fbpx Biennale Cinema 2018 | Tel Aviv On Fire
La Biennale di Venezia

Your are here

Cinema

Tel Aviv On Fire

Orizzonti

Regia:
Sameh Zoabi
Produzione:
Samsa Film (Bernard Michaux), TS Productions (Gilles Sacuto, Miléna Poylo), Lama Films (Amir Harel), Artémis Productions (Patrick Quinet)
Durata:
97’
Lingua:
arabo, ebraico
Paesi:
Lussemburgo, Francia, Israele, Belgio
Interpreti:
Kais Nashif, Lubna Azabal, Yaniv Biton, Nadim Sawalha, Maïsa Abd Elhadi, Salim Daw, Yousef Sweid, Amer Hlehel, Ashraf Farah, Laëtitia Eïdo
Sceneggiatura:
Dan Kleinman, Sameh Zoabi
Fotografia:
Laurent Brunet
Montaggio:
Catherine Schwartz
Scenografia:
Christina Schaffer
Costumi:
Magdalena Labuz
Musica:
Andre Dziezuk
Suono:
Alain Sironval, Mourad Louanchi, Pia Dumont, David Gillain

Sinossi

Salam, un affascinante trentenne palestinese che vive a Gerusalemme, lavora come stagista sul set della famosa soap opera palestinese Tel Aviv on Fire, prodotta a Ramallah. Ogni giorno, per raggiugere gli studi televisivi, Salam deve passare attraverso un rigido posto di blocco israeliano. Qui incontra il comandante incaricato del posto di blocco, Assi, la cui moglie è una fedelissima fan della soap opera. Per impressionarla, Assi si fa coinvolgere nella stesura della storia. Ben presto Salam si rende conto che le idee di Assi potrebbero fruttargli una promozione come sceneggiatore. La sua carriera creativa decolla fino a quando Assi e i finanziatori del programma si trovano in disaccordo sul finale della soap opera. Stretto tra un ufficiale dell’esercito e i finanziatori arabi, Salam può risolvere i suoi problemi solo con un colpo da maestro.

Commento del regista

In qualità di sceneggiatore-regista palestinese che racconta storie di vita quotidiana del proprio Paese, ho una certa responsabilità etica e politica. La consapevolezza di questa responsabilità è derivata dall’aver condiviso i miei film precedenti con il pubblico locale e internazionale. Ho visto con quale facilità un film può fare affiorare il conflitto palestinese-israeliano sul piano narrativo. Alcuni hanno ritenuto che i miei film fossero “eccessivamente palestinesi”, altri “inadeguatamente israeliani” o l’esatto opposto. Realizziamo film per raccontare delle storie e comunicare una visione del mondo per come lo conosciamo, ma, in ultima analisi, l’interpretazione del nostro lavoro sfugge al nostro controllo. Con Tel Aviv on Fire, ho deciso di scrivere una storia che trattasse apertamente il tema delle prospettive divergenti. Il personaggio centrale è un aspirante scrittore che lotta per far sentire la propria voce e trovare ispirazione in una realtà intrisa di politica. Analogamente al mio film precedente, il tono è comico: non tanto per sminuire una situazione che è più difficile che mai, ma piuttosto per utilizzare gli spunti che l’iperbole comica può offrire. Come sosteneva Charlie Chaplin: “per ridere veramente, bisogna essere capaci di prendere il proprio dolore e giocare con esso”.

Produzione/Distribuzione

PRODUZIONE 1: Samsa Film
238c Rue de Luxembourg,
L-8077 – Bertrange, Luxembourg
bernard@samsa.lu
Tel. +352 4519601

PRODUZIONE 2: TS Productions
73, rue Notre Dame des champs
75006 – Paris, France
abloch@tsproductions.net
Tel. +33 (0) 153102400

PRODUZIONE 3: Lama Films
22 Sderot Chen
6416603 - Tel Aviv, Israel
amir@lamafilms.com
Tel.+3 (0) 972-3-6850430

PRODUZIONE 4: Artémis Productions
19, rue Général Gratry
1030 – Bruxelles, Belgium
patrick.quinet@artemisproductions.com
Tel. +32 (0) 221623 24

DISTRIBUZIONE INTERNAZIONALE: Indiesales
32 Rue Washington
75008 – Paris, France
info@indiesales.com
Tel. +33 (0) 1 44 83 02 27

UFFICIO STAMPA: THE PR FACTORY
Barbara Van Lombeek barbara@theprfactory.com + 32 486 54 64 80
Marie-France Dupagne mariefrance@theprfactory.com +32 477 62 67 70
Julie Vanderhaeghen julie@theprfactory.com +32 473 37 38 07
www.theprfactory.com
 


Condividi su

Biennale Cinema
Biennale Cinema