fbpx Biennale Teatro 2021 | Agrupación Señor Serrano - The Mountain
La Biennale di Venezia

Your are here

Teatro

Agrupación Señor Serrano - The Mountain


Anno / durata:2020, 70’
Creazione:Agrupación Señor Serrano
Regia e drammaturgia:Àlex Serrano, Pau Palacios, Ferran Dordal
Performance:Anna Pérez Moya, Àlex Serrano, Pau Palacios, David Muñiz
Voce:Amelia Larkins
Musica:Nico Roig
Video-programmazione:David Muñiz
Video-creazione:Jordi Soler Quintana
Spazio scenico e modellini in scala:Lola Belles, Àlex Serrano
Assistente di scenografia:Mariona Signes
Costumi:Lola Belles
Design luci:Cube.bz
Maschera digitale:Román Torre
Design di produzione:Barbara Bloin
Produzione esecutiva:Paula Sáenz de Viteri, Management Art Republic
Produzione:GREC Festival de Barcelona, Teatre Lliure, Conde Duque Centro de Cultura Contemporánea, CSS Teatro Stabile di Innovazione del Friuli – Venezia Giulia, Teatro Stabile del Veneto – Teatro Nazionale, Zona K, Monty Kultuurfaktorij, Grand Theatre, Feikes Huis
Con il sostegno di:Departament de Cultura de la Generalitat, Graner - Mercat de les Flors
Si ringrazia:Núria Guiu, Pablo Acosta Garcìa, Danila Gambettola, Martìn Garcìa Guirado, Pasqual Gorriz Marcos, Denis van Laeken, Simone Milsdochter, Eugenio Szwarcer, Alla Zakiullina

Descrizione

C’è un’immagine ampiamente diffusa che ripercorre la storia delle idee: scalare una montagna, superare tutte le difficoltà perraggiungerne la cima e, una volta lì, poter vedere il mondo “così com’è”.
Raggiungere la verità e non solo ombre o riflessi. È una bella immagine a tutti gli effetti. Ma è davvero così? Spesso guardando dall’alto non si vede altro che nuvole e nebbia che ricoprono tutto, o un paesaggio che cambia a seconda dell’ora del giorno o del tempo. Allora, com’è questo mondo? Com’è questa verità? Esiste la verità? È la verità una cima da coronare e basta, o piuttosto un sentiero freddo e inospitale che deve essere continuamente percorso? In The Mountain convergono la prima spedizione sull’Everest, il cui esito è ancora oggi incerto; Orson Welles che semina il panico con il suo programma radiofonico La guerra dei mondi; giocatori di badminton che giocano a baseball; un sito Web di fake news; un drone che scruta il pubblico; molta neve; schermi mobili; immagini frammentate; e Vladimir Putin che parla soddisfatto di fiducia e verità.


Condividi su

Biennale Teatro
Biennale Teatro