fbpx Biennale Danza 2019 | Open Doors all’Arsenale i primi tre sabati di giugno
La Biennale di Venezia
    • IT
  • Menu

Your are here

Open Doors all’Arsenale i primi tre sabati di giugno
Danza -

Open Doors all’Arsenale i primi tre sabati di giugno

Tre appuntamenti sabato 1 giugno, 8 giugno, 15 giugno per il pubblico della danza, curiosi e appassionati, specialisti e non.

Open Doors

Prima del debutto ufficiale all’interno del 13. Festival Internazionale di Danza Contemporanea, Biennale College apre le porte alla città. I primi tre sabati di giugno - 1, 8, 15 giugno, dalle 15.00 alle 19.30 – il pubblico della danza, curiosi e appassionati, specialisti e non, ma anche i visitatori della 58. Esposizione Internazionale d’Arte potranno entrare nel vivo della creazione artistica alla Sala d’Armi A dell’Arsenale dove è in corso il lavoro, in fase già avanzata, dei 15 danzatori e dei 3 coreografi di Biennale College selezionati da Marie Chouinard, direttrice della Biennale Danza.

 

Maria Chiara Bono, Rebecca Carluccio, Andrea Cipriani, Ludovica Di Santo, Anna Forzutti, Eva Scarpa Dabalà, Vanessa Loi, Alice Pan, Noemi Piva dall’Italia; gli australiani Arabella Frahn-Starkie, Benjamin Hurley, Oonagh Slater, l’inglese Megan Harris, lo svizzero Tommy Cattin e lo statunitense Ramon Vargas sono i 15 danzatori e danzatrici selezionati tra un centinaio di domande pervenute dopo il lancio del bando internazionale nel novembre 2018.

Tutti tra i 18 e i 25 anni, i 15 danzatori hanno iniziato ad aprile un percorso intensivo che integra sessioni dedicate alla consapevolezza del corpo, tecniche contemporanee, ricerca del movimento e interpretazione con particolare riferimento al repertorio di Trisha Brown.

Il corso intensivo si concluderà con la presentazione al pubblico - sul palcoscenico del 13. Festival Internazionale di Danza Contemporanea (21 > 30 giugno) – di due lavori: una nuova creazione ideata per loro e con loro da Alessandro Sciarroni e Set and Reset/Reset di Trisha Brown, progetto realizzato sotto la guida degli stessi interpreti della Trisha Brown Company per cui l’opera fu originariamente concepita.

L’1 giugno alla Sala Armi A dell’Arsenale (15.00 > 19.30) si potrà assistere a sessioni di lavoro dei 15 danzatori con Marc Crousillat della Trisha Brown Dance Company

 

Adriano Bolognino, 24 anni da Napoli, Sofia Nappi, 25 anni da Firenze, Rima Pipoyan, 31 anni, dall’Armenia sono i coreografi e le coreografe vincitori del bando presentato a novembre 2018. A ognuno di loro è affidata l’elaborazione di una creazione libera e originale di circa 20 minuti, frutto di un lavoro iniziato il 15 maggio con 7 danzatori professionisti appositamente selezionati: Lorena Ceraso, Beatrice D’Amelio, Isabel Phua, Melina Sofocleus - alumni di Biennale College Danzatori 2018 - e Mirko Ingrao, Alessandra La Bella, Matteo Carvone.

Alla fine di questo percorso, in cui Adriano Bolognino, Sofia Nappi, Rima Pipoyan si possono confrontare con esperti di coreografia, drammaturgia, regia, allestimento scenico, presenteranno le loro tre creazioni nelle serate conclusive del 13. Festival Internazionale di Danza Contemporanea (21 > 30 giugno). In attesa del debutto ufficiale, l’8 giugno i 3 coreografi si alterneranno sulla scena della Sala d’Armi A (15.00 > 19.30) nel work in progress del proprio lavoro insieme ai sette interpreti.

 

Infine, il 15 giugno vedrà riuniti i partecipanti al College Danzatori e al College Coreografi: saranno al lavoro in successione sia i danzatori – con Leah Ives della Trisha Brown Dance Company - che i coreografi.

Ingresso

L’ingresso al costo di 5 euro offre la possibilità di assistere alle open doors a partire dalle 15.00; mentre il pubblico già presente alla Biennale Arte potrà entrare semplicemente mostrando il proprio biglietto.

Biennale College

Promossa nel 2013 dal Presidente della Biennale Paolo Baratta, Biennale College è un’esperienza innovativa e complessa che integra tutti i Settori della Biennale di Venezia - Cinema, Danza, Musica, Teatro - per promuovere giovani talenti offrendo loro di operare a contatto di maestri per la messa a punto di creazioni.


Condividi su