fbpx Acquista le pubblicazioni edite da La Biennale di Venezia su Biennale Store
La Biennale di Venezia

Your are here

Acquista le pubblicazioni edite da La Biennale di Venezia su Biennale Store
La Biennale -

Acquista le pubblicazioni edite da La Biennale di Venezia su Biennale Store

Disponibili per l’acquisto online cataloghi delle mostre, annuari, copie anastatiche, saggi, atti dei convegni.

È online il nuovo Biennale Store, il bookshop virtuale dove è possibile acquistare le pubblicazioni edite da La Biennale di Venezia sulle proprie attività.

Sono disponibili, in italiano e in inglese, i cataloghi delle manifestazioni internazionali di Arte, Architettura, Danza, Musica, Teatro e Cinema, le guide brevi, i cataloghi delle mostre fotografiche, i testi sulla storia dell’Istituzione e dei suoi Settori artistici, le interviste con i curatori, gli atti dei convegni Archivi e Mostre: volumi tutti realizzati da quando La Biennale di Venezia è diventata editrice delle proprie pubblicazioni.

Visita Biennale Store

Biennale Architettura 2021

Sono già acquistabili su Biennale Store le pubblicazioni della 17. Mostra Internazionale di Architettura – intitolata How will we live together? e curata da Hashim Sarkis – che si è aperta con grande successo a Venezia (Giardini e Arsenale) il 22 maggio scorso e chiuderà i battenti il 21 novembre 2021. Il Catalogo How will we live together?, in due volumi, è dedicato nel Volume I alla Mostra Internazionale a cura di Hashim Sarkis, e si apre con un saggio che approfondisce i temi della Mostra e ne presenta i protagonisti. Architetti e studi illustrano con parole e immagini i progetti esposti. Il Volume II del Catalogo presenta le Partecipazioni Nazionali, un Progetto Speciale in collaborazione con il Victoria and Albert Museum e gli Eventi Collaterali della 17. Mostra. Riccamente illustrato, il Catalogo contiene testi che approfondiscono i numerosi progetti in mostra. Oltre alla Guida Breve, le pubblicazioni della Biennale Architettura 2021 includono inoltre due volumi di approfondimento sui temi della 17. Mostra, in lingua inglese: Expansions, a cura di Hashim Sarkis e Ala Tannir, e Cohabitats.

Le muse inquiete. La Biennale di Venezia di fronte alla storia

Fra le pubblicazioni più richieste, e che ha già ottenuto grande interesse da parte della critica, Le muse inquiete. La Biennale di Venezia di fronte alla storia, il catalogo illustrato dell’importante mostra che si è tenuta in presenza e in sicurezza nel Padiglione Centrale dei Giardini da inizio settembre a fine ottobre 2020, nella ricorrenza dei 125 anni dalla fondazione della Biennale. La mostra, realizzata dall’Archivio Storico della Biennale – ASAC, è stata curata per la prima volta da tutti i Direttori dei sei Settori artistici (Arte, Architettura, Cinema, Danza, Musica, Teatro): Cecilia Alemani, Hashim Sarkis, Alberto Barbera, Marie Chouinard, Ivan Fedele e Antonio Latella.
Nell’introduzione del volume, Cecilia Alemani ha sottolineato che “Le muse inquiete è la prima mostra nella storia della Biennale concepita all’intersezione delle sei discipline che ne costituiscono le aree di ricerca principali, facendo dialogare eventi ed episodi della storia della Biennale con quella del Novecento”.

Gli annuari

Di grande interesse e successo, e disponibili online su Biennale Store, anche i due preziosi Annuari che per la prima volta raccolgono tutti i dati, fin dalla loro nascita, di due manifestazioni della Biennale che hanno fatto la storia nel mondo delle loro discipline, ovvero l’Esposizione Internazionale d’Arte e la Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica.

In particolare, l’Annuario delle Esposizioni Internazionali d’Arte raccoglie i dati di tutte le edizioni dal 1895 al 2019 e riporta le informazioni ricavate esclusivamente da fonti ufficiali della Biennale di Venezia. L’opera è divisa in tre capitoli che permettono una consultazione in ordine cronologico e alfabetico. Nella prima sezione sono raccolte le informazioni istituzionali relative a ciascuna edizione: i commissari, le giurie di premiazione, le sezioni, gli artisti, i principali allestimenti, i nuovi padiglioni costruiti in ciascun anno e i premi. Nel secondo capitolo sono pubblicati i manifesti ufficiali e una selezione di fotografie, tra allestimenti e immagini di cronaca. Nell’ultima parte gli artisti partecipanti sono elencati in ordine alfabetico per cognome con l’indicazione dell’anno e della sezione di partecipazione.

L’Annuario delle Mostre Internazionali d’Arte Cinematografica raccoglie i dati su tutte le manifestazioni cinematografiche svolte dalla Biennale dal 1932 al 2019, riportando o ricostruendo informazioni sulla struttura e la composizione della Mostra anno dopo anno, sezione dopo sezione. Sono riportate solo informazioni tratte da fonti ufficiali dell’epoca di ciascuna manifestazione, custodite nell’Archivio Storico della Biennale di Venezia. Il volume è costituito da tre parti che permettono una consultazione per ordine cronologico e alfabetico. Nella prima parte le manifestazioni sono elencate in ordine cronologico e sono raccolte le informazioni istituzionali relative a ciascuna manifestazione, alle giurie, ai premi, alle sezioni e ai film. Nella seconda, i film sono elencati in ordine alfabetico per titolo. Nella terza, i registi sono elencati in ordine alfabetico per cognome, con accanto l’anno di partecipazione alla Mostra.

Ambiente/Arte. Dal Futurismo alla Body Art

Di grande interesse anche la recente pubblicazione Ambiente/Arte. Dal Futurismo alla Body Art, che ripropone in copia anastatica – arricchita da un’intervista al grande curatore Germano Celant, scomparso un anno fa – il volume, pubblicato nel 1977, che accompagnava la mostra dal titolo Ambiente/Arte organizzata all’interno del Padiglione Centrale nell’ambito della Biennale Arte 1976. I cavalli di Kounellis, le diverse ambientazioni di interventi cromatici, materici e figurali, da Merz a Beuys, le costruzioni in legno, acciaio e vetro di Acconci, Nauman e Palermo, l’enorme wall drawing di LeWitt: attraverso immagini documentarie e testi critici, il libro restituisce tutta la ricchezza e complessità della mostra del 1976, di quella straordinaria ricerca sull’opera d’arte in relazione con lo spazio circostante.


Condividi su