fbpx Aperture Straordinarie: una mostra al Padiglione Venezia
La Biennale di Venezia
    • IT
  • Menu

Your are here

Aperture Straordinarie: una mostra al Padiglione Venezia
La Biennale -

Aperture Straordinarie: una mostra al Padiglione Venezia

Un progetto del Comune di Venezia, dal 29 agosto al 31 dicembre 2020 ai Giardini della Biennale.

Aperture Straordinarie

Un ponte virtuale con la Biennale Architettura 2021, ma anche un’opportunità per immaginare e plasmare un mondo diverso e invitare i giovani a credere in questo futuro prossimo, apparentemente così incerto. Sono queste le radici di Aperture Straordinarie, il progetto voluto dal Comune di Venezia che non ha così rinunciato all’apertura del proprio Padiglione nei Giardini della Biennale, decidendo di dare voce e spazio gratuitamente alle realtà culturali che negli ultimi mesi hanno attraversato una profonda crisi.

L’inaugurazione si tiene sabato 29 agosto, alle 17. Per l’occasione il Padiglione Venezia ospita un omaggio a Ennio Morricone, firmato dalla Venice Chamber Orchestra. A partire dal 3 settembre ospiti illustri del mondo del cinema, del teatro, dell’arte ma anche della musica e del giornalismo, saranno protagonisti di un ricco programma di incontri organizzato dalla curatrice Giovanna Zabotti, con la speciale collaborazione del cineasta Ferzan Özpetek, dell’architetto Michele De Lucchi e di Marilisa Capuano per la parte degli incontri.

 

L’entrata al Padiglione Venezia è gratuita previa prenotazione online.

 

Mostra Aperture Straordinarie:
Prenota

Calendario degli incontri

INAUGURAZIONE
Sabato 29 agosto
Ingresso 16.30/ Inizio 17.00 / Conclusione 19.00
Omaggio a Ennio Morricone con la Venice Chamber Orchestra

 

#CONVERSAZIONE1
Giovedì 3 settembre
Ingresso 19.00 / Inizio 19.30 / Conclusione 21.00
Diodato con la partecipazione di Ferzan Özpetek

 

#CONVERSAZIONE2
Sabato 5 settembre
Ingresso 17.00 / Inizio 17.30 / Conclusione 19.00
Ferzan Özpetek con Paolo Fantin
Per entrambi conduce Arianna Finos (La Repubblica)

 

#CONVERSAZIONE3
Domenica 6 settembre
Ingresso 16.00 / Inizio 16.30 / Conclusione 18.00
Alessio Boni
Conduce Anna Sandri (La Nuova Venezia/Mattino di Padova/Tribuna di Treviso)

 

#CONVERSAZIONE4
Venerdì 11 settembre
Ingresso 17.00 / Inizio 17.30 / Conclusione 19.00
Giampaolo Letta

 

#CONVERSAZIONE5
Venerdì 18 settembre
Ingresso 17.00 / Inizio 17.30 / Conclusione 19.00
Lorenzo Marini

 

#CONVERSAZIONE6
Sabato 19 settembre
Ingresso 17.00 / Inizio 17.30 / Conclusione 19.00
Sidival Fila

 

#CONVERSAZIONE7
Sabato 26 settembre
Ingresso 17.00 / Inizio 17.30 / Conclusione 19.00
Fabrizio Plessi

 

#CONVERSAZIONE9
Domenica 4 ottobre
Ingresso 16.00 / Inizio 16.30 / Conclusione 18.00
Michele De Lucchi
Tecnologia e artigianato, la lezione della creazione nel mondo del design
Tutto d’un fiato Brass Quintett (musiche dal classico al pop)

 

#CONVERSAZIONE8_1
Sabato 10 ottobre
Ingresso 14.30 / Inizio 15.00 / Conclusione 16.00
Un piano per la città
La trasformazione della società a Venezia e nel suo territorio

 

#CONVERSAZIONE8_2
Sabato 10 ottobre
Ingresso 16.00 / Inizio 16.30 / Conclusione 18.00
Aldo Cibic
L’architettura che parte dalla vita, la visione concreta del futuro di un designer innovativo

 

#CONVERSAZIONE10
Domenica 11 ottobre
Ingresso 16.00 / Inizio 16.30 / Conclusione 18.00
Riccardo Illy e Francesca di Carrobio
Marketing, famiglia e talento: l’economia del futuro nei percorsi di due protagonisti dell’imprenditoria
Venice Vocal Jam (musiche di The Way Back Home, Venice Vocal Jam, The Beatles)

 

#CONVERSAZIONE11
Sabato 17 ottobre
Ingresso 16.00 / Inizio 16.30 / Conclusione 18.00
Edoardo Purgatori e Barbara Chichiarelli con la partecipazione straordinaria di Ferzan Özpetek
Emergere oggi, la lezione di due giovani attori tra palcoscenico e cinema

 

#CONVERSAZIONE12_1
Sabato 24 ottobre
Ingresso 15.00 / Inizio 15.30 / Conclusione 16.00
Mogol
La vita attraverso le parole, il segreto della firma delle più belle canzoni italiane degli ultimi sessant’anni

 

#CONVERSAZIONE12_2
Sabato 24 ottobre
Ingresso 17.00 / Inizio 17.30 / Conclusione 18.30
Emilio Casalini
Dai reportage alla divulgazione, il bisogno di economia della bellezza per un giornalista di razza

Le muse inquiete

La Biennale di Venezia, nella ricorrenza dei 125 anni dalla sua fondazione, presenta la mostra Le muse inquiete. La Biennale di Venezia di fronte alla storia, che si terrà al Padiglione Centrale dei Giardini della Biennale da sabato 29 agosto fino a martedì 8 dicembre 2020, realizzata dall’Archivio Storico della Biennale – ASAC.

La mostra è curata per la prima volta da tutti i Direttori dei sei Settori Artistici (Arte, Architettura, Cinema, Danza, Musica, Teatro) che hanno lavorato insieme per ripercorrere, attraverso le fonti uniche dell’Archivio della Biennale e di altri archivi nazionali e internazionali, quei momenti in cui La Biennale e la storia del Novecento si sono intrecciate a Venezia.

Acquista il biglietto


Condividi su