fbpx Biennale Danza 2022 | Biennale College Danza: aperti fino al 21 marzo i nuovi bandi
La Biennale di Venezia

Your are here

Biennale College Danza: aperti fino al 21 marzo i nuovi bandi
Danza -

Biennale College Danza: aperti fino al 21 marzo i nuovi bandi

Sono online i bandi internazionali per la selezione di giovani danzatori/danzatrici e coreografi/coreografe.

Biennale College Danza 2022

Seconda edizione di Biennale College Danza sotto la guida di Wayne McGregor, alla ricerca dei “visionari di domani”. Da oggi lunedì 21 febbraio sul sito web della Biennale di Venezia www.labiennale.org – sono aperti fino a lunedì 21 marzo due nuovi bandi destinati a selezionare rispettivamente 16 danzatori/trici, tra i 18 e i 30 anni, e 2 coreografi/e, a partire dai 18 anni, provenienti da tutto il mondo.

Biennale College Danza si concluderà, dopo un percorso lungo tre mesi, presentando sul palcoscenico del 16. Festival Internazionale di Danza Contemporanea (22 > 31 luglio):

  • la nuova creazione realizzata in esclusiva da Saburo Teshigawara, Leone d’Oro alla carriera 2022, per il gruppo di danzatori e coreografi e commissionata dalla Biennale di Venezia.
  • l’allestimento di uno dei famosi Event di Merce Cunningham, mentori Daniel Squire, che ha riallestito molti dei suoi lavori, e Jeannie Steele, per sedici anni con la compagnia come danzatrice e assistente alle prove.
  • due brevi composizioni originali ideate dai 2 coreografi in collaborazione con i 16 danzatori, mentore lo stesso direttore Wayne McGregor.

Strutturato come un programma intensivo teorico-pratico della durata di tre mesi (9 maggio > 31 luglio), Biennale College Danza, nell’ideazione di Wayne McGregor, mira ad ampliare competenze, abilità, conoscenze e consapevolezza dei 18 giovani artisti che saranno selezionati fornendo loro quegli strumenti necessari ad affrontare a tutto campo la professione. Al fianco dei giovani artisti ci saranno maestri, coreografi, insegnanti e istruttori di primo piano, ma anche importanti professionisti del mercato in una visione globale e integrata del danzatore/coreografo oggi.

Le novità della seconda edizione

Alla sessione propedeutica con Wayne McGregor sul Physical Thinking, oggetto privilegiato della sua ricerca, volta a creare materiale di danza e composizione, si aggiunge, vera novità di quest’anno, una sessione dedicata all’interazione tra danza e nuove tecnologie, fornendo a danzatori e coreografi la possibilità di saggiare le applicazioni generative dell’intelligenza artificiale attraverso l’utilizzo del Living Archive, lo strumento di composizione coreografica nato dalla collaborazione tra Google e McGregor. Partendo dai danzatori stessi e attingendo al repertorio di McGregor, il Living Archive sfrutta l’apprendimento automatico per generare nuovi movimenti nello stile del danzatore-trice moltiplicando le possibilità del processo coreografico.

Il programma di Biennale College prevede, inoltre, lezioni quotidiane di tecnica di danza classica e contemporanea, workshop incentrati sul repertorio Cunningham, pratiche di improvvisazione, esplorazione della propria creatività, tutoraggi individuali, ma anche conferenze e seminari focalizzati sugli aspetti più pratici della realtà professionale. Un programma largamente condiviso da danzatori e coreografi con momenti specifici studiati per ognuno delle due categorie.

Durante il Festival, infine, i 18 partecipanti al College potranno assistere a tutte le attività programmate: spettacoli, incontri, installazioni, conferenze.

Il testo ufficiale dei bandi di Biennale College Danza 2022 completo di benefits e facilitazioni (viaggi, alloggi, trasporti, compensi) è consultabile all’indirizzo: www.labiennale.org/it/biennale-college.

Biennale College

Da quest’anno Biennale College è parte del progetto di sviluppo e potenziamento delle attività della Biennale di Venezia, in funzione della realizzazione di un polo permanente di eccellenza nazionale e internazionale a Venezia. Come tale Biennale College rientra nel “Piano di investimenti strategici su siti del patrimonio culturale, edifici e aree naturali” del Piano nazionale per gli investimenti complementari al piano nazionale di ripresa e resilienza.

 


Condividi su