fbpx Biennale Cinema 2020 | La nuit des rois
La Biennale di Venezia

Your are here

Cinema

La nuit des rois

Orizzonti

Regia:
Philippe Lacôte
Produzione:
Banshee Films (Delphine Jaquet), Wassakara Productions (Ernest Konan), Peripheria (Yanick Létourneau), Yennenga Production (Yoro Mbaye)
Durata:
92’
Lingua:
Francese, Dioula, Nouchi
Paesi:
Costa d’Avorio, Francia, Canada
Interpreti:
Koné Bakary, Steve Tientcheu, Rasmané Ouédraogo, Issaka Sawadogo, Digbeu Jean Cyrille, Abdoul Karim Konaté, Anzian Marcel, Laetitia Ky, Denis Lavant
Sceneggiatura:
Philippe Lacôte
Fotografia:
Tobie Marier Robitaille CSC
Montaggio:
Aube Foglia
Scenografia:
Samuel Teisseire
Costumi:
Hanna Sjödin
Musica:
Olivier Alary
Suono:
Pierre-Jules Audet, Emmanuel Croset
Effetti visivi:
Autre Chose

sinossi

Un giovane uomo viene mandato a “La Maca”, una prigione nel cuore della foresta ivoriana controllata dai prigionieri stessi. Allo spuntare della luna rossa, il Boss lo designa come il nuovo “Roman” a cui spetta il compito di raccontare una storia agli altri prigionieri. Dopo avere scoperto il destino che lo attende, inizia a raccontare la vita del leggendario fuorilegge “Zama King”, e non ha altra scelta se non protrarre il suo racconto fino all’alba.

commento del regista

Con La Nuit des Rois volevo ritrarre la società ivoriana post-bellica attraverso il prisma della piùù grande prigione del Paese: Maca. Questo è un luogo di detenzione di cui serbo ancora immagini molto forti e che mi ha affascinato per lungo tempo. Da bambino avevo l’abitudine di spingermi una volta alla settimana ai margini della Banco Forest a bordo di un taxi collettivo che usavo per andare a trovare mia madre, all’epoca detenuta per questioni politiche. Poiché a Maca non esistono zone adibite alle visite, attendevo il mio turno tra i prigionieri che circolavano liberamente tra i gruppi di visitatori. Era un mondo che amavo osservare, sebbene non fossi in grado di decodificare tutto. Avevo l’impressione di trovarmi in una sorta di regno arcaico abitato da principi e lacchè... Il film ruota attorno a questa ambientazione singolare. All’interno della prigione, ci immergiamo in una società che ubbidisce alle sue leggi e ai suoi riti. Uno dei rituali, vecchio come il mondo, prevede di narrare storie nelle ore notturne alla luce di una lampada... L’intero film si svolge nel corso di una notte di luna rossa. Il cielo, come sottolineato dal personaggio chiamato “Lookout”, si tinge di uno strano colore che si riflette all’interno della prigione, conferendo così una dimensione speciale alla notte. Con La Nuit des Rois, ci rendiamo conto che l’Africa è forse l’ultimo teatro antico di oggi, dove la tragedia e gli interessi del potere si manifestano allo stato grezzo, frontalmente e con forte impatto visivo.

PRODUZIONE/DISTRIBUZIONE

PRODUZIONE 1: Ernest Konan - Wassakara Productions
11 BP 279 ABJ11
279 – Abidjan, Côte d'Ivoire
Tel. +225 05 26 06 21
wassakaraproduction@yahoo.fr

PRODUZIONE 2: Delphine Jaquet – Banshee Films
25, Av. de la République
93800 - Epinay-Sur-Seine, France
Tel. +33 1 48 23 38 28
contact@bansheefilms.net

PRODUZIONE 3: Yanick Létourneau – Peripheria
5333, Casgrain Ave. #1109
H2T 1X3 – Montreal, Canada
Tel.+1 514 948 8005
info@peripheria.ca

DISTRIBUZIONE INTERNAZIONALE: Mathieu Delaunay - Memento Films International
9 cité Paradis
75010 – Paris, France
Tel. +33 1 53 34 90 33
sales@memento-films.com
http://www.memento-films.com

UFFICIO STAMPA/PRESS OFFICE: Premier
LANUITDESROIS@premiercomms.com


Condividi su

Biennale Cinema
Biennale Cinema