fbpx Biennale Cinema 2020 | The Furnace
La Biennale di Venezia

Your are here

Cinema

The Furnace

Orizzonti

Regia:
Roderick MacKay
Produzione:
Southern Light Films (Timothy White), The Koop (Tenille Kennedy)
Durata:
116’
Lingua:
Inglese, Badimaya, Pashto, Punjabi, Cantonese
Paesi:
Australia
Interpreti:
Ahmed Malek, David Wenham, Baykali Ganambarr, Jay Ryan, Erik Thomson, Trevor Jamieson, Samson Coulter, Wakara Gondarra, Mahesh Jadu, Osamah Sami, Goran D Kleut
Sceneggiatura:
Roderick MacKay
Fotografia:
Michael McDermott
Montaggio:
Merlin Eden
Scenografia:
Clayton Jauncey
Costumi:
Lisa Gunning Galea
Musica:
Mark Bradshaw
Suono:
David Raines, Nick Gallagher

sinossi

1897, Australia occidentale. Per sfuggire a una dura esistenza e tornare a casa, un giovane cammelliere afgano fa coppia con un misterioso bushman in fuga con due lingotti d’oro da una dozzina di chili con il marchio della corona. L’improbabile coppia deve battere uno zelante sergente di polizia e i suoi uomini nella corsa per raggiungere una fornace segreta: l’unico posto in cui possono manipolare in sicurezza i lingotti rimuovendo il marchio della corona. Il film è un’improbabile storia di eroi che si muovono tra avidità e ricerca della propria identità in una nuova terra. L’opera fa luce sulla storia dimenticata dei cammellieri “Ghan” australiani: prevalentemente musulmani e sikh provenienti da India, Afghanistan e Persia, essi esplorarono l’interno desertico del paese, stringendo così dei legami unici con gli aborigeni locali.

commento del regista

Oggi l’Australia ha il più alto numero di cammelli selvaggi. Tuttavia, la maggior parte degli australiani non sa che, a partire dagli anni Sessanta dell’Ottocento, l’impero britannico importò cammelli e addestratori dall’Afghanistan, dall’India e dalla Persia per esplorare l’interno del deserto australiano. Questi camellieri islamici, sikh e indù costituivano la principale forma di esplorazione e di trasporto merci tra le colonie e i campi dei minatori d’oro. Furono essenziali per il costituirsi della nazione, tuttavia dovettero sopportare molti pregiudizi e furono spesso costretti a contratti di lavoro forzato. The Furnace è una rivisitazione della mitologia di frontiera che tesse questa storia dimenticata nell’arazzo dell’Outback. La mia speranza è che il film generi un senso di identità australiano più inclusivo.

PRODUZIONE/DISTRIBUZIONE

PRODUZIONE 1: Timothy White – Southern Light Films
70 Regent Street
2021 – Paddington, Australia
Tel. +61 416 190 590
tw@southernlightfilms.com
www.southernlightfilms.com/

PRODUZIONE 2: Tenille Kennedy – The Koop
43 Grosvenor Road
6050 – Mt Lawley, Australia
Tel. +61 402 455 737
tenillekennedy@me.com
www.thekoop.com.au/

DISTRIBUZIONE INTERNAZIONALE: Lina Marrone – Arclight Film
Tel. +1 416 5691224
Lina@arclightfilms.com

UFFICIO STAMPA: Premier
THEFURNACE@premiercomms.com


Condividi su

Biennale Cinema
Biennale Cinema