma di Stella diventa dolorosamente chiaro: soltanto rinunciando alla sua vita può assicurare la felicità alla figlia.

Nota critica

L’aspetto geniale di questo Stella Dallas sta nel saper cogliere la struggente intensità con cui si può guardare la vita dal buio di una sala, e la sua forza emotiva è tale che anche lo spettatore dell’ultima fila si ritrova completamente preso dalla storia. [...] Fondamentale per la riuscita di Stella Dallas, uno dei momenti più felici del cinema muto hollywoodiano, è la sofisticata sceneggiatura di Frances Marion. Marion prende le vicende narrate nel romanzo, aggrovigliate da continui flashback per creare un’atmosfera di suspense e colpi di scena, e le trasforma in una storia lineare che inizia in un giardino primaverile e si conclude in una fredda strada cittadina. Si prende anche qualche libertà, riorganizzando e intervenendo delicatamente su alcune scene per sottolineare i tormenti che affliggono Stella e la figlia Laurel. E il film è splendidamente diretto da Henry King, che esplora visivamente l’ossessione del romanzo per le apparenze, la finzione e il malinteso ottenendo dal suo cast interpretazioni eccellenti.
Pamela Hutchinson

Produzione/Distribuzione

PRODUZIONE: Samuel Goldwyn Productions

RESTAURO A CURA DI: Katie Trainor, Dave Kehr – The Museum of Modern Art
The Museum of Modern Art, 11 West 53 Street
10019 – New York, United States of America
Tel. +1 2127089792
sean_egan@moma.org

LABORATORIO: Cineric, Colorlab

DISTRIBUZIONE INTERNAZIONALE: Sean Egan – The Museum of Modern Art
The Museum of Modern Art
10019 – New York, United States of America
Tel. +1 2127089792
sean_egan@moma.org
http://www.moma.org

DISTRIBUZIONE ITALIANA: Sean Egan – The Museum of Modern Art
The Museum of Modern Art
10019 – New York, United States of America
Tel. +1 2127089792
sean_egan@moma.org
http://www.moma.org

UFFICIO STAMPA: Dave Kehr – The Museum of Modern Art
11 West 53 Street
10019 – New York, United States of America
Tel. +1 2127089612


Condividi su

Share on FacebookShare on TwitterShare on LinkedINSend via WhatsApp
Biennale Cinema
Biennale Cinema