La Biennale di Venezia

Your are here

Teatro

Giuseppe Stellato - Mind the gap



(2018, 30’) prima assoluta

ideazione e regia Giuseppe Stellato
collaboratore e performer Domenico Riso
collaborazione alla drammaturgia Linda Dalisi
suono Franco Visioli
luci Simone De Angelis
produzione Brunella Giolivo
management Michele Mele
produzione stabilemobile
in collaborazione con Olinda e L’Arboreto di Mondaino

 

Performance a ingresso gratuito, fino a esaurimento posti, per i possessori di un biglietto per lo spettacolo Girl from the fog machine factory in programma nella stessa giornata.

COMMENTO DELL'AUTORE

“È vietato oltrepassare la linea gialla”
La voce proveniente dall’altoparlante si confonde con i rumori della stazione.
Voci, passi, conversazioni, telefonate.

A pochi passi dalla linea gialla, un distributore automatico di snack e bibite osserva la gente che passa, ne ascolta i pensieri, ne registra i ricordi, pronto a esaudire dei piccoli desideri in cambio di poche monete. Poi improvvisamente, senza che nessuno lo azioni, inizia a sputare fuori oggetti diversi: una scarpa, un libro, uno spazzolino da denti...
Oggetti smarriti, ricordi di qualcuno che è passato lì davanti, ognuno per un motivo diverso: chi andava al lavoro, chi tornava a casa, chi scappava. E ogni oggetto ci racconta una storia diversa, tanti viaggi diversi, ma che forse hanno tutti un minimo comune denominatore: il tentativo di migliorare la propria esistenza. Compreso il viaggio probabilmente più difficile da affrontare: quello per sopravvivere.
Come il precedente Oblò, di cui può essere considerato una sorta di secondo capitolo, anche questo lavoro sonda il limite tra installazione e performance teatrale. Partendo dal rapporto uomo-macchina, lambisce il tema della migrazione e del viaggio, tentando una riflessione sulla percezione che la società contemporanea ha di se stessa e dell’“altro”.

Teatro alle Tese

SESTIERE CASTELLO
CAMPO DELLA TANA 2169/F
30122 VENEZIA
TEL. 0415218711
info@labiennale.org

Scopri la sede

Vedi su Google Maps

Condividi su

Biennale Teatro
Biennale Teatro