fbpx Biennale Architettura 2018 | Clancy Moore Architects
La Biennale di Venezia

Your are here

Clancy Moore Architects

Kay Otto Fisker, Hornbækhus, Copenhagen, Danimarca
[Close Encounter]



Andrew Clancy, Colm Moore

Sono rimasti solo sei dei disegni di Kay Fisker per la Hornbækhus: una planimetria che sconfina dai margini della pagina, due elevazioni meticolosamente tracciate e tre fogli di dettagli di porte e finestre in scale diverse. Questi disegni illustrano il definirsi di una città come un dialogo tra strategia e dettaglio e descrivono con meticolosa parsimonia i requisiti minimi che consentono l’abitabilità. La Hornbækhus realizza un’architettura generosa con mezzi minimi.
È una architettura dell’infrastruttura. La linea prolungata della sua facciata segna un territorio entro cui una comunità è stata positivamente raccolta: il suo successo è da ricercarsi nell’architettura calibrata e nell’articolazione attenta di vari elementi.
A nostro avviso, questo approccio si riscontra soprattutto nel trattamento delle facciate dell’edificio. Nonostante la loro imponenza, i prospetti esterni sono ingentiliti dalle finestre che si aprono verso la città, abbinate ad ampie fasce di intonaco che attirano la luce e “smaterializzano” le grandi pareti di mattoni. In questo modo la facciata diventa una tenda chiusa, unita a ognuno dei suoi angoli netti da cuciture di pietra, sospesa da un cornicione che ne sottolinea il carattere di tela tesa e rivolta verso la città. Di contro, il prospetto interno è definito da finestre leggermente incassate, che lo rendono più solido, per uno spazio circoscritto più intimo. Gli angoli interni di questo ambiente comune sono smussati, come per renderne l’abbraccio più compiuto.
La nostra proposta rielabora questa architettura sociale in tre frammenti, che rappresentano l’essenza della Hornbækhus. La forma di questi elementi descrive le diverse condizioni angolari dell’isolato, mentre la loro articolazione superficiale, sia all’esterno che all’interno, è derivata dalle diverse facciate dell’edificio. Il visitatore è invitato a utilizzare questi frammenti come sedute su cui accomodarsi a leggere il volume su Fisker che abbiamo redatto insieme ai nostri studenti. Queste tre sedute intendono rappresentare il requisito minimo per costituire una comunità.
Clancy Moore Architects

Padiglione Centrale
Vedi su Google Maps

Condividi su

Biennale Architettura
Biennale Architettura