fbpx Biennale Cinema 2022 | Kapag wala nang mga alon (Quando non ci sono più onde)
La Biennale di Venezia

Your are here

Cinema

Kapag wala nang mga alon (Quando non ci sono più onde)

Fuori Concorso

Regia:
Lav Diaz
Produzione:
Epicmedia (Bianca Balbuena, Bradley Liew) Films Boutique (Jean-Christophe Simon) Rosa Filmes (Joaquim Sapinho, Marta Alves) Snowglobe (Mikkel Jersin, Katrin Pors, Eva Jakobsen)
Durata:
187’
Lingua:
Tagalog
Paesi:
Filippine, Francia, Portogallo, Danimarca
Interpreti:
John Lloyd Cruz, Ronnie Lazaro, Shamaine Centenera- Buencamino, Dms Boongaling, Danilo Ledesma, Aryanne Gollena, Roel Laguerta, Neil Alvin, Delas Alas, Ronaliza Jintalan
Sceneggiatura:
Lav Diaz
Fotografia:
Larry Manda
Montaggio:
Lav Diaz
Scenografia:
Lav Diaz
Suono:
Hugo Leitão, Emmanuel Croset, Xavier Thieulin

Sinossi

Il tenente Hermes Papauran, uno dei migliori investigatori delle Filippine, si ritrova davanti a un bivio morale. Come membro delle forze di polizia, è infatti testimone diretto dell’omicida campagna antidroga che la sua istituzione sta attuando con zelo. Tali atrocità corrodono Hermes nel fisico e nell’animo, e gli procurano una grave malattia della pelle, conseguenza dell’ansia e del senso di colpa. Mentre cerca di guarire, è tormentato da un passato oscuro, che ritorna presentandosi per la resa dei conti finale.

Commento del regista

Cosa succede quando un’istituzione, che ha il compito di proteggere la cittadinanza e assicurare che vengano rispettate le leggi emanate da uno stato, diventa responsabile di violazioni dei diritti umani (come nelle Filippine, dove la polizia è diventata lei stessa macchina di morte)? La facciata populista del presidente Rodrigo Duterte lo ha catapultato verso una tale inaudita popolarità nella scena politica delle Filippine, che ogni cosa che ordina, persino atti anticostituzionali e immorali come le uccisioni extragiudiziali perpetrate dalla polizia, ha un’apparenza di legalità ed è attribuita soprattutto all’imprimatur delle masse. La sua approvazione invece non viene soltanto dalle masse ‘ignoranti’, ma anche da intellettuali, artisti, persone istruite. La sofferenza del tenente Hermes Papauran è quindi la sofferenza dell’animo filippino e dell’animo umano. La devastante invasione dell’Ucraina da parte della Russia e la sua brutalità sembrano senza precedenti, ma in realtà sono un’intensificazione del male umano che è sempre esistito. L’umanità è diventata prona a una forma di psicosi che porta all’approvazione di poteri malvagi, e impotente davanti a un muro di ignoranza pietrificata. Putin, Duterte, Assad, Trump... sono sempre stati tra noi, crudeli macchine di morte del mondo.

PRODUZIONE/DISTRIBUZIONE

PRODUZIONE 1: Bianca Balbuena, Bradley Liew – Epicmedia
Mercedes Ave
1600 – Pasig, Metro Manila, Philippines
Tel. +63 9176208253
hello@epicmedia.ph
http://www.epicmedia.ph/

PRODUZIONE 2: Jean-Christophe Simon – Films Boutique
5, rue Nicolas Flamel
75004 – Paris, France
Tel. +33 428292379
contact@filmsboutique.com
http://filmsboutique.com/

PRODUZIONE 3: Joaquim Sapinho, Marta Alves – Rosa Filmes
Largo Maria Isabel Aboim Inglês, 2-B
1400-244 – Lisbon, Portugal
Tel. +351 213031810
geral@rosafilmes.pt
http://rosafilmes.com/

PRODUZIONE 4: Mikkel Jersin, Katrin Pors, Eva Jakobsen – Snowglobe
Refshalevej 157A, stuen
1432 – Copenhagen, Denmark
Tel. +45 31746074
info@snowglobefilm.com
http://www.snowglobefilm.com/

DISTRIBUZIONE INTERNAZIONALE: Julien Razafindranaly – Films Boutique
Köpenicker Str. 184
10997 – Berlin, Germany
Tel. +49 3069537850
contact@filmsboutique.com
http://filmsboutique.com/

UFFICIO STAMPA: Gloria Zerbinati
gloria.zerbinati@gmail.com

UFFICIO STAMPA ITALIANA: Gloria Zerbinati gloria.zerbinati@gmail.com


Condividi su

Biennale Cinema
Biennale Cinema