fbpx Nasce il nuovo Centro Informatico Musicale Multimediale
La Biennale di Venezia

Your are here

Nasce il nuovo Centro Informatico Musicale Multimediale
La Biennale -

Nasce il nuovo Centro Informatico Musicale Multimediale

Il Centro (CIMM) sarà un’infrastruttura destinata ad attività permanenti di ricerca e sperimentazione, di pratica e laboratorio.

CIMM

La Biennale di Venezia, presieduta da Paolo Baratta, annuncia l’avvio del Centro Informatico Musicale Multimediale (CIMM).

Il Centro è una nuova infrastruttura destinata ad attività permanenti di ricerca e sperimentazione, di pratica e laboratorio, utile a tutti i Settori artistici della Biennale, ai progetti di Biennale College, all’Archivio Storico (ASAC) e al progetto Scrivere in residenza, all’Educational.

Il Centro – che sarà curato per il triennio 2019-2021 da Ivan Fedele – vuole rispondere a un’esigenza sempre più sentita, nell’ambito delle diverse attività della Biennale, di un’autonomia nel campo della tecnologia digitale. Il Centro intende inoltre offrire al territorio la possibilità di svolgere attività creative e ricreative negli ambiti di pertinenza del Centro stesso.

I due poli di attività

In particolare, il Centro si articolerà in due poli:

1) alle Sale d’Armi dell’Arsenale di Venezia, un polo dedicato ad attività di ricerca artistica e progetti stabili al servizio di mostre, festival e iniziative della Biennale. In due locali (Studio A e Studio B) si darà corso a:

  • ideazione e sperimentazione di strumenti, tecniche e modelli creativi relativi a tutte le forme di spettacolo dal vivo e a installazioni multimediali;
  • ricerca artistica, che abbia come finalità la realizzazione di nuove opere sia attraverso le tecnologie più avanzate disponibili, sia attraverso nuovi modelli creativi prodotti dal Centro stesso. A questo scopo sono previste residenze annuali di artisti che si impegnino in progetti innovativi dal punto di vista dei contenuti e degli strumenti tecnologici e concettuali impiegati
  • organizzazione di un College Elettronica dedicato a giovani artisti di tutto il mondo, selezionati tramite una call internazionale
  • organizzazione periodica di pavillon internazionali di aggiornamento e comunicazione delle più recenti applicazioni di tecnologia avanzata nei settori dell’arte

 

2) a Mestre (nel Centro Civico e Teatro della Bissuola, che sarà riqualificato grazie al Comune di Venezia) per attività di ricerca di musica elettronica dedicata a musicisti e giovani del territorio, con l’assistenza di tutor: una struttura rivolta a favorire la creatività, con l’organizzazione di attività laboratoriali formative sia di base, sia evolute, destinate agli studenti di tutti i livelli scolastici

Si creeranno due laboratori gemelli per tecnologie e funzioni a quelli dell’Arsenale, ovvero uno studio di prova e uno di registrazione.

I laboratori saranno utilizzabili, previa prenotazione da parte dei fruitori e sulla base di piani di lavoro concordati coi tutor, da una pluralità di partecipanti. Tra questi:

  • principianti, che verranno introdotti all’uso delle tecnologie e alla composizione
  • utenti intermedi, che verranno aiutati a progredire nelle loro conoscenze e capacità di utilizzo
  • utenti avanzati, che godranno di supporti alla composizione e alla produzione in loco.

Informazioni pratiche

I partecipanti sono identificati in primis nell’universo degli studenti della scuola secondaria di primo e secondo grado, e università.

I laboratori saranno aperti dal martedì al sabato, nel pomeriggio, con fasce orarie dedicate a ciascuno dei partecipanti sopra menzionati.

In particolare i laboratori saranno riservati dalle 14.00 alle 16.30 agli utenti avanzati, previa prenotazione, e dalle 16.30 alle 19.00 per utenti intermedi e principianti, che verranno introdotti alla composizione con uso di tecnologie elettroniche, sulla base di piani di lavoro concordati coi tutor.

L’organizzazione di attività laboratoriali presterà particolare attenzione alla dimensione creativa del DJing, il genere elettronico più conosciuto e praticato dalle giovani generazioni.


Condividi su