fbpx Biennale Teatro 2021 | Leone d’Oro alla carriera
La Biennale di Venezia

Your are here

Biennale Teatro 2021

Krzysztof Warlikowski

Leone d’Oro alla carriera

Cerimonia di consegna

Nel corso del 49. Festival Internazionale del Teatro
2 > 11 luglio 2021

Krzysztof Warlikowski

La Biennale di Venezia ha attribuito il Leone d’Oro alla carriera a Krzysztof Warlikowski.

“Da più di vent’anni Krzysztof Warlikowski - secondo la motivazione - è fautore di un profondo rinnovamento del linguaggio teatrale europeo. Utilizzando anche riferimenti cinematografici, un uso originale del video e inventando nuove forme di spettacolo atte a ristabilire il legame tra l’opera teatrale e il pubblico, Warlikowski sprona quest’ultimo a strappare il fondale di carta della propria vita e scoprire cosa nasconde realmente”.

Presente con le sue regie teatrali nei maggiori festival di tutto il mondo - dall’Europa alle Americhe - e con i suoi allestimenti lirici nei più importanti teatri d’opera - da Parigi a Londra e Salisburgo - Krzysztof Warlikowski è “un artista libero - scrivono ricci/forte - che apre brecce poetiche illuminando con un fascio di luce cruda il rovescio della  medaglia;  che  rompe  la  crosta  delle  cose  toccando le coscienze; che scende nelle viscere del dolore e mette in discussione con ironia le ambiguità sia della Storia con la “s” maiuscola sia quelle della nostra esistenza individuale, offrendoci la visione di una società minacciata da cambiamenti radicali e sempre più assediata da una tentacolare classe dirigente di predatori famelici, evidenziando la violenza nei rapporti sociali e familiari e il bisogno urgente che l’emozione di un puro e semplice desiderio d’amore ci può donare”.

Note biografiche

Krzysztof Warlikowski (Stettino - Polonia, 1962) firma i suoi primi spettacoli nel 1989, a 27 anni, dopo aver completato gli studi di filosofia e storia a Cracovia e di lingua francese e teatro greco alla Sorbona di Parigi.

Warlikowski ha creato un nuovo modo di mettere in scena Shakespeare e realizzato rivoluzionarie interpretazioni della tragedia greca, ma è anche noto per la messinscena di testi contemporanei. Nel 2002 la regia di Cleansed di Sarah Kane al Festival d’Avignon e poi al Festival de Théâtre des Amériques di Montreal, con la vasta eco ottenuta, segna un punto di svolta nella carriera artistica internazionale di Warlikowski.

Dal 2008 è Direttore artistico del Centro Culturale Internazionale Nowy Teatr di Varsavia, dove ad oggi ha diretto sei spettacoli basati sul montaggio di frammenti di testi diversi: (A)pollonia (2009), The End (2010), African Tales by Shakespeare (2011), Kabaret warszawski (2013), The French (2015), We Are Leaving (2018). Tutti spettacoli coprodotti con i maggiori teatri europei, come: Théâtre National de Chaillot e Odéon Théâtre de l’Europe di Parigi, Festival d’Avignon, Comédie de Cermont-Ferrand, Festival Greco di Atene, Théâtre Royal de la Monnaie di Bruxelles, Théâtre de Liège, Ruhrtriennale. All’Odéon Théâtre de l’Europe di Parigi ha diretto due spettacoli: Streetcar (2011) e Phaedra(s) (2016), protagonista Isabelle Huppert.

Le sue regie sono state presentate nei festival più importanti: Festival d’Avignon, Festival de Otoño di Madrid, Edinburgh International Festival, Wiener Festwochen, Next Wave Festival BAM di New York, Festival di Atene, Festival Internazionale del Teatro di Santiago a Mil in Cile, Festival Internazionale del Teatro PoNTI in Porto, Seoul Performing Arts Festival della Corea del Sud, Tianjin Canyu International Theatre Festival in Cina, Festival BITEF di Belgrado.

Warlikowski ha firmato regie liriche per importanti teatri d’opera europei, fra cui: La Monnaie di Bruxelles, Opéra National di Parigi, Teatro Real di Madrid, Bayerische Staatsoper di Monaco, Royal Opera House di Londra, Festival d’Aix en Provence, Rurhtriennale e Salzburg Festival. Il suo tentativo di “riteatralizzare” l’opera ne ha fatto uno dei registi più rivoluzionari in questo campo. Fra le sue regie liriche: Ifigenia in Tauride, L’affare Makropulos, Parsifal, La donna senz’ombra, Medea, Lulu, Don Giovanni, Bluebeard’s Castle/La voix humaine, Il trionfo del tempo e del disinganno e recentemente Die Gezeichneten, Da una casa di morti, Le Bassaridi, Lady Macbeth del distretto di Mzensk, Salomé, Contes d’Hoffmann, Electra.

Fra i numerosi premi ricevuti: il Premio dell’Associazione nazionale critici di teatro francesi per il miglior spettacolo straniero con Cleansed di Sarah Kane nel 2003 e di nuovo nel 2008 con Angels in America; il Premio Meyerhold a Mosca nel 2006 e il X Premio Europa nel 2008 a Salonicco, anno in cui riceve anche l’Obie Award del Village Voice di New York per Krum su testo di Hanoch Levin, presentato al BAM’s 25th Next Wave Festival; la “Maschera d’oro” per il miglior spettacolo straniero in Russia nel 2011 con (A)pollonia).

Biennale Teatro
Biennale Teatro