fbpx Biennale Cinema 2018 | Zan (Uccidere)
La Biennale di Venezia

Your are here

Cinema

Zan (Uccidere)

Venezia 75 Concorso

Regia:
Shinya Tsukamoto
Produzione:
Kaijyu Theater (Shinya Tsukamoto)
Durata:
80’
Lingua:
giapponese
Paesi:
Giappone
Interpreti:
Sousuke Ikematsu, Yu Aoi, Tatsuya Nakamura, Shinya Tsukamoto, Ryusei Maeda
Sceneggiatura:
Shinya Tsukamoto
Fotografia:
Shinya Tsukamoto, Satoshi Hayashi
Montaggio:
Shinya Tsukamoto
Scenografia:
Tsuyoshi Endo
Costumi:
Harue Miyamoto
Musica:
Chu Ishikawa
Suono:
Masaya Kıtada

Sinossi

Nel corso della metà del XIX secolo, dopo circa 250 anni di pace, in Giappone i guerrieri samurai si sono impoveriti. Di conseguenza, molti lasciano i loro padroni per diventare dei ronin erranti. Mokunoshin Tsuzuki è uno di questi samurai. Per conservare la sua abilità nel maneggiare la spada, Mokunoshin si allena quotidianamente con Ichisuke, il figlio di un contadino. La sorella di Ichisuke, Yu, li guarda esercitarsi con una leggera disapprovazione, sebbene tra lei e Mokunoshin si avverta un’attrazione non dichiarata. Se da un lato la vita agricola è tranquilla dall’altro il Giappone vive un enorme subbuglio. La Marina militare statunitense ha inviato il Commodoro Perry nel paese per stimolare il commercio con gli Stati Uniti, alimentando così i disordini civili. Yu è preoccupata perché sente che presto Mokunoshin partirà per combattere e, di conseguenza, morire nell’imminente guerra civile. Un giorno i tre incontrano due samurai in duello. Il vincitore è Jirozaemon Sawamura, un abile ronin dai modi gentili. Sawamura resta nel villaggio per cercare altri potenziali guerrieri, quando arriva un gruppo di ronin fuorilegge. Gli abitanti del villaggio hanno sentito voci terribili sul capo dei banditi, Sezaemon Genda. Quando l’irruento Ichisuke sfida i fuorilegge, la direzione delle loro vite cambia drasticamente.

Commento del regista

Un giovane ronin che fissa con ardore la propria spada.
Era questo il germe di un’idea che mi era venuta anni fa.
Come ucciderò un’altra persona con questa spada? Come posso farlo?
Qualche samurai deve averlo pensato.
Anche se me lo ordina il mio padrone, come posso arrivare a tanto?
Non lo avrà forse pensato qualcuno di loro?
In Nobi avevo esplorato l’orrore assoluto della guerra, pertanto questa volta volevo che il mio film affrontasse un tema completamente diverso. Quindi, quel verso che rimuginavo in testa è diventato il nucleo del film. Man mano che cresceva dentro di me l’inquietudine per la situazione del mondo, sentivo l’urgenza di esprimerla come fosse un urlo. Quel singolo verso è cresciuto fino a diventare una storia con un incredibile cast di interpreti e una troupe fidata. Viaggiare indietro nel tempo, rispetto agli anni Quaranta in cui è ambientato Nobi, e condensare tutte le armi da fuoco in una sola spada mi ha riavvicinato all’essenza dell’uomo.

Produzione/Distribuzione

PRODUZIONE 1: Kaijyu Theater
1-32-4-402, Nishisugamo, Toshima-ku
1700001 – Tokyo, Japan
Tel. + 81 33949507
kaijyu@gc4.so-net.ne.jp

DISTRIBUZIONE INTERNAZIONALE: Kawai Emico - Nikkatsu Corporation
3-28-12, Hongo, Bunkyo-ku
1130033 – Tokyo, Japan
Tel. +81 356891014
international@nikkatsu.co.jp

UFFICIO STAMPA: Gloria Zerbinati
gloria.zerbinati@gmail.com
+33 (0)7 86 80 02 82 (anche / also on whatsapp)
+39 338 12 00 517


Condividi su

Biennale Cinema
Biennale Cinema